Se non hai un sito web che si vede bene dagli smartphone ti cancello dal pianeta, parola di Google!

577

google penalizza ranking se non hai mobile Se non hai un sito web che si vede bene dagli smartphone ti cancello dal pianeta, parola di Google!

A partire da poche ore fa Google ha introdotto le modifiche dell’algoritmo che regola le risposte alle ricerche degli utenti favorendo i siti mobile friendly, quindi ottimizzati per smartphone e tablet. La decisione del motore di ricerca è motivata dal fatto che oltre il 50% delle ricerche viene effettuato ormai da un dispositivo mobile, un dato che in occasione della stagione natalizia negli Stati Uniti ha superato anche il 60%. Se finora dipendeva dal proprietario del sito se voleva essere mobile friendly e quindi attirare più fans e visitatori al proprio sito, d’ora in poi nelle liste di Google essere mobile friendly.

In pratica, se non hai una versione del tuo sito che si adatta automaticamente alla visualizzazione da smartphone, verrai immediatamente penalizzato e perderai tutto il ranking che finora le tue pagne avevano acquisito, quinti tutte potrai dire addio a tutte quelle belle keywords che ti portavano tutto quel bel traffico di cui andavi tanto fiero.

Questo è l’annuncio di Google, occhio che ovviamente il tono è docile e molto accomodante, ma ricordate che qui non c’è modo di trattare, se non siete mobile friendly siete fuori dal web:

Ci siamo passati tutti: abbiamo uno smartphone in mano, lo utilizziamo per accedere ad un sito internet e per tutta risposta ci troviamo su pagine difficili da leggere o da navigare; questo perché non sono ottimizzate per una fruizione da dispositivi mobili.

Con la crescita nell’utilizzo di smartphone per la ricerca su Internet, vogliamo essere sicuri che quando cercate su Google possiate trovare contenuti non solo rilevanti e al momento giusto ma anche semplici da leggere e con cui interagire, anche se vi accedete da mobile o da schermi di dimensioni inferiori rispetto a quelle abituali.

La mancanza di ottimizzazione per dispositivi mobile è un problema anche per chi produce contenuti per il web dato che le persone tendono ad abbandonare la navigazione di siti che non sono preparati per un utilizzo adeguato da mobile. Gli studi indicano che il 74% degli utenti è maggiormente predisposto a ritornare su siti mobile-friendly. Ecco perchè stiamo incoraggiando i webmaster a creare dei siti che evitino le insidie dei testi di piccole dimensioni o dei formati difficili da navigare a favore di pagine che invece possano offrire ai visitatori un’esperienza di qualità anche da mobile.

Lo scorso novembre abbiamo introdotto l’etichetta “mobile-friendly” per notificare alle persone quali link tra i risultati di ricerca portavano a delle pagine ottimizzate per dispositivi mobile e fornito risorse per aiutare i webmaster a realizzare siti di questo tipo. Da oggi nel ranking dei risultati di ricerca forniti su telefoni cellulari iniziamo ad implementare un cambiamento annunciato già da due mesi e che tiene in considerazione se un sito è ottimizzato per dispositivi mobili o meno.

Tenete presente che questo è solo uno degli oltre 200 elementi che valutiamo per fornire i migliori risultati di ricerca. I siti che non sono mobile-friendly non scompariranno dai risultati di ricerca su dispositivi mobili, anzi potrebbero posizionarsi anche più in alto se offrono contenuti di valore e che soddisfano le esigenze delle persone.

Se utilizzate la ricerca Google da dispositivi mobili da oggi potrete accedere in modo ancora più semplice a risultati di alta qualità, rilevanti e dove il testo è leggibile anche senza dover fare tap o zoom sullo schermo, dove c’è il giusto spazio tra le sezioni che prevendono dei tap e la pagina non fornisce contenuti non visualizzabili o obbliga allo scorrimento orizzontale.

NO COMMENTS

Leave a Reply