sabato, 15 dicembre, 2018
WhatsApp

412

Whatsapp ha un miliardo di utenti al giorno. Lo ha annunciato oggi Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook che nel 2014 ha comprato l’app di messaggistica per 19 miliardi. “Congratulazioni al team che lavora a Whatsapp che connette un miliardo di persone ogni giorno nel mondo” ha scritto Zuckerberg in un post che annuncia i nuovi risultati dell’app. “Solo un anno fa abbiamo annunciato che un miliardo di persone nel mondo usano Whatsapp ogni mese. Oggi siamo entusiasti e fieri nel dire che un miliardo di persone ogni giorno usano Whatsapp per rimanere in contatto con la loro famiglia e i loro amici”.

Oltre al miliardo di utenti attivi ogni giorno, la società ha inoltre pubblicato altri dati sugli utenti: sono 1,3 miliardi quelli attivi ogni mese, 55 miliardi i messaggi inviati ogni giorno, 4,5 miliardi di foto condivise ogni giorno e 1 miliardo di video.

433

Quante volte capita di ricevere una nota vocale e non poterla ascoltare perchè magari si è in riunione?

Da oggi mai più imbarazzi in pubblico grazie a una utilissima app inventata da giovani studenti itaiani.

Si chiama Speechless, l’ha messa a punto lo studio Becreatives di Bergamo, ed è in grado di trascrivere le note audio che ci arrivano tramite WhatsApp. Ma solo quelle che durano fino a 15 secondi: per le altre occorre pagare un prezzo una tantum di 2,29 euro.

2017 07 28 10171 300x184 Note vocali su WhatsApp che creano imbarazzo? Ci pensa lapp Speechless

Autori di questa app destinata a migliorare il mondo della comunicazione è il team di Becreatives, composto da Paolo Bonetti, Alessandro Buononato, Alberto Abruzzo e Marco Cuciniello. La media di età del gruppo è 20 anni e provengono da tutta Italia.

emoticon segrete

Le emoticon hanno cambiato il modo in cui interagiamo l’uno con l’altro. Nelle sterili conversazioni di internet, riescono a esprimere quello che non riusciamo a dire…e in maniera divertente! Se però le emoticon standard dell’iPhone ti hanno stancato e stai cercando qualcosa di più originale, questa guida fa per te. Potrai scoprire le emoticon nascoste del tuo iPhone e usarlo per impressionare i tuoi amici. Cosa stai aspettando?

Guarda come fare a sbloccarle:

Le emoticon che userai sono infatti quelle giapponesi, famose per essere usatissime nel paese del Sol Levante. E c’è un motivo: ce ne sono a centinaia, tutte bellissime ma una diversa dalle altre! Se però l’inglese non è il tuo forte abbiamo trascritto la guida per te.

1) Vai su impostazioni

2) Vai su Generale>Tastiera>Tastiere>Aggiungi nuova tastiera>Giapponese>Kana

Quando avrai messo come tastiera disponibile il Kana, vedrai che avrai a disposizione TONNELLATE di nuove emoticon da usare con i tuoi amici. Quando scrivi un messaggio, clicca sull’icona del globo e vedrai una tastiera giapponese. Non spaventarti: clicca il tasto  ^-^ per aprire un mondo di emoticon giapponesi! La mia preferita? (◕‿◕) ♥      Qual è la tua invece?

1337

Se sei uno a cui piace scrivere e mettere in grasseto le parole importanti, Whatsapp fino ad ora non ha fatto per te. Ma ci sono delle opzioni nascoste che puoi finalmente utilizzare per rendere i tuoi messaggi un po’ più speciali(e che nessuno ti ha mai detto prima), abilitate proprio oggi. Leggi qui per scoprire come fare.

Come scrivere in grassetto, corsivo e barrato su Whatsapp

Per utilizzare questa opzione devi avere almeno iOS 2.12 (e contando che ormai siamo ad iOS 9.2 direi che sei messo bene) e un qualsiasi cellulare Android.

2a How To Create Bold Italics Strikethroughs WhatsApp Scrivere messaggi su Whatsapp in grassetto e corsivo, ecco come fare

Per il grassetto aggiungi gli asterischi * all’inizio e alla fine della parola.

Per il corsivo aggiungi i trattini _ bassi all’inizio e alla fine della parola.

Per il barrato aggiungi le onde ~ all’inizio e alla fine della parola.

Puoi perfino combinare i simboli e creare parole che uniscano grassetto e corsivo.

Ti è stato tutto utile? Provalo con i tuoi amici e metti in evidenza nei gruppi quello che vuoi dire!

2370
tradisce su whatsapp

Lo facciamo tutti: controlliamo se quando ci ha detto buonanotte sia andato veramente a dormire, se c’è ancora la scritta online su Whatsapp. E guai se con qualche pretesto ha messo la privacy, rendendoci impossibile la vita: ci arrendiamo all’evidenza, al non poter vedere la sua spunta blu o l’orario di chiusura. Ma se pensate che vi stia mentendo, Whatsapp può essere un fedele alleato e ci può aiutare a scoprire il partner fedifrago. Come? Con una funzione molto interessante e con delle app dedicate.

Utilizza l’archivio di Whatsapp sugli iPhone

fotowhatsapp 1024x815 Scopri se ti tradisce su Whatsapp: le app per capire se hai le corna!

Non è altro che la funzione più utile di Whatsapp e serve a capire se parlate di più con una determinata persona o in realtà i vostri messaggi vanno ad un’altro. Purtroppo è disponibile solo per iPhone ma il funzionamento è semplicissimo ( da usare sotto Wi-Fi, perché scarica molti dati)

  1. Apri WhatsApp e fare tap sulla scheda Impostazioni (in basso a destra)
  2. Seguire il percorso Account > Utilizzo archivio
  3. Fare tap su ciascun contatto per vedere le statistiche di ogni conversazione
  4. Fine!

Le informazioni che mette a disposizione l’utilizzo archivio WhatsApp per iPhone sono davvero tante e tramite questa funzione potete riuscire a capire che messaggi, immagini, video, audio, posizioni e contatti vi siete scambiate con il vostro partner e lui con voi. E’ possibile inoltre conoscere la dimensione totale consumata e il numero complessivo di messaggi inviati e ricevuti. Tuttavia questi dati rimarranno per sempre: l’utilizzo archivio WhatsApp per iPhone non si può cancellare, non esiste l’opzione per azzerare le statistiche e mantenere i messaggi. L’unico modo per farlo è eliminare le conversazioni, nient’altro.

Usa Whatsdog e Servered sugli Android

whatsdog 2 1024x607 Scopri se ti tradisce su Whatsapp: le app per capire se hai le corna!

Android non dispone di Utilizzo Archivio di Whatsapp, ma se possedete uno smartphone con il sistema Google, dovreste invece gioire, perché ci sono app ancora più utili, che vi permettono di sapere quando il vostro partner è online su Whatsapp dopo avervi mentito. La prima è Whatsdog (clicca qui per scaricarla) e ti avvisa ogni volta che un contatto che hai deciso di controllare sarà entrato su Whatsapp, mentre Servered (clicca qui per scaricala) funziona con ben 5 contatti contemporaneamente! Inoltre per entrambe potrai controllare lo storico degli accessi e degli orari del contatto da te spiato e sapere esattamente ogni sua mossa. Hai già scoperto qualcosa di interessante? Faccelo sapere!

619
facebook whatsapp

Stando alle ultime cifre, un miliardo di utenti utilizza WhatsApp, lo stesso numero di Facebook, e io come voi amo usarlo per parlare con gli amici, o per scoprire se il partner mi tradisce, ma quando si tratta di inviare file non si può fare, a differenza di Telegram. Ma da oggi, con il nuovo aggiornamento per iOS e Android (ancora non si sa Windows Phone) la situazione cambia e potremo finalmente inviarci documenti. Scopri come.

Inviare PDF su Whatsapp

Il procedimento è semplicissimo. Per iOS, apri il menù della condivisione (icona della freccia in basso a sinistra nella chat) e seleziona la voce “Condividi Documento” e potrai selezionare persino i file di iCloud Drive o  altri servizi di archiviazione remota installati sul telefono, come ad esempio Dropbox o Google Drive. Per Android,  clicca la clip condivisone in alto e potrai scorrere tutti i PDF archiviati sul dispositivo, indipendentemente in quale programma si trovino.

whatsapp 600 01 Novità su Whatsapp, la condivisione documenti è finalmente disponibile (GUIDA)

 

Non ti dovrai preoccupare della privacy: tutti i documenti condivisi con una persona o un gruppo rimarranno visibili in un nuovo pannello nel menu di informazioni sul contatto e non saranno disponibile agli altri, inoltre, come per le foto, si potrà scegliere se attivare o meno il download automatico alla ricezione. Se sia il mittente che il ricevente avranno aggiornato Whatsapp potete già inviarvi tutti i file PDF che volete, da ora! E i PDF, assicura l’azienda, sono solo l’inizio.

 

Whatsapp è diventato gratis e tutti gioiscono. Tutti contenti di inviare messaggi dal telefonino gratis fino alla fine dei tempi. Ma poi cosa succede? Arrivano le solite 400 notifiche del gruppo, in cui diventa impossibile capire il sunto del discorso. Arriva il solito crash quotidiano, che ti costringe a riavviare il cellulare. Infine, se vuoi scambiare whatsapp, devi per forza dare il numero, rischiando, nel caso la conoscenza vada male, che il tuo ricordo rimanga per sempre nella sua rubrica. Ma a me questo non capita e vi voglio far capire il perché.

how to block a contact on whatsapp android 1024x574 Whatsapp vs Telegram: chi vince?

Telegram = più veloce, più sicuro

Chiariamoci, Whatsapp è stato grandioso, ci ha permesso di evitare i costosi sms e di velocizzare la nostra comunicazione in maniera chiara e veloce. E’ stato un pioniere della comunicazione. Ma ora non basta più. Anche perché tra poco, dopo essere stato comprato da Facebook, su Whatsapp saremo invasi da banner e pubblicità. Su Telegram invece, da sempre completamente gratuito, è tutta un’altra storia.

Telegram è veloce, estremamente veloce, sia su Android che iOS. Scordatevi gli interminabili minuti di invio per un video o il giorno di attesa per riceverlo. Con Telegram è tutto immediato e sicuro. L’applicazione utilizza infatti un protocollo di sicurezza sofisticatissimo, il mTPROTO, per il quale l’azienda ha offerto 200.000 dollari a chi fosse riuscito a bucarlo. Nessuno ce l’ha fatta. Telegram è la app di messaggistica più sicura del pianeta.

download 300x150 Whatsapp vs Telegram: chi vince?

Le rivoluzioni partono da piccole applicazioni

Sono così tante le novità di Telegram che è difficile parlarne di tutte. Ma una frase vi farà capire tutto: non c’è bisogno dello smartphone. Quante volte vi è capitato di tornare a casa con il cellulare scarico e dover rinunciare a parlare con i vostri amici? L’alternativa era mettere in carica il cellulare, toglierlo appena si potesse accendere, fare una foto al computer del codice QI, rimetterlo in carica, pregare che Whatsapp Web funzioni, notare che laggava come sempre e rinunciare definitivamente. Con Telegram? Basta usare il browser, semplicemente inserendo il proprio nome utente. Non servono collegamenti strani, non servono cose complicate. Semplice, come dovrebbe essere.

Schermata da 2014 11 11 175935 1024x634 Whatsapp vs Telegram: chi vince?

Ma ci sono altre cose succose. Abbiamo le chat segrete, chat le cui notifiche non appariranno sullo schermo e per cui potete impostare un timer di autodistruzione delle foto; i supergruppi, gruppi di chat che possono arrivare fino a 1000 persone e con nessun limite di invio dati tra gli utenti; le liste broadcast, utili se avete un blog; la risposta diretta, per la quale, invece di andare a scavare nei mille mila messaggi di un gruppo, con un semplice tap puoi rispondere alla persona interessata. Le notifiche intelligenti, i bot, gli stickers, le menzioni e tutto ciò di cui abbiamo parlato sono solo piccole cose che fanno grande Telegram. Perfino il Papa la usa! E voi, perché non siete ancora passati?

665

addio taglando assicurazione Addio al tagliando dellassicurazione, ci arriverà su WhatsApp!

Da questo mese – aprile 2015 – inizia il percorso che porterà alla scomparsa totale del tagliando RC auto dal parabrezza entro ottobre 2015. Non è detto che in tutte le città venga subito deciso di eliminare del tutto il tagliando, ma col passare degli anni e l’aumentare delle telecamre installate con il Targa System, ci penserà il software a effettuare i controlli sull’assicurazione e l’unico obbligo per l’automobilista sarà quello di avere un indirizzo di posta elettronica per inserire la targa nel database.

Questa novità, se non lo sapevate, è uno dei piccoli meriti del Ddl liberalizzazioni che sta rivoluzionando il mondo delle assicurazioni e di altri settori pubblici. Inoltre le grandi assicurazioni stanno facendo sapere che, considerato che tutto diventerà digitale, a questo punto l’invio dell’attestato di rischio arriverà anche con un tweet, via Messenger-Facebook o tramite WhatsApp, ovviamente a scelta del cliente, si spera.

La novità riguarda le polizze con scadenza 1° luglio, visto che la legge prevede che l’attestazione di rischio sia consegnata obbligatoriamente e in via telematica almeno 30 giorni prima. Le compagnie assicurative avranno l’obbligo di rendere disponibile l’attestato sul proprio sito web, ma in accordo con i clienti è previsto che possa essere inviato appunto anche via posta elettronica, tramite app per smarthphone e tablet, via Facebook, Twitter e WhatsApp.

RANDOM POSTS

832
Apple ha presentato in anteprima alcuni delle sue nuove 70 nuovi emoji che faranno parte della scelta disponibile su tutti gli iPhone. I nuovi...