lunedì, Novembre 28, 2022
HomePaypal8 truffe PayPal comuni e come evitarle

8 truffe PayPal comuni e come evitarle

L’adozione diffusa di PayPal significa che è popolare tra i truffatori che cercano una vittima. Sebbene queste truffe non siano necessariamente esclusive di PayPal, prosperano nel servizio grazie alla sua facilità d’uso e alla preferenza tra i venditori online.

Ogni tipo di truffa di phishing

Il phishing è una tecnica utilizzata dai venditori per indurre le vittime a rinunciare alle proprie credenziali di accesso, di solito utilizzando una pagina Web falsa che potrebbe sembrare identica a quella reale. Queste truffe di solito avvengono tramite e-mail, ma i truffatori possono anche utilizzare messaggi di testo e social media poiché tutto ciò che devono fare alla vittima è fare clic sul collegamento falso.

Queste truffe prendono molte forme diverse, ma l’obiettivo finale è sempre lo stesso: farti accedere usando il tuo nome utente e password. Se hai abilitato l’ autenticazione a due fattori  (2FA) sul tuo account, sei molto più protetto da questo tipo di truffa, ma tieni presente che anche i codici di accesso una tantum inviati tramite SMS possono essere intercettati .

Segnala phishing in Gmail

Fai attenzione ai messaggi e-mail che ti dicono che c’è un “problema” con il tuo account, che hai vinto una sorta di credito PayPal o che hai ricevuto un pagamento inaspettato. Questi messaggi saranno accompagnati da un collegamento o un pulsante collegato che potrai utilizzare per accedere.

Puoi evitare di cadere in questo accedendo sempre digitando l’indirizzo PayPal nella barra degli URL del tuo browser o utilizzando l’app mobile sul tuo smartphone. Anche se hai abilitato 2FA, se pensi di essere caduto in una truffa di phishing assicurati di cambiare la tua password (e usa sempre password univoche per ogni servizio).

419 o truffe a pagamento anticipato

Questa truffa risale al 18° secolo e non è cambiata molto negli ultimi cento anni. Se controlli la tua cartella spam in questo momento, probabilmente hai più messaggi di posta elettronica che tentano questo. Non è strettamente limitato a PayPal e può essere utilizzato su qualsiasi servizio di pagamento peer-to-peer.

419 o truffa a pagamento anticipato

La truffa utilizza e-mail, messaggi di testo o social media per informare le vittime che c’è una fortuna che le aspetta. L’unico inconveniente è che questa fortuna richiede una piccola commissione anticipata (di solito spese di conto, spese di spedizione o spese amministrative) per garantirne il rilascio. Invia la quota e riceverai in cambio l’intero importo. Il problema è che la fortuna in primo luogo non esiste.

La truffa può assumere un formato leggermente diverso, ad esempio notificandoti che hai vinto una lotteria, ma l’obiettivo è farti cedere una  quantità di denaro relativamente piccola in cambio di una vincita molto più grande. Questo potrebbe essere di poche centinaia o poche migliaia di dollari, o anche di più. Maggiore è l’eventuale pagamento, più il truffatore potrebbe tentare di sollecitare in primo luogo.

Quando ti viene detto che hai $ 750.000 in attesa, la commissione di rilascio di $ 7.500 sembra piccola in confronto. Il truffatore potrebbe anche richiedere un’altra piccola commissione dopo che l’importo iniziale è stato inviato, depredando una mentalità da “costo sommerso” che potrebbe avere le vittime: “Ho già investito così tanti soldi in questo, non voglio finire per sprecare non pagando un piccolo importo aggiuntivo. Questa truffa può essere evitata se ricordi una regola d’oro: se qualcosa sembra troppo bello per essere vero, quasi sicuramente lo è.

Truffe sugli indirizzi di spedizione

Le truffe sugli indirizzi di spedizione non sono nuove, ma spesso catturano venditori inesperti che non riescono a individuare i segnali rivelatori. I truffatori acquisteranno un oggetto online, vincendo un’asta su un sito Web come eBay o anche acquistando direttamente dal negozio online di un venditore.

Il truffatore fornisce quindi un indirizzo di spedizione falso, a cui l’oggetto non può essere consegnato. Quando l’articolo non viene visualizzato, l’acquirente contatta PayPal per informarlo e richiede un rimborso, poiché la transazione è probabilmente coperta dalla Protezione acquirenti di PayPal.

La parte finale della truffa prevede che il truffatore contatti direttamente la compagnia di spedizioni e fornisca un indirizzo legittimo a cui consegnare l’oggetto. Possono anche provare a ritirare l’articolo di persona dal deposito di spedizione. Il truffatore si allontana con un rimborso completo e l’oggetto, mentre l’acquirente finisce a mani vuote.

I truffatori spesso lo usano per acquistare oggetti di alto valore che possono essere facilmente rivenduti. Le limitazioni nella Protezione del venditore di eBay significano che la transazione è coperta solo se l’indirizzo fornito nell’estratto conto della transazione (l’indirizzo di fatturazione) corrisponde all’indirizzo di spedizione.

Puoi evitare questa truffa assicurandoti che gli indirizzi di fatturazione e spedizione corrispondano e verificando che l’indirizzo sia reale prima di inviare l’articolo. Assicurati di utilizzare una firma alla consegna per tracciare la spedizione in modo da avere prove in caso di necessità.

Truffe di pagamento in eccesso

La truffa del pagamento in eccesso assume molte forme, in particolare tra i truffatori che chiamano freddamente le loro vittime. Il tipo di truffa che colpisce PayPal è leggermente diverso in quanto il denaro viene solitamente scambiato di mano, il che dà al bersaglio un falso senso di sicurezza. I truffatori prendono di mira i venditori online, spesso su siti Web come Facebook Marketplace o altri indici classificati. Questo non funziona se il mercato genera una fattura per te, come eBay, poiché “l’acquirente” non può manipolare il prezzo.

La truffa inizia con l’invio da parte dell’acquirente di più denaro del valore di un articolo, con la transazione in corso e il denaro che appare sul conto PayPal del venditore. Il venditore invia quindi l’oggetto per posta, ritenendo che la transazione sia genuina. Una volta spedito l’oggetto, il truffatore richiama l’attenzione del venditore sul suo “errore” e chiede che gli venga rispedita la differenza utilizzando un’altra transazione PayPal.

Il venditore accetta di farlo, dopodiché il truffatore contatta PayPal e segnala la transazione come fraudolenta. Se tutto va secondo i piani, il denaro viene restituito al conto del truffatore insieme al pagamento effettuato dal venditore. L’oggetto è probabilmente già nella posta, quindi il truffatore ottiene indietro i suoi soldi, una mancia sotto forma di pagamento anticipato e l’oggetto che ha acquistato in primo luogo.

Poiché il gap payment è stato probabilmente effettuato come pagamento personale tra conti PayPal, la vittima non ha diritto ad alcun tipo di rimborso in quanto tali pagamenti non sono coperti dalle consuete tutele.

Come venditore, dovresti essere immediatamente sospettoso di un acquirente che ti sta inviando più denaro di quanto hai inizialmente richiesto. Evita di vendere articoli ad acquirenti online tramite servizi come Facebook Marketplace e utilizza mercati online come eBay che generano estratti conto delle transazioni che ti rendono idoneo alla Protezione venditori PayPal.

Rapporti con account compromessi

Gli account vengono regolarmente compromessi a causa di truffe di phishing e questi account vengono quindi utilizzati per pagare gli articoli. I truffatori che fanno questo non devono nemmeno fare affidamento su nessuno degli altri sporchi trucchi menzionati in questo articolo, invece corrono per ottenere quanti più soldi dall’account compromesso prima che il proprietario dell’account prenda piede.

Una volta che un articolo è stato pagato e l’acquirente lo ha inviato tramite posta, di solito non ci vuole molto prima che il legittimo proprietario dell’account si renda conto che qualcosa non va. Possono contattare PayPal e informarli di attività fraudolente o persino tentare di ottenere transazioni annullate da banche o processori di pagamento.

Il venditore che ha gestito questo account è in definitiva quello che perde poiché il denaro viene rimborsato dopo che l’articolo è stato spedito. Questo è un altro motivo per cui molti venditori online inviano articoli solo a indirizzi di fatturazione validi.

Truffe di fatture false

I truffatori sfruttano la popolarità del servizio PayPal, allo stesso modo in cui vengono presi di mira grandi banche e istituzioni finanziarie. C’è un’alta probabilità che la maggior parte delle persone abbia utilizzato PayPal a un certo punto, quindi inviare una fattura in cui si afferma che il tuo account PayPal verrà addebitato in 24 ore è un metodo per diffondere una vasta rete nel tentativo di intrappolare alcune vittime.

Viene generata una fattura falsa che ti avvisa che una grossa somma di denaro sta per uscire dal tuo conto, con un “ticchettio” che fa sembrare la situazione più urgente. La truffa potrebbe funzionare con qualsiasi elaboratore di pagamento, ma viene spesso scelto PayPal per la sua prevalenza.

Fattura PayPal falsa

La truffa consiste nel chiamare un numero di telefono per risolvere il problema. Ci sono diverse strade che la truffa potrebbe prendere da qui, incluso farti comporre un numero premium, tentare di accedere al tuo account per “correggere” il problema e cercare di convincerti ad accontentarti di una commissione più piccola per rendere il la fattura scompare, o qualsiasi altra cosa ti venga in mente.

Paga solo per gli articoli che sai di aver acquistato. Ad esempio, potresti ricevere una fattura per un oggetto dopo un’asta eBay, ma non dovresti ricevere o rispondere a fatture non richieste. Gli utenti PayPal possono richiedere il pagamento da qualsiasi indirizzo email, ma ciò avviene tramite il servizio PayPal (e apparirà nel tuo account o nell’app mobile).

Prova di affrancatura o truffe in attesa di pagamento

Come venditore online, non dovresti mai inviare un articolo per posta finché non hai ricevuto il pagamento corretto. Se sei un acquirente preoccupato che utilizza PayPal, assicurati di essere idoneo per la Protezione acquirenti e di essere in grado di ottenere il rimborso del tuo denaro se il venditore non fornisce l’oggetto.

Le cosiddette truffe “pagamenti in sospeso” ribaltano questa dinamica. L ‘”acquirente” si rifiuterà di pagare l’oggetto fino a quando il venditore non potrà dimostrare che l’oggetto è stato spedito, di solito con un numero di tracciamento. L’acquirente può tentare di formalizzare il processo con un messaggio “pagamento in sospeso”, informando il venditore che il pagamento verrà sbloccato dopo la prova dell’affrancatura.

Una volta che l’oggetto è stato spedito per posta, l’acquirente può decidere di non pagare l’oggetto poiché sa che l’oggetto è già in arrivo. Non sono previste protezioni per i venditori che inviano articoli prima di ricevere il pagamento. Se un acquirente insiste nel fare le cose in questo modo, bloccalo e vai avanti.

Questa truffa può assumere diverse forme, ma implica sempre che il venditore invii l’oggetto prima di ricevere il pagamento. Un esempio è l’acquirente che istruisce il venditore a inviare l’oggetto e quindi invia loro un messaggio con l’importo totale dovuto, inclusa la spedizione. Questa truffa non si limita a PayPal ed è avvenuta su Zelle e altri servizi di pagamento peer-to-peer.

Finte associazioni di beneficenza, cause e raccolta fondi

Innamorarsi di un falso ente di beneficenza o di una raccolta fondi è facile e molte vittime non hanno idea di essere mai state truffate. Ma è importante ricercare a fondo gli enti di beneficenza e le cause prima di inviare denaro per evitare di dare i tuoi soldi a un truffatore che sta depredando la generosità degli altri.

Queste truffe si manifestano spesso in momenti di crisi, come durante un disastro naturale o un evento meteorologico. C’è una propensione per alcuni a sollecitare fondi a livello individuale, spesso utilizzando gruppi di Facebook e altre impostazioni informali per richiedere denaro. Non tutte queste persone sono truffatori e molti ne hanno legittimamente bisogno.

Dovresti essere assolutamente sicuro che la persona o l'”ente di beneficenza” che richiede denaro sia chi dice di essere. Puoi cercare enti di beneficenza statunitensi (organizzazioni esenti da tasse) utilizzando il sito web dell’IRS . La FTC ha anche alcuni buoni consigli , come cercare opinioni online, cercare come l’ente di beneficenza distribuisce i fondi e controllare le autorità locali di beneficenza statali per le prove della causa.

Se stai donando direttamente a privati, dovrai fare affidamento sul passaparola e sugli amici per garantirli. Se hai dei dubbi, considera di fare una donazione altrove. Se ti piace il suono di sostenere una causa specifica ma noti segnali di allarme online, cerca invece un’organizzazione simile a cui inviare i tuoi soldi.

Ancora una volta, questo problema è tutt’altro che limitato a PayPal. Tuttavia, molti falsi enti di beneficenza utilizzeranno PayPal come metodo per raccogliere fondi e questi pagamenti non sono coperti da alcuna protezione “acquirente” poiché sono donazioni piuttosto che uno scambio di denaro con beni.

Come evitare le truffe PayPal

Ricordati di controllare attentamente tutte le email di PayPal. Controlla l’indirizzo email ed evita i collegamenti per accedere al tuo account (anche gli URL di phishing possono essere convincenti). Gli elementi che richiedono la tua attenzione (come le richieste di documenti aggiuntivi) appariranno comunque nel tuo account quando accedi. PayPal di solito ti concede circa 10 giorni lavorativi per soddisfare queste richieste, quindi fai attenzione ai messaggi che tentano di metterti fretta.

Tieni d’occhio le bandiere rosse come acquirenti impazienti, acquirenti che vogliono dividere i pagamenti tra più account e acquirenti che ti inviano più denaro di quanto inizialmente richiesto. Assicurati che gli indirizzi di spedizione e di fatturazione corrispondano, altrimenti non sarai coperto dalla Protezione del venditore.

Tieni presente che la protezione del venditore ha dei limiti. Gli articoli digitali non sono inclusi, quindi se vendi codici per carte regalo o software, sei a rischio. Verifica che gli indirizzi degli acquirenti esistano prima di inviare gli articoli, altrimenti potresti cadere in una truffa sull’indirizzo di spedizione. Se vendi negli Stati Uniti, l’indirizzo del tuo account dovrà essere elencato negli Stati Uniti affinché la Protezione del venditore ti copra.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial