domenica, Novembre 27, 2022
HomeeBayAlgoritmo di eBay: i reclami influiscono negativamente?

Algoritmo di eBay: i reclami influiscono negativamente?

Un venditore eBay si è preoccupato dell’impatto che le affermazioni dei clienti potrebbero avere sulla sua visibilità nella ricerca dopo aver ascoltato una presentazione alla conferenza eBay Open del mese scorso in cui i dirigenti hanno descritto gli ultimi fattori che influenzano il ranking di ricerca.

Quando un acquirente cerca un prodotto, il motore di ricerca di eBay identifica le inserzioni corrispondenti. L’algoritmo di eBay utilizza quindi una serie di criteri per determinare quale degli articoli corrispondenti visualizzare nella prima pagina dei risultati, ad esempio il prezzo. Questa ricerca “Best Match” determina l’ordinamento predefinito delle inserzioni nella pagina dei risultati della ricerca, chiamato ranking.

In un thread del forum di discussione di eBay intitolato “Gli algoritmi di ranking di eBay sono uno scherzo”, il venditore con il nome utente djdaniel2015 ha scritto in parte:

“Nell’ambito di eBay Open 2022, il direttore della gestione e ricerca dei prodotti, Pravesh Katyal, spiega come eBay stia ulteriormente punendo la capacità dei venditori di classificarsi in base ad aspetti che rimangono completamente al di fuori del loro controllo.

“Katyal spiega che più richieste SNAD e INR ricevi, più ti classificherai in basso.

“Peccato che i venditori non abbiano il controllo sulle date di consegna stimate dei rifiuti che eBay fornisce agli acquirenti. eBay ignora le politiche di spedizione dei venditori, inclusi i tempi di gestione, ed è eBay che decide quali sono le stime”.

Un moderatore di eBay ha risposto nel thread identificando tre parti del problema sollevato dal venditore:

  • Se eBay dovrebbe ritenere i venditori responsabili della consegna tempestiva o meno.
  • Se eBay dovrebbe fare un lavoro migliore nel prendere in considerazione le sfide del venditore con le stime di spedizione
  • Se eBay dovrebbe penalizzare i venditori in base a casi fuori luogo da parte di acquirenti fraudolenti che cercano di ingannare il sistema.

Il moderatore di eBay ha continuato ad affrontare queste tre aree e ha scritto: “La classifica non viene influenzata da questi casi usati una tantum, a meno che una parte significativa degli acquirenti non si lamenti di non ricevere l’oggetto in tempo, noi non tenerlo contro il venditore”.

Ha concluso per il venditore: “La nostra raccomandazione sarà di aumentare il tempo di elaborazione per le inserzioni che potrebbero richiedere più tempo per essere consegnate”.

Il motivo per cui eBay e i venditori hanno azzerato la data di consegna stimata è perché, se non è realistico, i clienti possono presentare un reclamo per mancata consegna (Articoli non ricevuti) prima di dare all’ordine il tempo sufficiente per arrivare.

Come aveva scritto il venditore, “Come dovremmo evitare gli INR quando non abbiamo un grammo di controllo su quali sono le stime di consegna?”

Il venditore ha risposto al moderatore di eBay, dicendo di aver scoperto che la modifica del tempo di gestione non ha avuto alcun effetto sulla data di consegna stimata mostrata agli acquirenti, anche se alcuni altri venditori hanno affermato di averlo trovato.

Durante la presentazione di eBay Open, Pravesh Katyal, Director of Product Management, Search di eBay, ha dichiarato:

“Il servizio clienti che fornisci che si riflette nella tua cronologia. Quindi qualsiasi escalation come articolo non ricevuto, articoli non descritti accuratamente o una qualsiasi delle precedenti esperienze negative dell’acquirente influiscono negativamente sulla tua classifica “.

Ciò sembra essere in qualche modo in contrasto con ciò che il moderatore ha affermato quando ha scritto giovedì, “a meno che una parte significativa degli acquirenti non si lamenti di non ricevere l’oggetto in tempo, non lo teniamo nei confronti del venditore”.

La presentazione di eBay Open includeva una diapositiva che mostrava come funziona la Ricerca eBay: esamina il titolo dell’inserzione e le specifiche dell’oggetto, nonché l’intento e la pertinenza della categoria. Quindi classifica i risultati in base ai seguenti criteri:

  • Potenziale di conversione
  • Rilevanza
  • Prezzo
  • Qualità dell’inserzione (titolo, immagine, specifiche dell’oggetto, descrizione, ecc.)
  • Velocità di spedizione
  • Politica di ritorno
  • Storia di brutte esperienze di acquisto
  • E altro ancora

Durante la presentazione, Katyal di eBay ha anche condiviso alcune modifiche apportate dal mercato al modo in cui utilizza le informazioni sulle categorie nella ricerca e come gestisce le inserzioni duplicate:

Ottimizzazioni delle categorie
“Stiamo migliorando i nostri vincoli di categoria per le ricerche che appartengono a categorie particolari.

“Elenca l’articolo nella categoria corretta, anche se è quella meno popolare. Avrai maggiori possibilità di visibilità nelle query per la categoria giusta”.

Duplicati
“Stiamo eliminando i duplicati dallo stesso venditore per alcuni tipi di ordinamento per fornire un’esperienza migliore agli utenti”.

Data l’importanza della visibilità della ricerca, vale la pena guardare la presentazione. Fateci sapere se vedete sorprese. E facci sapere se le stime di consegna sono realistiche e se le affermazioni dei clienti influiscono sulla tua visibilità nei risultati di ricerca.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial