HomeAmazonAmazon ammette che le telecamere Ring inviano filmati alla polizia

Amazon ammette che le telecamere Ring inviano filmati alla polizia

Amazon ha ammesso che le sue famose telecamere di sicurezza hanno inviato le registrazioni alla polizia all’insaputa o al consenso delle persone che possiedono le telecamere.

Rispondendo a un’indagine del senatore Ed Markey (D-Mass.), Amazon ha dichiarato in una lettera datata 1 luglio di aver consegnato registrazioni private alla polizia 11 volte nel 2022. La società ha affermato di aver ottemperato a una “richiesta di emergenza. ”

“In ogni caso, Ring ha stabilito in buona fede che c’era un imminente pericolo di morte o gravi lesioni fisiche per una persona che richiedeva la divulgazione di informazioni senza indugio”, ha affermato la società nella sua dichiarazione a Markey.

Ci sono state a lungo preoccupazioni sulle telecamere Ring e su come Amazon si coordina con le forze dell’ordine. Nel 2020 Jess Joho di Mashable ha scritto di Ring come “un poliziotto”, con oltre 1.189 poliziotti locali e vigili del fuoco che si sono uniti al programma del Portale dei vicini di Ring solo quell’anno. Nella risposta a Markey, Amazon ha riferito che ora c’erano 2.161 forze dell’ordine nel servizio di pubblica sicurezza dei vicini, che consente alle forze dell’ordine di richiedere filmati agli utenti di Ring. Quindi, anche in casi non di emergenza, c’è una discreta possibilità che i poliziotti siano in grado di ottenere filmati da Amazon.

“Come illustra la mia indagine in corso su Amazon, è diventato sempre più difficile per il pubblico spostarsi, radunarsi e conversare in pubblico senza essere rintracciato e registrato”, ha affermato Markey in una nota . “Non possiamo accettarlo come inevitabile nel nostro paese. La crescente dipendenza delle forze dell’ordine dalla sorveglianza privata crea una crisi di responsabilità e sono particolarmente preoccupato che la sorveglianza biometrica possa diventare centrale nella crescente rete di sistemi di sorveglianza che Amazon e altre potenti società tecnologiche sono responsabile di.”

Nella lettera a Markey, Amazon non si sarebbe impegnata a non utilizzare mai la tecnologia di riconoscimento vocale e non si sarebbe nemmeno impegnata a interrompere la pratica della registrazione automatica dell’audio quando riprende filmati. Ring, da parte sua, ha affermato che non si limita a consegnare i dati a casaccio.

“È semplicemente falso che Ring offra a chiunque un accesso illimitato ai dati o ai video dei clienti, come abbiamo ripetutamente chiarito ai nostri clienti e ad altri”, ha detto la società alla CNN .

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial