HomeAmazonAmazon ha assunto il suo primo robot da magazzino autonomo

Amazon ha assunto il suo primo robot da magazzino autonomo

I lavoratori di Amazon potrebbero presto vedere robot verdi tozzi che si intrecciano tra loro e i loro colleghi sul pavimento del magazzino.

Amazon ha annunciato in un post sul blog martedì di aver creato il suo primo robot da magazzino “completamente autonomo”, chiamato Proteus.

Proteus assomiglia molto agli attuali robot di magazzino di Amazon, ma mentre i suoi robot regolari devono operare in un’area ingabbiata lontano dai lavoratori umani, Amazon afferma che Proteus sarà in grado di vagare liberamente nel magazzino, schivando i dipendenti umani mentre procede.

Amazon ha affermato nel suo blog che Proteus sarà distribuito per la prima volta nei magazzini che spostano “GoCarts”, il termine di Amazon per gabbie alte e con ruote contenenti pacchi che devono essere spostati all’interno del magazzino.

Puoi guardare Proteus mentre sposta una GoCart nel video qui sotto:

Amazon non ha detto nel suo blog esattamente quando Proteus sarebbe stato introdotto nei magazzini o quanto ampiamente verrà distribuito.

Amazon non ha risposto immediatamente quando è stata contattata da Insider per un commento.

Amazon ha affermato nel suo blog che Proteus è progettato per migliorare “l’interazione semplice e sicura tra tecnologia e persone”.

L’azienda ha una storia di promozione dei robot come un modo per rendere più sicura la vita dei magazzinieri.

L’anno scorso Amazon ha introdotto una suite di nuovi robot che prendono il nome dai personaggi di “Sesame Street” e “The Muppets”, che secondo loro erano orientati a ridurre i tassi di infortuni all’interno dei magazzini.

Sebbene ad Amazon piaccia pubblicizzare la sua robotica come un modo per ridurre il carico fisico sui suoi lavoratori, i dati interni trapelati pubblicati da Reveal nel 2020 hanno mostrato che i magazzini robotici avevano tassi di lesioni più elevati rispetto ai magazzini che non utilizzano robot .

L’indagine di Reveal ha suggerito che i magazzini robotici hanno quote di produzione più elevate rispetto a quelli non robotici, il che significa che lo sforzo fisico sui lavoratori è maggiore.

L’attenzione di Amazon sui robot potrebbe anche essere un modo per ridurre la sua dipendenza dalla sua forza lavoro umana.

Un promemoria del 2021 trapelato riportato da Recode la scorsa settimana ha mostrato che Amazon crede di poter esaurire le persone da assumere negli Stati Uniti entro il 2024 .

Il promemoria elencava una varietà di soluzioni per contrastare il problema, tra cui una maggiore dipendenza dai robot e un aumento dei salari.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial