giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeAlexaAmazon non riesce a fare soldi con Alexa e gli assistenti vocali

Amazon non riesce a fare soldi con Alexa e gli assistenti vocali

La divisione che ospita Alexa di Amazon è sulla buona strada per perdere $ 10 miliardi solo quest’anno. E mentre i licenziamenti colpiscono Amazon, il team di Alexa, una volta forte di 10.000 persone e un progetto di passione per l’allora CEO Jeff Bezos, è ora un obiettivo succoso per i tagli.

Amazon Echo ha debuttato nel 2014 ed è stato il primo vero successo dell’azienda come produttore di hardware. Le prime versioni degli assistenti vocali esistevano fin dai primi anni e Siri ha debuttato su iPhone nel 2011, ma Echo di Amazon ha generato una classe di gadget completamente nuova: l’altoparlante intelligente. L’assistente vocale autonomo è stato immediatamente utile e nel 2018 l’azienda ha venduto oltre 100 milioni di dispositivi abilitati per Alexa.

Amazon ha venduto il dispositivo Echo al prezzo di costo per indurre le persone ad acquistare cose dal sito, ma l’altoparlante intelligente non è mai diventato il motore di vendita significativo che l’azienda aveva sperato. Inoltre, essere costretti ad ascoltare Alexa leggere due minuti di copia sui pellet per lavastoviglie per assicurarsi di ordinare il marchio giusto non è esattamente un’esperienza utente eccezionale.

Ma poiché le vendite iniziali di Echo hanno superato le aspettative all’interno dell’azienda, Amazon e altri hanno iniziato a pensare ad Alexa e al voice computing come a una nuova piattaforma. Ha creato un app store, Alexa Skills, sperando di innescare la stessa selvaggia innovazione che Apple ha visto quando gli sviluppatori sono stati ammessi nel suo App Store nel 2008. E ha lanciato prodotti proprietari come forni a microonde e TV con Alexa integrato. Assistente vocale Alexa ad altri produttori, sperando di rendere l’assistente onnipresente in tutte le case delle persone.

Uno dei punti deboli critici per le ambizioni di Amazon di essere nel business di quasi tutto è che non possiede una piattaforma. Non controlla un sistema operativo per PC come Microsoft o Apple e non ha una piattaforma mobile come Android di Google o iOS di Apple (anche i tablet Amazon Fire eseguono solo una versione modificata di Android).

Il voice computing, pensavano molti, potrebbe essere la prossima piattaforma e Amazon potrebbe possederla.

“Radiosveglie glorificate”

Ma i dati interni di Amazon e i sondaggi sugli utenti hanno iniziato a mostrare che i comandi vocali sono ottimi per una gamma ristretta di attività: impostare un timer, riprodurre musica e scoprire il tempo. Potresti aver sentito Alexa ricordarti lamentosamente che può fare molto di più che impostare un timer , perché Amazon sa che la maggior parte delle persone non fa molto oltre a questo. Alcune persone smettono addirittura di usare il prodotto dopo poche settimane.

L’opinione pessimistica era che “Amazon è riuscita a vendere un numero enorme di radiosveglie glorificate”, come ha scritto nel 2019 Benedict Evans, un ex partner di Andreessen Horowitz .

È un paradosso fondamentale per gli assistenti vocali come Alexa o Google Assistant: la tecnologia ha avuto un enorme successo. Molti consumatori lo trovano veramente utile. E nessuno può fare soldi con loro.

Amazon non riesce a convincere le persone ad acquistare più cose con Alexa e ha scelto di non richiedere agli utenti di Amazon Echo di avere un account Amazon Prime, l’unico altro percorso credibile per fare soldi. Amazon Skills è svanito  quando gli sviluppatori si sono resi conto che non ci sono soldi da guadagnare costruendo per la piattaforma. Amazon utilizza le query vocali per aiutare con il targeting degli annunci , ma la pubblicità è una piccola percentuale delle entrate totali per Amazon.

Amazon non è solo. Google ha spostato la spesa dal suo Assistente Google per migliorare il suo smartphone Google Pixel, secondo quanto riportato da The Information all’inizio di quest’anno. Anche altri aspiranti concorrenti di Alexa, come Cortana di Microsoft o Bixby di Samsung, sono sostanzialmente morti.

L’unica azienda che apparentemente non soffre del blues dell’assistente vocale è Apple con Siri. Questo perché Apple sa che il suo altoparlante intelligente non è un leader e non porta soldi, è solo un’utility. Vende l’HomePod originale per $ 349 e il suo MiniPod vende per $ 99. Per fare un confronto, puoi acquistare un Alexa Dot per $ 15 in questo momento.

Bezos ha detto agli azionisti nel 2013 che Amazon ha venduto i suoi dispositivi a prezzi di produzione perché “vogliamo fare soldi quando le persone usano i nostri dispositivi, non quando le persone acquistano i nostri dispositivi”. Apple ha intrapreso la strada opposta, decidendo che se voleva vendere qualcosa per riprodurre musica, impostare timer e controllare il tempo, doveva mantenere sani i margini.

Amazon, sperando di attirare gli utenti mantenendo il prezzo basso, ha trasformato Echo e Alexa in un gadget di base: economico e insignificante.

Ci sono soldi da guadagnare vendendo prodotti tecnologici di base: molte aziende rimangono in attività vendendo laptop, stampanti per l’home office e router WiFi. Ma mentre Amazon affronta una nuova era di disciplina dei costi, una “radiosveglia glorificata” non può perdere 10 miliardi di dollari all’anno o dare lavoro a 10.000 persone.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial