HomeAndroidAndroid 11: tutto ciò che devi sapere!

Android 11: tutto ciò che devi sapere!

Android 11 sta alimentando i migliori telefoni Android del 2021 e i produttori stanno facendo un lavoro migliore implementando l’aggiornamento ai loro telefoni 2020. Quindi, ecco tutto ciò che devi sapere su tutte le nuove funzionalità di Android 11 e quando il tuo telefono riceverà l’aggiornamento. Evidenziamo anche cosa c’è all’orizzonte con Android 12 ; Google ha appena lanciato la prima beta pubblica, introducendo una nuova interfaccia utente e nuove entusiasmanti funzionalità.

Dopo mesi di anteprime e versioni beta degli sviluppatori, Google ha lanciato la build finale di Android 11 l’8 settembre 2020. L’aggiornamento era disponibile per i telefoni Pixel il primo giorno come al solito. Quest’anno, lo stesso giorno Android 11 era disponibile anche per telefoni selezionati come OnePlus, Xiaomi, OPPO e Realme.

Questo è un grande passo avanti per gli aggiornamenti Android nel loro insieme, ma c’è anche ancora molto lavoro da fare. Samsung sta ora implementando One UI 3.0 basata su Android 11 sui suoi dispositivi di punta e di fascia media, ma Motorola, Nokia, Sony e altri devono ancora implementare l’aggiornamento.

Anche se questo è certamente fastidioso, ti stiamo rendendo le cose il più semplici possibile monitorando tutti gli aggiornamenti di Android 11 man mano che ne apprendiamo di più.

Cosa sta succedendo con Android 11 sui telefoni non Pixel?

Come notato sopra, il lancio dell’aggiornamento di Android di quest’anno è stato leggermente diverso rispetto alle versioni precedenti. Invece di essere i pixel gli unici telefoni trattati con il nuovo software, anche i telefoni di altri produttori selezionati sono stati trattati con Android 11 in qualche forma.

Diamo prima un’occhiata a Samsung, che sta commercializzando il suo aggiornamento Android 11 come One UI 3.0 / 3.1 . La maggior parte dei principi fondamentali del design rimane in vigore, ma ci sono molte novità da verificare. Samsung promuove cose come una schermata di blocco migliorata, un display sempre attivo più personalizzabile, nuovi strumenti di accessibilità e altro ancora.

Samsung ha già consegnato l’aggiornamento di Android 11 alla maggior parte dei suoi telefoni 2020 e ora sta procedendo verso il basso nell’elenco dei suoi telefoni 2019. Negli ultimi mesi è passata alla build One UI 3.1 che ha debuttato sulla serie Galaxy S21 .

Dovremmo anche menzionare OxygenOS 11 , che è l’aggiornamento di Android 11 per i telefoni OnePlus. OxygenOS 11 ha introdotto un importante cambiamento di design per OnePlus, con la società che si allontana dall’estetica Android di serie e abbraccia elementi di design che si trovano nell’interfaccia One UI di Samsung. OnePlus ha lanciato la build stabile di OxygenOS 11 con l’8T e l’aggiornamento di Android 11 è ora disponibile per la serie OnePlus 8, 7 e pronto per arrivare alla 6 / 6T. Anche la costruzione stabile si farà presto strada nel Nord.

Nokia ha anche lanciato il lancio dell’aggiornamento di Android 11, con il Nokia 8.3 5G che riprende l’aggiornamento stabile a partire dall’8 febbraio. HMD è rimasto indietro in questo settore negli anni precedenti, ma con il Nokia 8.3 ora su Android 11, dovremmo vedere aggiornamento che verrà distribuito ad altri dispositivi Nokia nei prossimi mesi.

Poi c’è Xiaomi. L’aggiornamento stabile della MIUI 12 basato su Android 11 è ora disponibile per la serie Mi 10 e per i dispositivi Redmi Note 9 e dovrebbe arrivare molto presto su altri telefoni Xiaomi. Abbiamo raccolto la cronologia di lancio di Android 11 di Xiaomi per rendere più facile per te sapere quando il tuo telefono riceverà l’aggiornamento.

Motorola ha lanciato l’aggiornamento di Android 11 al pieghevole Razr 5G a partire dal 15 aprile. LG ha anche iniziato a distribuire l’aggiornamento ad Android 11, con il V60 e il Velvet che ricevono la build stabile. Sebbene LG non realizzerà più telefoni, ha dichiarato che fornirà gli aggiornamenti di Android 12 e Android 13 al suo attuale portafoglio.

Infine, abbiamo ColorOS, l’interfaccia Android personalizzata utilizzata sugli smartphone OPPO. ColorOS 11 è ora disponibile per i dispositivi OPPO e offre molti miglioramenti entusiasmanti. Oltre alle solite chicche di Android 11, alcuni altri punti salienti includono una modalità oscura personalizzabile, una modalità di risparmio energetico per prolungare la durata della batteria e una nuova funzionalità chiamata OPPO Relax 2.0 che mira ad aiutarti a rilassarti e ad addormentarti di notte.

Dove posso saperne di più su Android 11?

Ci immergeremo in alcune delle più grandi funzionalità di Android 11 di seguito, ma prima di fare tutto ciò, dovremmo affrontare l’elefante nella stanza: Android 11 è buono? La risposta breve, sì, è molto, molto buona, secondo la nostra recensione di Android 11 .

Comprensibilmente, alcune persone potrebbero trovare Android 11 noioso o non molto diverso da Android 10, ma il nocciolo della questione è che Android non ha più bisogno di revisioni massicce ogni anno come una volta. L’esperienza Android di base è dannatamente buona e Android 11 la eleva ancora di più. Tutti i miglioramenti delle conversazioni sono ottimi per snellire le notifiche, autorizzazioni più potenti sono sempre qualcosa che siamo felici di vedere e il nuovo menu del pulsante di accensione aggiunge un sacco di funzionalità extra.

Ci sono un paio di modifiche di cui non siamo completamente innamorati (vale a dire la nuova finestra multitasking e la funzionalità App consigliate per la schermata principale), ma queste cose sono facili da trascurare. La stragrande maggioranza di ciò che Google ha fatto con Android 11 è stata per il meglio e il risultato è un software più funzionale e piacevole da usare.

Come funzionano le bolle di chat di Android 11?

Come accennato in precedenza, non è stata trovata una singola revisione o un cambiamento enorme con Android 11. Invece, è un mix di molte piccole modifiche qua e là. Alcuni di loro si concentrano sul miglioramento della tua esperienza di messaggistica, con Google che offre molto in questo reparto.

Il primo della lista, abbiamo le bolle di chat . Simile a ciò che Facebook ha offerto per anni con la sua app Messenger su Android, i fumetti di chat in Android 11 nascondono le tue conversazioni in corso in piccole bolle sul lato dello schermo. Puoi spostare le bolle e toccarle rivela quella conversazione specifica. L’API Bubbles è disponibile per tutte le app di messaggistica, con Google che incoraggia gli sviluppatori ad adottarla.

In un altro sforzo per assicurarti di poter accedere ai tuoi messaggi il più rapidamente possibile, Android 11 introduce una sezione di conversazione dedicata nella tua tonalità di notifica che offre accesso immediato a tutte le conversazioni in corso che hai. Inoltre, rende più facile per le tue notifiche di messaggistica distinguersi dagli altri, assicurandoti di non perdere mai più un testo importante.

Parlando di messaggi e notifiche, Android 11 consente di inviare immagini direttamente dall’ombra delle notifiche quando si risponde a un messaggio.

Cosa c’è di nuovo con le autorizzazioni in Android 11?

Guardando indietro su Android 10, uno dei suoi punti salienti è stata la sua migliore gestione delle autorizzazioni delle app. Android 10 ha dato agli utenti un maggiore controllo sulle applicazioni e su ciò a cui potevano accedere, e Android 11 mantiene questo treno in movimento con una nuova meravigliosa aggiunta.

Ora, quando un’app richiede l’autorizzazione per utilizzare funzioni sensibili come la posizione , il microfono o la fotocamera, puoi scegliere di concederle l’accesso solo una volta. L’app sarà in grado di utilizzare tale autorizzazione durante l’istanza in cui utilizzi l’app, ma l’autorizzazione viene revocata non appena la lasci. La prossima volta che si utilizza l’app e si desidera utilizzare tale autorizzazione, è necessario concederle nuovamente l’accesso.

Dare alle app l’autorizzazione a questi aspetti del telefono non dovrebbe essere presa alla leggera, quindi siamo entusiasti di vedere Google che offre agli utenti un maggiore controllo sui propri dati in questo modo.

In tema di autorizzazioni e privacy, abbiamo avuto l’opportunità di sederci e parlare con Charmaine D’Silva, Product Manager e specialista della privacy di Google. Ci ha aiutato a comprendere più a fondo come sono venute ad essere alcune di queste funzionalità e perché sono così importanti. Se hai qualche minuto per dare un’occhiata, l’intervista merita sicuramente una lettura.

Android 11 ha un registratore dello schermo integrato?

Nelle ultime versioni di Android, abbiamo atteso pazientemente che Google aggiungesse un registratore dello schermo integrato. Non è qualcosa che userete tutti i giorni (se mai per alcune persone), ma il fatto che una funzione così basilare non sia integrata in Android al suo interno sta diventando fastidioso.

Per fortuna, Android 11 finalmente lo cambia. Questa versione Android include la funzionalità, accompagnata da un’interfaccia utente pulita e attiva / disattiva la registrazione dell’audio e la visualizzazione dei tocchi con la registrazione. Se vuoi sapere come, ecco la nostra guida su come registrare lo schermo del tuo telefono su un telefono Android .

Non c’è molto altro da dire su questo, oltre al fatto che siamo contenti di poter finalmente mettere a disposizione questa richiesta di funzionalità.

Android 11 è compatibile con i telefoni pieghevoli?

Se c’è stato un notevole progresso nello spazio Android, è stato con i display. Le aziende stanno facendo il possibile per offrire il migliore e più emozionante schermo per smartphone possibile e, per quanto eccezionale, Android deve recuperare il ritardo con un supporto migliore per tutti questi progressi.

I telefoni pieghevoli si stanno dimostrando molto popolari finora, e in particolare con dispositivi come Galaxy Z Flip e Motorola RAZR che hanno il design pieghevole “telefono a fogli mobili”, Android 11 aggiunge l ‘”API del sensore dell’angolo di cerniera” in modo che le app possano facilmente rilevare la cerniera di questi telefoni pieghevoli. Con queste informazioni, gli sviluppatori possono adattare le loro app per aggirare il cardine e creare esperienze uniche a causa di ciò (come il modo in cui Google Duo cambia la sua interfaccia utente quando si piega a metà sullo Z Flip).

Gli altri grandi schermi di aggiornamento hanno a che fare con frequenze di aggiornamento più veloci. Non è più raro che i telefoni vengano forniti con schermi che si aggiornano a 90 Hz o 120 Hz e Android 11 consente agli sviluppatori di sfruttare al meglio questi potenti display. Gli sviluppatori possono selezionare la frequenza di aggiornamento a cui devono essere eseguiti i loro servizi e, se lo sviluppatore determina che la loro app ha un aspetto migliore a 90 Hz o 60 Hz, possono prendere quella decisione e fare in modo che il display del telefono modifichi la frequenza di aggiornamento di conseguenza quando utilizza quell’app.

Come funziona Android 11 con 5G?

Il 5G sta finalmente iniziando a farsi strada tra le persone e sempre più persone hanno iniziato a connettersi alla prossima generazione di dati wireless. Per facilitare la transizione, Android 11 aggiunge un’importante “API Dynamic Meterdness”.

Potrebbe non sembrare molto eccitante sulla carta, ma essenzialmente consente ai telefoni di sfruttare appieno tutta la potenza che il 5G offre.

Se l’API rileva che sei connesso a un segnale 5G illimitato, avrai accesso alla massima qualità possibile per video e grafica. Il potenziale per il 5G è davvero interessante e questa API ti garantisce di sfruttare appieno le velocità a tua disposizione.

Quale telefono dovrei acquistare per la migliore esperienza con Android 11?

Sia che tu voglia essere tra i primi a ottenere Android 11 o provarlo come previsto da Google, Pixel 5 è il telefono che fa per te. È il nuovissimo Pixel di punta attualmente disponibile e, se preferisci il metallo alla plastica o al vetro, è un telefono difficile da ignorare.

Il Pixel 5 offre un’esperienza Android di qualità di punta a un prezzo relativamente basso e, sotto questi aspetti, ha un enorme successo. Google ha riempito molto il Pixel 5, comprese fotocamere fenomenali, un display OLED, buone prestazioni, lunga durata della batteria e altro ancora. Il design è un po ‘semplice, ma il telefono è anche di grandi dimensioni per l’uso con una sola mano.

La cosa migliore è che Pixel 5 e altri dispositivi Pixel ricevono funzionalità trimestrali da Google, portando nuove funzionalità all’esperienza Android 11 senza richiedere un aggiornamento completo della piattaforma.

Quando arriverà Android 12?

La beta pubblica di Android 12 è ora disponibile e il sistema operativo è il più grande cambiamento visivo nella storia di Android. Google sta lanciando la nuova estetica Material You design, offrendoti una personalizzazione molto migliore e nuove funzionalità per la privacy.

Il punto forte è che ora hai una tavolozza dei colori che ti consente di modificare i colori a livello di sistema a tuo piacimento, inclusa l’ombra delle notifiche, i controlli del volume, la schermata di blocco e altro. L’ombra delle notifiche ha un design più pulito e c’è un pulsante snooze dedicato che ti consente di disattivare facilmente le notifiche.

Anche Android 12 è impostato per aggiungere screenshot a scorrimento, ma al momento la funzione non è ancora attiva. E mentre l’interfaccia utente della schermata principale è rimasta invariata rispetto ad Android 11, ora è disponibile un’opzione per impostare una griglia 4×5. Puoi anche condividere facilmente il Wi-Fi con la condivisione nelle vicinanze, semplificando la connessione degli altri alla tua rete Wi-Fi.

Con la prima beta pubblica attiva , puoi installare subito Android 12 sul tuo telefono . E se non hai un telefono Pixel, ecco cosa devi sapere su Android 12 su Xiaomi, OnePlus, OPPO, Vivo e altri telefoni .

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial