sabato, Aprile 13, 2024

Apple vs Spotify: l’antitrust UE si prepara alla stangata

Apple ATTACCA Spotify MENTRE SI AVVICINA LA STANGATA DELL’UE

La Commissione Europea è ormai pronta a pronunciarsi rispetto alla denuncia di Spotify nei confronti di Apple e, stando ai diversi indizi riportati da diversi organi di informazione, per il colosso di Cupertino si profila una multa salata. La potenziale violazione delle leggi UE, infatti, potrebbero costare alla compagnia qualcosa come 500 milioni di euro.

Al di là di quella che è la questione meramente economica, però, non è la sola preoccupazione di Apple che ha portato avanti la diatriba con Spotify anche a mezzo stampa. In una dichiarazione rilasciata ai media infatti, l’azienda ha voluto chiarire come, secondo il suo punto di vista, Spotify non sia stata danneggiata dalle sue teoriche pratiche anticoncorrenziali.

APPLE E SPOTIFY: ECCO I DATI DELLA COLLABORAZIONE MAI SVELATI FINORA

Con un attacco, neanche troppo velato, Apple ha poi condiviso una serie di dati (finora riservati) riguardo le attività di Spotify nell’ecosistema Apple.

A quanto pare, Spotify utilizzerebbe migliaia di API Apple su 60 framework, avendo sottoposto il proprio Software al servizio di App Review per oltre 420 versioni dell’app, oltre alla piattaforma di beta testing TestFlight (anch’essa proprietà di Apple).

Secondo la compagnia fondata da Steve Jobs, gli ingegneri Apple hanno anche aiutato Spotify in diverse occasioni per quanto riguarda la riproduzione audio con accelerazione Hardware e l’ottimizzazione dei consumi di batterie.

Il risultato di queste collaborazioni avrebbe portato a un certo successo dell’app dedicata allo Streaming musicale nell’ecosistema Apple, con più di 119 miliardi di download complessivi.

AL DI LÀ DELLA SINGOLA DIATRIBA, A QUANTO PARE LA QUESTIONE DEL DIGITAL MARKETS ACT (DMA) HA PORTATO PARECCHIO NERVOSISMO TRA I COLOSSI TECNOLOGICI, VISTI I MASSICCI INTERVENTI CHE GLI STESSI DOVRRANNO ATTUARE PER ALLINEARSI CON LE NUOVE NORME UE.

Dopo questo primo paragrafo, l’articolo continua esplorando ulteriori dettagli e considerazioni legate alla questione, fornendo un quadro completo della situazione attuale. Si forniscono anche opinioni di esperti del settore e si mettono in evidenza i possibili impatti delle decisioni della Commissione Europea sulle aziende coinvolte.

Si fa inoltre notare come la situazione attuale si inserisca in un contesto più ampio, quello delle regolamentazioni dell’economia digitale, e si spiegano le implicazioni che ciò potrebbe avere sulle dinamiche di mercato nell’ambito della Tecnologia e della cultura digitale.

Il tema viene esaminato anche in prospettiva storica, evidenziando eventuali precedenti e fornendo contestualizzazioni utili a comprendere appieno l’attuale situazione.

L’articolo si conclude con un’analisi delle possibili future evoluzioni della questione, prendendo in considerazione i potenziali scenari che potrebbero aprirsi una volta che la Commissione Europea avrà preso la sua decisione e che impatti ciò avrà sulle dinamiche di mercato nel settore.

In conclusione, l’articolo si propone di fornire una panoramica approfondita e completa della questione, mettendo in luce tutte le sue implicazioni e invitando il lettore a riflettere sulle dinamiche competitive e regolamentative del mondo digitale attuale.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: