HomeAppleApple vuole il proprio motore di ricerca come alternativa a Google

Apple vuole il proprio motore di ricerca come alternativa a Google

Nato come progetto studentesco come tanti altri software e piattaforme che utilizziamo oggi, Larry Page e Sergey Brin hanno plasmato il loro motore di ricerca BackRub nel gennaio 1996. Ma l’anno successivo hanno deciso di cambiare il nome in Google, ispirandosi a un termine matematico che ha illustrato il suo obiettivo di organizzare l’enorme quantità di informazioni che era già sul web a quel tempo.

il 27 settembre 1998, Google ha avviato i suoi servizi, contro ogni previsione, battendo AltaVista, il motore di ricerca più popolare fino ad oggi.

Il Google di Apple

Oggi, e sebbene ci siano altre alternative sul mercato, la verità è che Google è il re delle ricerche e dei contenuti indicizzati su Internet. Ma proprio tale portata e importanza è oggetto di un’indagine antitrust che gli Stati Uniti stanno conducendo contro Google: il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DoJ) insieme a 11 stati del paese ha intentato una causa antitrust contro Alphabet, il società madre di Google, accusando la società di aver abusato della sua posizione dominante nel mercato della ricerca e della pubblicità su Internet.

E nel bel mezzo di tutto questo, Apple potrebbe fare una mossa per avere un proprio motore di ricerca online: secondo fonti hanno sottolineato al Financial Times, Apple sta lavorando allo sviluppo di un proprio motore di ricerca in alternativa al motore di ricerca di Google , e ha iniziato ad aggiungere funzionalità in iOS 14 e ad intensificare il lavoro del suo bot di ricerca, secondo il quotidiano Financial Times.



Applebot

Secondo diversi esperti del settore, risulta che Applebot, il bot di ricerca che Apple utilizza per compilare vasti database di materiale su Internet e simile a quello che Google utilizza per il suo motore di ricerca, ha recentemente aumentato la sua attività . E in iOS 14, Apple ha iniziato a visualizzare i propri risultati di ricerca e collegamenti direttamente alle pagine Web quando gli utenti digitano le query dalla schermata principale.

Altri indizi che le persone di Cupertino potrebbero preparare una risposta al motore di Google: Apple ha diverse offerte di lavoro attive alla ricerca di ingegneri di ricerca specializzati per “definire e implementare l’innovativa architettura della tecnologia di ricerca di Apple “. A questo va aggiunto che nel 2018 Apple ha assunto John Giannandrea, capo della ricerca di Google. La sua assunzione era per migliorare le capacità dell’Intelligenza Artificiale e del suo assistente virtuale Siri, e Giannandrea ha contribuito con i suoi 8 anni di esperienza nel funzionamento del motore di ricerca Google.

Questo significa che Apple vuole resistere a Google – e ad altri come Microsoft – lanciando il proprio motore di ricerca? Al momento non è possibile rispondere a questa domanda. Le informazioni provengono da un mezzo, non ufficialmente da Apple . Ma mosse come iOS 14 o l’assunzione di Giannandrea sono fatti interessanti da considerare.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial