giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieArcheologi trovano con il laser 500 monumenti mesoamericani nascosti nella giungla

Archeologi trovano con il laser 500 monumenti mesoamericani nascosti nella giungla

Diversi millenni fa, le civiltà olmeche e maya fiorirono in quelli che oggi sono il Messico e il Guatemala. Hanno costruito enormi piramidi di pietra e piazze rettangolari elevate per rituali e cerimonie, ma nel tempo molti di questi siti sono stati persi nella giungla, inglobati sotto una fitta vegetazione.

Ma negli ultimi anni, gli archeologi hanno iniziato a sfruttare una nuova tecnologia per trovare queste rovine mesoamericane nascoste: LIDAR, un sistema in grado di generare mappe tridimensionali facendo rimbalzare i laser tra uno scanner in aria e la Terra sottostante.

LIDAR, che sta per rilevamento e distanza della luce, può rivelare quanto è vicino o lontano il terreno dallo scanner, il che a sua volta aiuta a rivelare le discrepanze nel paesaggio.

In uno studio pubblicato lunedì, i ricercatori descrivono come hanno utilizzato questo tipo di dati di mappatura laser per scoprire quasi 500 siti mesoamericani tra circa 2.000 e 3.000 anni.

I siti sono sparsi su un’area di 32.800 miglia quadrate negli stati messicani di Tabasco e Vera Cruz e potrebbero far luce su come gli Olmechi e i Maya coesistessero e condividessero idee.

“Fino a pochi anni fa era impensabile studiare un’area così ampia”, ha detto in un comunicato stampa Takeshi Inomata, un antropologo dell’Università dell’Arizona, coautore dello studio .

Inomata e i suoi collaboratori affermano che il loro è lo studio archeologico più esteso mai fatto della Mesoamerica utilizzando LIDAR.

Nascondersi sotto la chioma degli alberi

aguada fenix lidar

La tecnologia LIDAR viene in genere utilizzata per mappare il fondo dell’oceano, ma il team di Inomata aveva già scoperto che può pagare dividendi archeologici. L’anno scorso , hanno usato LIDAR per scoprire un sito Maya chiamato Aguada Fénix a Tabasco, che risale ad almeno 2.800 anni. È il più antico e più grande complesso cerimoniale Maya mai trovato e contiene un altopiano rettangolare alto 50 piedi lungo quasi un miglio.

Sperando di ripetere quel successo, i ricercatori hanno esaminato i dati LIDAR pubblicamente disponibili raccolti dal governo messicano tra il 2017 e il 2019, che si sono concentrati su un’area della giungla nella parte sud-orientale del paese vicino al confine guatemalteco.

La mappatura 3D ha rivelato 478 siti separati nascosti sotto la chioma degli alberi. Il team ha visitato molti dei luoghi a piedi per confermare le scoperte, poiché il LIDAR più vicino che può ingrandire è su una scala di 16 piedi. In genere, gli archeologi preferiscono ingrandire cinque volte più da vicino di così – a una scala di circa 3 piedi.

I monumenti possono essere classificati in cinque gruppi distinti in base alla loro architettura e disposizione, ha suggerito lo studio. Una struttura rettangolare elevata, come Aguada Fénix, era un tipo, mentre un altro era un edificio conico con una piattaforma costruita a est.

I tipi probabilmente corrispondono a diverse epoche delle civiltà olmeche e maya.

Queste culture erano sorelle o l’una ha generato l’altra?

Gli archeologi non sono d’accordo sul fatto che gli Olmechi e i Maya esistessero separatamente nel tempo e nella geografia, come culture sorelle, o se i primi abbiano dato vita alla seconda.

Ma le nuove scoperte potrebbero aiutare a chiarire il rapporto tra le due civiltà.

Il periodo di massimo splendore dei Maya è avvenuto tra il 250 e il 950 d.C. circa, ma sono almeno 650 anni dopo la data di costruzione del più giovane dei 478 siti scoperti dal team di Inomata. Ciò suggerisce che i gruppi che hanno preceduto i Maya abbiano costruito quelle strutture.

I dati LIDAR hanno anche rivelato che un sito olmeco, noto come San Lorenzo, aveva una grande piazza rettangolare simile a quella di Aguada Fénix. Entrambe queste piattaforme si sono allineate anche con l’alba in determinate date. Quindi a Inomata, ciò suggerisce che San Lorenzo sia stata fonte di ispirazione per il sito Maya, così come altri simili nella regione.

“Questo ci dice che San Lorenzo è molto importante per l’inizio di alcune di queste idee che sono state poi utilizzate dai Maya”, ha detto.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial