HomeGoogleBella la nuova F1 McLaren sponsorizzata da Google

Bella la nuova F1 McLaren sponsorizzata da Google

La quinta stagione di Formula 1: Drive to Survive potrebbe potenzialmente includere scene in cui il CEO della McLaren Racing Zak Brown distrugge un Chromebook o un tablet Android, in stile Tom Brady , grazie a un nuovo accordo tra il team e Google .

Nel 2020, la McLaren ha concluso il suo accordo con OnePlus che ha prodotto diversi telefoni Android neri e arancioni con caratteristiche potenti , ma non vi è alcuna indicazione che un esercizio di branding simile arriverà presto sulla serie Pixel.

Invece, il nuovo accordo “pluriennale” tra Google e McLaren sta mettendo il marchio sulla MCL36 guidata da Lando Norris e Daniel Ricciardo (che ora è disponibile a guidare nel GP del Bahrain di apertura della stagione di questo fine settimana dopo più test negativi a seguito di un caso di COVID-19), le loro tute da gara e caschi, e sui piloti e sul team della McLaren MX Extreme E numero 58 della McLaren.

Se non hai familiarità con queste ruote di marca in F1, è un’opportunità che si presenta quando i copriruota vengono reintrodotti per la prima volta dal 2009. Come notato da Formula1.com , i copriruota sono un’aggiunta obbligatoria a tutte le auto in questa stagione e sebbene abbiano un design più semplice di quelli visti su alcune auto a metà degli anni 2000, fanno parte delle modifiche istituite per ridurre la turbolenza creata da ciascuna vettura per consentire un seguito più vicino e, idealmente, maggiori opportunità di sorpasso. Motorsport.com ha maggiori informazioni sulla storia dei copriruota in F1, sul motivo per cui sono stati banditi prima della stagione 2010 e sul perché sono tornati ora, incluso il fatto che il design bombato non dovrebbe renderli più facili da gestire per i meccanici durante i pit stop.

Dicono anche che la McLaren utilizzerà “dispositivi Android abilitati al 5G e browser Chrome durante le sue operazioni durante le sessioni di prove libere, le qualifiche e le gare per supportare i piloti e il team, con l’obiettivo di migliorare le prestazioni in pista”. In una dichiarazione, Brown ha dichiarato: “Integrando piattaforme come Android e Chrome nelle nostre operazioni, il nostro team sarà supportato meglio per concentrarsi sulla guida delle prestazioni. Non vediamo l’ora di un’entusiasmante partnership che si estende tra la Formula 1 e l’Extreme E”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial