giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeCriptovaluteBitcoinBoom di minatori bitcoin in Argentina grazie all'elettricità sovvenzionata dal governo

Boom di minatori bitcoin in Argentina grazie all’elettricità sovvenzionata dal governo

I minatori di bitcoin in Argentina stanno sfruttando le inefficienze dell’economia interventista del paese per raccogliere profitti fuori misura, alimentati dai ricordi di crolli valutari e alimentati dall’elettricità sovvenzionata dal governo.

Mentre numerosi paesi hanno sperimentato un boom nel mining di criptovalute quest’anno, i tassi di utilità estremamente bassi e la ripresa dei controlli sui capitali stanno aiutando a incrementare i profitti per i minatori nella nazione sudamericana. Per molti esperti, è l’ennesimo esempio della perenne capacità degli argentini di piegare a proprio vantaggio le politiche eterodosse della nazione.

“Anche dopo la correzione del prezzo di Bitcoin, il costo dell’elettricità per chiunque estragga dalla propria casa è ancora una frazione delle entrate totali generate”, ha affermato Nicolas Bourbon, che ha esperienza nell’estrazione di valute digitali da Buenos Aires.

Le criptovalute sono state a lungo sbandierate in Argentina come un modo per i locali di proteggersi dalle crisi economiche cicliche, tra cui ripetute svalutazioni valutarie, inadempienze, iperinflazione e ora una recessione di tre anni aggravata dalla pandemia. Oltre al potere a buon mercato, il ritorno dei controlli sui cambi negli ultimi anni ha dato agli argentini il divieto di acquistare dollari ancora più incentivi per estrarre token digitali, poiché l’aumento della domanda di asset non pesos ha fatto salire alle stelle il valore di Bitcoin a quasi 5,9 milioni pesos nei mercati non ufficiali a partire da domenica, contro circa 3,4 milioni di pesos al cambio ufficiale.
Un Bitcoin recupera 6 milioni di pesos al tasso parallelo, molto al di sopra del tasso ufficiale

I minatori stanno beneficiando dei sussidi per l’elettricità residenziale di vecchia data del paese, una politica destinata a guadagnare punti politici con gli elettori, ma che sta alimentando sempre più la tensione all’interno della coalizione peronista di sinistra al governo.

Nonostante l’Argentina sia un importatore netto di gas, le bollette elettriche dei consumatori rappresentano solo dal 2% al 3% circa di un reddito medio mensile, rispetto a circa il doppio di quello in altri mercati dell’America Latina come Brasile, Colombia o Cile, secondo Ezequiel Fernandez, un analista presso Balanz Capital Valores a Buenos Aires.

Inoltre, con l’inflazione che si aggira intorno al 50% all’anno e le restrizioni valutarie che consentono agli individui di convertire legalmente solo $ 200 al mese, la domanda dilagante di qualsiasi riserva di valore sta alimentando un tuffo nel peso nei mercati paralleli, dove ora è circa il 70% più debole del tasso ufficiale.

“La criptovaluta generata dai minatori viene in genere venduta al tasso di cambio parallelo, ma l’energia viene pagata a un tasso agevolato”, ha affermato Bourbon. “Al momento, i ricavi sono molto alti.”

Le società minerarie internazionali stanno percependo opportunità. Il mese scorso, la canadese Bitfarms Ltd. ha dichiarato di aver ottenuto un accordo per attingere direttamente a una centrale elettrica locale per estrarre fino a 210 megawatt di elettricità alimentata a gas naturale, nel tentativo di gestire quella che sarebbe la più grande struttura mineraria di Bitcoin nel sud America.

“Stavamo cercando luoghi che hanno sovradimensionato i loro sistemi di generazione elettrica”, ha detto il presidente di Bitfarms Geoffrey Morphy in un’intervista. “L’attività economica in Argentina è in calo e il potere non viene utilizzato appieno. Quindi era una situazione vantaggiosa per tutti”.

A dire il vero, la domanda di energia industriale non è completamente coperta dai sussidi. Ma il prezzo di $ 0,022 per chilowattora Bitfarms afferma che pagherà per l’elettricità è molto al di sotto del tasso di mercato all’ingrosso di circa $ 0,06 per chilowattora per i clienti industriali non collegati alla rete locale, secondo Fernandez di Balanz Capital.

“Per alcuni generatori di energia con facile accesso al gas, la vendita di energia in eccesso ai minatori di Bitcoin durante una parte dell’anno ha senso, soprattutto se il generatore di energia evita in qualche modo i controlli sui cambi e viene pagato in dollari forti fuori dall’Argentina o in Bitcoin “Ha detto Fernandez.

Un portavoce del ministero dell’energia argentino ha rifiutato di commentare l’accordo, così come un portavoce dell’agenzia fiscale argentina.

Indipendentemente dalla volatilità di Bitcoin nei prossimi mesi, l’estrazione mineraria in Argentina rimarrà quasi certamente redditizia per gli individui fintanto che il governo pagherà almeno una parte della bolletta elettrica.

“I minatori sanno che i sussidi sono ridicoli”, ha detto Bourbon. “Semplicemente ne approfittano.”

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial