sabato, Luglio 20, 2024

Bug Outlook consente di falsificare mittenti Microsoft

**BUG DI OUTLOOK PERMETTE DI INVIARE E-MAIL FINGENDOSI DIPENDENTI Microsoft**

Un nuovo e clamoroso **bug** è stato individuato da *Vsevolod Kokorin*, ricercatore presso **SolidLab**. Sfruttando questa falla di **Outlook**, a quanto pare, è possibile inviare Posta Elettronica modificando il mittente e **fingendosi dipendenti Microsoft**.

Per dimostrare la scoperta, lo stesso Kokorin ha mostrato su **X** un suo messaggio di posta elettronica, con il mittente che sembra provenire dal **team di Sicurezza Microsoft**.

**LA RISPOSTA (TARDIVA) DI MICROSOFT AL PREOCCUPANTE BUG**

Per evitare una serie di abusi da parte di malintenzionati, Kokorin non ha rivelato alcun dettaglio tecnico sul bug, soffermando come sia importante un pronto intervento per evitare che ciò accada.

Nonostante il ricercatore abbia segnalato a Microsoft quanto avvenuto, la compagnia di Redmond sembra non averlo voluto ascoltare. Per poter dunque sensibilizzare il pubblico, l’esperto ha deciso di pubblicare la sua scoperta su X.

In passato, lo stesso ricercatore ha individuato un bug nell’ecosistema **Google**. In quel caso, però, il colosso tecnologico è intervenuto prontamente rimediando alla sua mancanza.

Solo dopo il post su X, a quanto pare, Microsoft ha fatto un passo indietro contattando il ricercatore per confermare come un team sia a lavoro per rimediare alla falla. Kokorin ha affermato come non si aspettasse di avere così risalto sulla piattaforma e di come il suo comportamento non sia legato a una potenziale ricompensa da parte dell’azienda.

L’esperto, infine, ha fatto un appello alle grandi compagnie tecnologiche attraverso il sito TechCrunch, chiedendo **maggior rispetto** e supporto da parte delle aziende per quanto riguarda il lavoro dei ricercatori.

Infine, l’articolo sulla vulnerabilità di Outlook si conclude qui. Resta da attendere gli sviluppi e le azioni immediate da parte di Microsoft per risolvere il problema.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: