GOOGLE SHAZAM CANZONI

Sappiamo tutti quanto sia frustrante quando non riesci a ricordare il nome di una canzone o nessuna delle parole e la melodia è bloccata nella tua testa. Google può aiutarti a capirlo, senza bisogno di una lettera, un nome dell’artista o una presentazione perfetta. Come? Trasforma il tuo cercatore in uno Shazam ronzante.

Riconosci una canzone canticchiandola o fischiandola

A partire da oggi, quando hai una canzone o un tema bloccato nella tua testa, puoi canticchiare, fischiare o cantare una melodia a Google per aiutarti a riconoscerlo. Apri l’ultima versione dell’app Google sul cellulare o trova il widget di ricerca di Google, tocca l’icona del microfono e dì “cos’è questo brano?” oppure fai clic sul pulsante ” Trova una canzone “. Quindi inizia a canticchiare per 10-15 secondi .

Nell’Assistente Google è altrettanto semplice. Dì “Hey Google, cos’è questa canzone?” e poi canticchia la canzone. Questa funzione è disponibile in inglese su iOS e in più di 20 lingue su Android. E secondo Google, “speriamo di estenderlo a più lingue in futuro” .

Quando hai finito di canticchiare, “il nostro algoritmo di apprendimento automatico aiuta a identificare possibili corrispondenze di canzoni”. E non preoccuparti, non hai bisogno di un “Pitch Perfect” per utilizzare questa funzione o inchiodare il tono o le note . L’app ti mostrerà le opzioni più probabili a seconda della melodia . Quindi puoi selezionare la corrispondenza migliore e, come in app come Shazam, puoi:

– Leggi le informazioni sulla canzone e sull’artista

– Guarda i video musicali di accompagnamento

– Ascolta la canzone nell’app che desideri

– Trova la lettera

– Leggi l’analisi

– Vedi altre versioni / cover della canzone (se disponibili)

Addestra gli algoritmi

Ma come funziona questo sistema? Fondamentalmente, la melodia di una canzone è come la sua impronta digitale: ognuno ha la sua identità unica. In Google ” abbiamo creato modelli di machine learning in grado di abbinare il tuo buzz, sibilo o canto alla corretta” impronta digitale “.”

Quando canticchi una melodia nella ricerca, “i nostri modelli di machine learning trasformano l’audio in una sequenza numerica che rappresenta la melodia del brano”. Questi modelli sono addestrati per identificare i brani in base a una varietà di fonti, tra cui “umani che cantano e fischiano o ronzio, così come registrazioni in studio ”. Gli algoritmi rimuovono anche tutti gli altri dettagli, come gli strumenti di supporto e il timbro e il tono della voce. Quello che ci resta è la sequenza numerica della canzone, o l’impronta digitale.

Ora Google confronta queste sequenze con migliaia di brani da tutto il mondo, identificando possibili corrispondenze in tempo reale grazie al fatto che “i nostri modelli di machine learning riconoscono la melodia della versione registrata in studio del brano, che possiamo utilizzare per abbinarla al ronzio audio di una persona ”.