martedì, Gennaio 31, 2023
HomeChatGPTChatGPT è il prossimo boom della tecnologia?

ChatGPT è il prossimo boom della tecnologia?

Il rilascio di ChatGPT da parte di OpenAI e l’immediato ronzio successivo ha messo l’IA generativa sulla mappa per i venture capitalist e le aziende tecnologiche desiderose di investire denaro in un’idea intelligente in una recessione in cui le idee intelligenti sembrano scarse.

L’intelligenza artificiale generativa è il termine generico per l’intelligenza artificiale che può creare qualcosa di nuovo, ad esempio testo o immagini, dai dati esistenti, quando viene richiesto. Gli strumenti di intelligenza artificiale generativa di OpenAI possono apparentemente fare qualsiasi cosa, dalla scrittura di poesie e codice alla produzione di opere d’arte degne di una cornice, innescando un’enorme eccitazione nello spazio.

E i venture capitalist e le aziende vogliono entrare presto nella tecnologia che ha il potenziale per essere trasformativa, specialmente in un momento in cui la maggior parte dei colpi di luna tecnologici non funziona .

Ad esempio: Microsoft sta valutando se investire altri $ 10 miliardi in OpenAI con una valutazione di $ 29 miliardi, secondo i rapporti, dopo aver investito per la prima volta $ 1 miliardo nel 2019.

Il copywriter di intelligenza artificiale Jasper AI  ha raccolto $ 125 milioni in finanziamenti di serie A a ottobre , il massimo per un round iniziale alla fine del triste anno di finanziamenti per le startup.

E a dicembre, Runway, con sede a New York, che utilizza strumenti di intelligenza artificiale per aiutare nell’editing video, ha raccolto $ 50 milioni con una valutazione di $ 500 milioni.

Si tratta di accordi individuali particolarmente grandi e quest’anno sembra destinato a vedere continuare la corsa ai finanziamenti.

Ma siamo diretti verso una bolla AI?

La bolla della sopravvalutazione

Un segno di schiumosità nelle startup tecnologiche private è se le loro valutazioni sembrano fuori controllo rispetto al loro potenziale commerciale.

Le startup di intelligenza artificiale generativa si stanno già assicurando valutazioni altissime nonostante poche prove di entrate commisurate, per non parlare dei profitti, che ricordano i tempi del boom dei tassi di interesse bassi che hanno visto le aziende con modelli di business non comprovati ottenere valutazioni del valore di miliardi di dollari nonostante avessero poco da mostrare.

Secondo il Wall Street Journal , la valutazione obiettivo dichiarata di OpenAI di $ 29 miliardi sarebbe su entrate di “decine di milioni” . Ciò potrebbe significare un multiplo delle entrate che va da circa 290x a 2.900x. OpenAI è commercialmente promettente grazie ai suoi legami con Microsoft, ma questa è una grande dimostrazione di fiducia.

Jasper AI si è assicurata una valutazione di 1,5 miliardi di dollari dal suo recente round, nonostante prevedesse di terminare il 2022 con solo 75 milioni di dollari di entrate, secondo TechCrunch , un multiplo di entrate 20 volte superiore.

A titolo di confronto, la società di intelligenza artificiale aziendale quotata in borsa C3 viene scambiata a un multiplo delle entrate di circa 1,3 volte .

Un altro segno di una bolla è una corsa ai contanti. I dati di Pitchbook suggeriscono che gli investimenti di capitale di rischio nell’intelligenza artificiale hanno raggiunto $ 1,37 miliardi nel 2022 in 78 operazioni a livello globale, rappresentando quasi il totale investito negli ultimi cinque anni.

Non è chiaro come l’IA generativa generi entrate

Tutto ciò potrebbe essere giustificabile se ci fosse un percorso chiaro per le aziende di intelligenza artificiale per fare soldi. Ma lo stato attuale dell’IA è ancora costoso e i profitti sono teorici.

Per il dottor Richard Windsor, fondatore della società di ricerca Radio Free Mobile, le conclusioni secondo cui ChatGPT sta per rovesciare Google sono premature. OpenAI, ha detto, è “molto lontano dallo sfidare Google”, in particolare perché l’azienda sottoscrive quello che chiama “il teorema della scimmia infinita dell’IA”.

A suo avviso, l’approccio di OpenAI è uno dei seguenti: “Se lanci abbastanza dati e abbastanza calcoli per un problema, alla fine la risposta verrà fuori”. Di conseguenza, ha affermato, OpenAI utilizza molta potenza di calcolo.

In una nota di ricerca, gli analisti di Morgan Stanley hanno confrontato il costo per query di ChatGPT con il costo per ricerca di Google. Con una media stimata di $ 0,02 per query, hanno stimato che i costi di OpenAI sono circa sette volte superiori a $ 0,003 per query di Google.

La differenza, notano gli analisti, è il significato di “l’intensità di calcolo dei modelli di linguaggio naturale di ChatGPT”.

Hanno aggiunto che anche se OpenAI avesse accesso ai livelli più economici per Azure, il servizio cloud Microsoft che ospita ChatGPT, le query effettuate sul chatbot AI sarebbero comunque quattro volte più costose di una ricerca media su Google.

Parte dell’entusiasmo intorno all’IA generativa può essere giustificato e la tecnologia sembra davvero eccitante. Ma per evitare un’altra bolla, gli investitori farebbero bene a interrogare i fondamenti delle attività generative di intelligenza artificiale, prima di distribuire valutazioni pesanti.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial