mercoledì, Aprile 17, 2024

ChatGPT in tilt: Il chatbot AI crea risposte bizzarre e incongruenti con il linguaggio

ChatGPT in tilt: il chatbot AI fornisce risposte mescolando lingue e inventando parole

I Social Network (principalmente X) sono stati inondati dalle segnalazioni di utenti che hanno notato un comportamento a dir poco anomalo di ChatGPT, il chatbot AI di OpenAI. Quest’ultimo è andato letteralmente in tilt, e lo dimostra il fatto che per ore ha fornito risposte con parole inventate o addirittura mescolando più lingue, inglese e spagnolo ad esempio. In altri casi invece ha ripetuto la stessa frase (o singola parola) più e più volte, diventando quindi totalmente inutilizzabile.

ChatGPT ha detto cosa senza senso per diverse ore: colpito anche il modello GPT-4

Il bot basato sull’Intelligenza Artificiale è altamente addestrato e viene migliorato giorno dopo giorno, ma, come sottolineato dalla stessa OpenAI, devono essere tenuti in conto anche degli errori. Nessuno però sia aspettava problemi di questo tipo, dovuti chiaramente ad un bug di cui però non è stata ancora rivelata la causa.

Di seguito alcune testimonianze condivise su X:

chatgpt is apparently going off the rails right now and no one can explain why pic.Twitter.com/0XSSsTfLzP
— sean mcguire (@seanw_m) February 21, 2024
Uhhhhh you okay there ChatGPT? pic.twitter.com/NfLWzTG5Jr
— becca (@beccalunch) February 21, 2024

Allarme rientrato, dunque? Sembra proprio di sì, ma il malfunzionamento delle ultime ore ha fatto storcere il naso ad un bel po’ di utenti. Sì, perché il bug ha colpito non solo il modello GPT-3.5 (quello più utilizzato perché alla base della versione gratuita del bot), ma anche il modello GPT-4, ovvero quello della versione a pagamento.

Non è comunque la prima volta che un bot AI perde il senno. Nel febbraio del 2023, ad esempio, c’è stato un momento in cui Microsoft Bing (oggi Copilot) rispondeva in modo strano agli utenti, in alcuni casi offendendoli e accusandoli di essere di essere dei troll. A novembre dello scorso anno, invece, ChatGPT aveva “rivelato” ad alcuni naviganti del web di provenire dal futuro, che era in grado di viaggiare nel tempo e che tra i suoi scopi c’era quello di trovare prove circa l’esistenza di Dio.

Immagine di copertina generata con Copilot

In seguito a questi episodi, è chiaro il bisogno di un’ulteriore supervisione sui sistemi di intelligenza artificiale in fase di sviluppo.

Il bot basato sull’IA è stato migliorato giorno dopo giorno, ma l’ errore ha colpito let versioni gratuite e paywall.

Alcune testimonianze condivise sui social network X dimostrano il malfunzionamento di ChatGPT. Il modello GPT-4, ovvero quello della versione a pagamento, ha mostrato gli stessi problemi.

Il bug non è stato causato solo da problemi sulla versione gratuita del bot ma anche sulla versione a pagamento.

A novembre dello scorso anno, invece, ChatGPT aveva “rivelato” ad alcuni naviganti del web di provenire dal futuro, che era in grado di viaggiare nel tempo e che tra i suoi scopi c’era quello di trovare prove circa l’esistenza di Dio.

Il malfunzionamento del chatbot IA di OpenAI ha messo in luce la necessità di una maggiore supervisione sui sistemi di intelligenza artificiale in fase di sviluppo.

Infine, questo episodio crea dei dubbi sui percorso di training degli algoritmi di chatbot AI. In quanto devono essere addestrati su grandi quantitativi di test. Infine OpenAI non ha ancora risposto affermatamente sulla causa del problema.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: