domenica, Ottobre 2, 2022
HomeCinemaChi è l'altro cattivo di Batman nella cella accanto all'Enigmista?

Chi è l’altro cattivo di Batman nella cella accanto all’Enigmista?

La versione di Matt Reeves del Crociato Incappucciato ci racconta la storia del personaggio durante il secondo anno. Questo è abbastanza presto nella narrazione del personaggio e alcuni dei cattivi più essenziali devono ancora venire.

Il film prende Batman ed esplora il primo periodo in cui era un detective e questo aiuta a stabilire la sua persona. È stato emozionante vedere la versione completamente originale del personaggio dell’Enigmista. Ma il regista è anche riuscito a accennare ad alcuni degli altri principali cattivi che sarebbero apparsi nel film. Sembra che l’Enigmista non sia solo ad Arkham in The Batman. Allora, chi è questo altro cattivo di Batman apparso nel film? Scopriamolo.

Avvertimento spoiler!! Vai a guardare The Batman First.

Altro cattivo di Batman accanto alla cella dell’Enigmista

L’Enigmista finisce per atterrare nel manicomio di Arkham dopo aver ucciso molte persone durante l’intero film. Era motivato a uccidere alcuni dei nomi più importanti dell’élite di Gotham City, inclusi il procuratore distrettuale Gil Colson e il sindaco Don Mitchell, Jr. Tutto questo per rivelare quella verità massicciamente corrotta sulla città. Questo, in un certo senso, aiuterebbe Batman a scoprire che Carmine Falcone aveva la maggior parte della polizia che lavorava per lui. Quando il Crociato Incappucciato riesce a risolvere l’ultimo indizio dell’Enigmista, quest’ultimo viene arrestato dopo aver ucciso Falcone.

Sembra che la storia potrebbe essere finita quando l’Enigmista è stato inviato ad Arkham. Ma questo in realtà crea un momento interessante in cui l’Enigmista viene visto guardare le notizie riguardanti l’inondazione a Gotham City mentre le sue bombe avevano sviscerato le pareti dell’inondazione. Questa scena particolare mostra anche un altro cattivo che finisce per apparire nella scena. La cella proprio accanto a lui aveva Joker che ha cicatrici facciali ed è per lo più nascosto alla vista. Joker dice all’Enigmista: ” Un giorno sei al top, il giorno dopo sei un clown ” prima di dire che Gotham ama una storia di ritorno.

Matt Reeves parla di Joker in The Batman

Ci sono state molte voci sull’apparizione di Joker nel film. Barry Keoghan, che è stato annunciato per essere nel film, ha avuto un ruolo misterioso nel film. Sulla base delle foto dal set trapelate, si presumeva che Keoghan avrebbe interpretato l’ufficiale del GCPD Stanley Merkel. Il fratello dell’attore ha finito per rivelare la verità dietro il personaggio sui social media. Ma Matt Reeves in realtà ha finito per confermare di aver girato una scena falsa con Keoghan per far sentire alla gente che stava interpretando un altro personaggio.

Reeves ha effettivamente affermato che l’attore aveva girato due scene per il film, ma la scena precedente è stata tagliata. In un’intervista a IGN , il regista ha rivelato:

La cosa interessante è che il motivo per cui Joker è nel film è che in realtà c’era un’altra scena precedente. E poiché il film non è un racconto delle origini per Batman, ma sono i suoi primi giorni, è davvero un racconto delle origini per i personaggi di Rogue’s Gallery. E per me, penso che [sia] questa idea che il Joker non sia ancora il Joker, ma hanno già questa relazione.

La scena che non era nel film, la scena a cui questo è davvero il compagno, che in realtà è una scena davvero interessante che verrà rilasciata ad un certo punto, è una scena in cui Batman è così innervosito perché l’Enigmista gli sta scrivendo. E lui dice: ‘Beh, perché questo ragazzo mi scrive?’ E pensa di dover profilare questo assassino.

Ha inoltre aggiunto:

Va a vedere un altro killer con cui ha chiaramente avuto un’esperienza in questi primi due anni. E questo killer in questa storia non è ancora il personaggio che conosciamo, giusto? Quindi tutti sono nella loro infanzia. Quindi nei fumetti, questi personaggi spesso dichiarano i loro alter ego in risposta al fatto che c’è un Batman là fuori. E quindi qui abbiamo un Joker che non è ancora il Joker.

Il Joker di Barry Keoghan

Ci sono state anche alcune informazioni sul modo in cui il design del personaggio sarebbe apparso nel film. Secondo Reeves,

Nella scena che vedrai in futuro, vedrai che abbiamo lavorato su come fosse. Ed è tenuto in questo modo molto ricco di suspense, lontano da te visivamente. Ma volevo creare un’iterazione di lui che fosse distintiva e nuova, ma che tornasse alle origini. Quindi è molto fuori dagli schemi di Conrad Veidt e dall’idea del film muto di L’uomo che ride.

Reeves ha ulteriormente spiegato:

Ha questa malattia congenita. Non riesce mai a smettere di sorridere. E ha fatto pensare a Mike e a me: stavo parlando di The Elephant Man perché amo David Lynch. E io ero tipo, ‘Beh, forse c’è qualcosa qui in cui non è qualcosa in cui è caduto in una vasca di sostanze chimiche o non è la cosa di Nolan in cui ha queste cicatrici e non sappiamo da dove vengano. E se fosse qualcosa da cui è stato toccato dalla nascita e che ha una malattia congenita che si rifiuta di fargli smettere di sorridere? E ha avuto questa reazione molto oscura, e ha dovuto passare una vita di persone a guardarlo in un certo modo e lui sa come entrarti nella testa.

La scena particolare in cui appare Joker nel film segue con lui che recita la famosa battuta dell’Enigmista. Dà a Edward Nashton un indovinello con la frase ” Riddle me this ” a cui l’assassino dà la risposta corretta ” un amico “. Il duo finisce per ridere a crepapelle e questo indica chiaramente un certo legame tra i due. Questa è una chiara indicazione del futuro di entrambi i personaggi che andranno contro Batman. Non c’è una chiara indicazione di cosa accadrà con i personaggi, ma possiamo essere sicuri di vederli nel sequel.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial