HomeAmazonCome Amazon gestisce i resi

Come Amazon gestisce i resi

Offrire una generosa politica di restituzione fa bene alle vendite di Amazon, ma comporta costi significativi e, poiché le persone diventano sempre più preoccupate per l’ambiente, può avere anche un impatto sulla sua immagine.

Amazon ha affrontato il problema in un recente post sul blog sul suo mercato tedesco, inclusa la descrizione di come gestisce i resi di articoli venduti da commercianti di terze parti che rappresentano oltre la metà dei prodotti venduti su Amazon in tutto il mondo.

Amazon ispeziona a fondo le merci restituite per decidere cosa farne: molti degli articoli vengono rimessi sui suoi scaffali virtuali, ha affermato. Ma la priorità è innanzitutto ridurre il numero di articoli restituiti dai clienti. Lo fa in parte consentendo agli acquirenti di lasciare recensioni sui prodotti che gli acquirenti possono leggere e fornisce informazioni dettagliate sul prodotto, inclusi video e foto di clienti o produttori.

Amazon ha affermato che il numero di articoli di moda restituiti in Germania a causa di una vestibilità errata è diminuito di oltre il 25% dal 2020 grazie in parte alla raccomandazione sulla taglia, “ad esempio in base a precedenti acquisti, resi o articoli che un cliente ha guardato ma non acquistato .” ( Traduzione dal tedesco grazie a Google Translate. )

Se Amazon determina che l’articolo restituito non è più in ottime condizioni, viene sottoposto a un ulteriore esame approfondito per contrassegnarlo per il successivo miglior utilizzo: rivendita come utilizzato tramite il programma Amazon Warehouse, vendita agli acquirenti di articoli residui, donazione a organizzazioni senza scopo di lucro o restituire al fornitore.

Amazon Germania ha affermato che la proporzione dei prodotti venduti che devono essere smaltiti è “nell’intervallo per mille”.

“Solo quando tutte le altre strade falliscono, entra in gioco il riciclaggio degli oggetti. L’obiettivo qui è mantenere i materiali in circolazione. Ad esempio, i prodotti vengono riciclati perché non sono più utilizzabili, come uno spazzolino da denti aperto, una lampadina rotta o un calendario obsoleto. Solo come ultima risorsa inviamo prodotti per il recupero energetico. Per noi, come per altri commercianti, questa è l’opzione meno attraente, sia dal punto di vista ecologico che economico”.

In una sezione Domande frequenti, Amazon ha spiegato cosa succede ai prodotti restituiti da venditori di terze parti di Amazon. “Dato che i prodotti restituiti non ci appartengono, spetta ai partner di vendita decidere cosa fare con la merce”, ha affermato.

“Abbiamo tre programmi in atto per rendere più facile per i nostri partner rivendere gli articoli restituiti o eccedere le scorte:

“Con un primo programma, i fornitori di terze parti possono rivendere i resi e le scorte in eccesso agli acquirenti di articoli residui con profitto. Il programma è ora disponibile in Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia, Spagna e Stati Uniti. Possono partecipare al programma anche fornitori terzi austriaci.

“I fornitori di terze parti possono anche utilizzare un secondo programma per rivendere i resi direttamente ai clienti Amazon. Il programma è disponibile in Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia, Spagna e Stati Uniti. Questo programma è aperto anche alle aziende austriache. Amazon quindi classifica automaticamente un articolo restituito e gli assegna una delle quattro condizioni standard: Usato – Come nuovo, Usato – Molto buono, Usato – Buono e Usato – Discreto. I venditori di terze parti stabiliscono autonomamente il prezzo dell’articolo in base alle condizioni, proprio come i loro nuovi prodotti.

“Abbiamo anche un punto vendita attraverso il quale terze parti vendono merci in eccedenza ai clienti e di solito ricevono ancora tra il 30 e il 60 percento del prezzo originale.

“In alternativa, ovviamente, rispediamo anche la merce restituita o invenduta a terzi.”

Amazon ha anche sottolineato nelle FAQ che non era vero che la sua struttura tariffaria rendesse più economico per i partner di vendita lo smaltimento dei beni.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial