messaggio WhatsApp falso da uno vero

“Tutto ciò che è popolare su Internet è anche suscettibile di essere violato” .

Questa massima è indubbiamente vera, perché gli hacker vedono nelle app, nei programmi e nei siti web più popolari il miglior canale possibile per trasmettere virus, truffe online e contenuti malware. Soprattutto su WhatsApp, che viene utilizzato da più di un miliardo di persone al mese, perché? Proprio per l’elevato numero di utenti che WhatsApp e altri apprezzano, che consente a un virus di diffondersi facilmente e rapidamente. L’app di messaggistica ha avuto successo con funzioni recenti come sapere quando un messaggio ricevuto è stato inoltrato da un’altra chat, ma alla fine devi essere vigile per sapere come distinguere i messaggi falsi da quelli reali.

Distinguere un messaggio WhatsApp falso da uno vero

Hai mai ricevuto un messaggio da qualcuno che non è un tuo contatto e non è nemmeno ufficiale da WhatsApp che ti informa di un aggiornamento o di un contenuto? Se non abbiamo quella persona all’ordine del giorno, potremmo. Ma se leggerlo ha saltato la tua intuizione e il pensiero che qualcosa di strano stia accadendo con quel messaggio, allora probabilmente è un messaggio falso. I messaggi di spam inviati da terze parti non autorizzate possono raggiungerti in diversi modi: spam, truffe o messaggi di impostori che si spacciano per membri del team di WhatsApp.

LEGGI  WhatsApp: a che ora un contatto legge i tuoi messaggi?

Tutti questi messaggi cercano di ingannarti e di indurti a intraprendere azioni che potrebbero mettere in pericolo la sicurezza del tuo dispositivo e / o dei tuoi dati . E qualcuno potrebbe tentare di ingannarti se ricevi un messaggio tramite WhatsApp o e-mail che ha una di queste caratteristiche:

– Il mittente dice che rappresenta WhatsApp.

– Il messaggio ti chiede di inviarlo di nuovo.

– Il messaggio dice che puoi evitare una penalità , come il blocco del tuo account, se lo invii nuovamente.

– Il messaggio ti promette un regalo da WhatsApp o da qualcun altro.

Approfitta di oggi

Uno dei tratti distintivi di un tentativo di truffa è sfruttare qualcosa che viene annunciato, come una nuova funzionalità, aggiornamento o servizio di WhatsApp. Ad esempio, a novembre, subito dopo l’annuncio della premiere ufficiale delle videochiamate di WhatsApp, l’app ha fatto circolare una truffa tra gli utenti approfittando della loro volontà di utilizzare la nuova funzione. Sotto forma di messaggio abbiamo visto nel nostro WhatsApp un annuncio che ora potevano essere attivate le videochiamate, e sotto un banner in modo che abbiamo cliccato e cliccato su di esso.

LEGGI  WhatsApp, come trovare una conversazione tramite una foto

Se lo facessimo, dopo una falsa valutazione della nostra versione di WhatsApp, ci invitarono a visitare una pagina web per verificare la nostra identità in cui erano stati richiesti dati privati e condividere la funzione con molti dei nostri contatti. E questo è tutto, quando li abbiamo inseriti ci siamo persi. Ne abbiamo avuto un altro proprio nel mezzo del Natale, quando i social network sono più utilizzati, sotto forma di una truffa che prometteva di navigare in Internet gratuitamente senza essere connessi a un WiFi . Il messaggio è arrivato con un collegamento a un sito Web per attivare il servizio e condividerlo con altri contatti. Suona familiare? Esatto, in fondo lo stesso modus operandi.

Malware, ransomware

E se veniamo morsi e derubati? Ebbene, non solo che l’attacco di phishing ha successo e gli hacker prendono i nostri dati in modo fraudolento, ma anche che il malware può essere installato sul nostro smartphone e danneggiamo tutti coloro a cui abbiamo inviato il messaggio per ottenere Internet gratis sul cellulare senza usare il Wi-Fi. O ancora peggio: un ransomware che dirotta il tuo cellulare e ti costringe a pagare per sbloccarlo.

LEGGI  Come leggere un messaggio WhatsApp senza attivare la conferma

Blocca ed elimina

Come raccomandano gli esperti, è meglio diffidare di tutte queste promozioni che implicano la condivisione di cose con altri utenti, poiché è un chiaro invito a continuare a diffondere la truffa. Devi anche guardare i testi, le possibili email. E, soprattutto, fate molta attenzione ai link brevi e senza rivelare gli indirizzi a cui ci dicono di cliccare, perché a volte può non essere necessario aprire un collegamento sul web a cui siamo stati riferiti, ma semplicemente aprendo quel web già potremmo essere in pericolo. E lo stesso che abbiamo detto per WhatsApp può essere applicato a Twitter, Facebook, Instagram e simili, poiché tutti i tentativi di truffa e le infezioni seguono e devono seguire schemi simili.