venerdì, Marzo 1, 2024

Com’è diventato il Twitter di Elon Musk, un anno dopo

Elon Musk è proprietario della società precedentemente nota come Twitter da un anno intero. È stato un disastro.

Prima di Musk, Twitter aveva i suoi problemi. Ci è voluta un’eternità per lanciare nuove funzionalità e ho dovuto fare del mio meglio per impedire alle persone di twittare cose cattive. Ma per gran parte del 2022 è stato generalmente funzionante. Anche se l’azienda affrontava il caos dell’approccio di Musk all’acquisizione, Twitter è andato avanti con aggiornamenti tanto attesi come il pulsante di modifica per gli abbonati Twitter Blue, nuove funzionalità per le sue sale audio Spaces e piccoli miglioramenti come nuovi design per le icone. L’azienda funzionava, anche se lentamente.

In retrospettiva, quegli aggiornamenti di Twitter erano bizzarri. Il 27 ottobre 2022, un giorno dopo essere entrato nel quartier generale di Twitter a San Francisco portando un lavandino per un tweet scherzoso, Musk ha ufficialmente rilevato l’azienda. Ha immediatamente licenziato i membri chiave del vertice aziendale di Twitter, per poi licenziare circa 5.000 persone – circa due terzi dell’azienda – nelle settimane successive. Il risultato è stato un equipaggio relativamente ridotto, dedito a creare la visione di Musk, anche se ciò significava vivere e dormire al lavoro.

In un anno che avrebbe dovuto portare cambiamenti aggressivi per affrontare i bot e l’imitazione dei semi iniziali di una “App per tutto”, la piattaforma è stata invece afflitta da decisioni sbagliate prese dallo stesso Musk, coronate da uno sconcertante rebranding alla lettera X. Ora si trova ad affrontare più concorrenza che mai mentre fissa un elenco abbreviato di partner pubblicitari che hanno abbandonato la piattaforma a causa della preoccupazione per la sua instabilità sotto Musk.

Gran parte del danno a Twitter è derivato da una delle prime decisioni di Musk: il primo tentativo fallito di Twitter di offrire segni di spunta verificati a pagamento per $ 7,99 al mese (un prezzo a cui Twitter è arrivato dopo Stephen King si rifiutò al presunto canone mensile di 20 dollari) e la successiva rimozione dei badge di verifica legittimi da celebrità, giornalisti e influencer. Il cambiamento era ovviamente imperfetto fin dall’inizio, consentendo agli utenti di impersonare altri e dando maggiore visibilità a voci potenzialmente problematiche che erano disposte a pagare. Il risultato ha disincentivato creatori, celebrità e marchi di alto profilo dall’utilizzo del sito, il tipo di account per cui le persone si rivolgono a Twitter in primo luogo.

Immediatamente dopo il lancio, c’era un account Nintendo falso con Mario che lanciava il dito e un account Eli Lilly falso che diceva che l’insulina ora è gratuita, facendo sobbalzare di conseguenza il prezzo delle azioni reali di Eli Lilly. Ora, dopo un rilancio per affrontare il problema dell’impersonificazione, le risposte sono spesso piene di post potenziati di crypto influencer e persone alla disperata ricerca di coinvolgimento in modo da poter magari guadagnare denaro dalla condivisione delle entrate pubblicitarie di Twitter. Non sorprende che sia diventato difficile dire chi ha effettivamente influenza sulla piattaforma e chi si limita a pagarla.

Non sono stati solo gli utenti a fuggire. Anche gli inserzionisti sono stati spaventati dal disordine della piattaforma e hanno ritirato o sospeso del tutto le loro spese. Ciò ha posto un problema più grande: Twitter guadagna la maggior parte dei suoi soldi dalla pubblicità e gli inserzionisti non amano il nuovo Twitter. Subito dopo che Musk è subentrato, tre colossi della pubblicità hanno detto ai loro clienti di sospendere le spese sulla piattaforma.

Musk ha dato agli inserzionisti buone ragioni per essere preoccupati per la Sicurezza e la stabilità del marchio della piattaforma. Ricordi quando Twitter ha bannato l’account che tracciava i voli di Musk, lo ha ripristinato e poi lo ha bannato di nuovo? O quando Twitter ha vietato tutti i collegamenti a Instagram, Mastodon e altri concorrenti e poi ha annullato il divieto? O quando Musk ha ordinato modifiche che hanno fatto sì che i suoi tweet prendessero brevemente il sopravvento sulla piattaforma? O quando Twitter ha limitato Substack dopo aver introdotto il suo prodotto Notes simile a Twitter? O quando Musk ha minacciato di citare in giudizio l’Anti-Defamation League? O come la piattaforma sembrava limitare i collegamenti ad alcuni concorrenti e siti di Notizie in agosto per poi essere sorpresa a farlo di nuovo a settembre? O quando Musk ha minacciato di presentarsi a casa del CEO di Meta, Mark Zuckerberg, per la loro proposta di litigare? O quando è apparso per fare il dox a Zuckerberg in un live Streaming?

Negli ultimi mesi, il nuovo CEO della piattaforma, Linda Yaccarino, ha fatto un tour per far sembrare che le cose non andassero così male nel mondo della pubblicità. Giovedì ha scritto che “da metà maggio, tutte le principali agenzie hanno invertito le linee guida sulla pausa rispetto alla pubblicità su X” e il mese scorso ha condiviso che “il 90% dei 100 principali inserzionisti è tornato sulla piattaforma”. Ha detto che “grandi marchi” come AT&T, Nissan e Visa stavano tornando.

Ma ritornare non significa spendere ai livelli di una volta. Visa aveva speso solo 10 dollari su Twitter nelle settimane precedenti i commenti di Yaccarino, in calo rispetto ai 77.500 dollari delle settimane precedenti all’acquisto della società da parte di Musk. Ciò spiega perché gli introiti pubblicitari della piattaforma negli Stati Uniti erano così bassi “ancora in calo” del 60%. a settembre, secondo lo stesso Musk. Stime Dato a Reuters indicano che le entrate pubblicitarie sulla piattaforma sono diminuite anno dopo anno ogni mese da quando Musk è proprietario della piattaforma. E il servizio ha meno persone a cui mostrare quegli annunci. Similarweb ha riferito che gli utenti attivi mensili su dispositivi mobili sono diminuiti di quasi il 18%. dallo scorso settembre a questo settembre.

I problemi e l’esodo degli utenti su Twitter hanno aperto la porta a molte alternative a Twitter. Mastodon, un Social Network decentralizzato che esisteva prima che Musk prendesse il controllo di Twitter, ha visto un’enorme crescita e la sua piattaforma sottostante, ActivityPub, si è trasformata in un potente contendente per la spina dorsale del social networking decentralizzato. Bluesky, un diverso social network decentralizzato che originariamente ha iniziato con i finanziamenti di Twitter, ha definito le proprie vibrazioni e raccolto anche ondate di iscrizioni di utenti. I cofondatori di Instagram hanno appena aggiunto post ad Artifact, la loro app di notizie basata sull’Intelligenza Artificiale. E ci sono state un sacco di altre opzioni, come Inviare, Alvearee Pebble (lanciato come “T2” e in fase di chiusura), che spuntano fuori per dare un boccone.

Meta, in particolare, ha lanciato Threads. Nessuno di questi servizi ha ancora ampiamente soppiantato Twitter, ma Threads, con “poco meno” di 100 milioni di utenti attivi mensili dopo il suo lancio a luglio, sembra il miglior contendente per conquistare la corona.

E mentre Twitter cerca di cambiare le cose, la scelta di Musk di bruciare l’identità di Twitter con l’improvviso rebranding della piattaforma in X si distingue come forse la decisione più strana dell’anno. Anche la parola “tweet”, che è diventata sinonimo di “un breve post su Twitter”, è scomparsa in favore del più nebuloso “post”, che è ciò che fai praticamente su ogni piattaforma Internet.

Un anno dopo, X è ancora in circolazione, anche se sembra che sia in una posizione più debole rispetto a quando Musk l’ha acquistata. Gli utenti se ne vanno; Yaccarino ha fornito un numero di utenti attivi giornalieri inferiore a quello riportato da Twitter prima dell’acquisizione. La piattaforma è sotto indagine da parte dell’UE per i contenuti sulla guerra tra Israele e Hamas, e Musk è stato citato in giudizio dalla SEC per il suo rifiuto di testimoniare sui suoi acquisti di azioni Twitter.

X continua a sopravvivere, ma la piattaforma sembra radicalmente diversa dalla cosiddetta piazza cittadina di una volta. Non so se sarà mai più quel posto. E c’è una cosa che Musk non riesce a modellare come vuole: nonostante il rebranding di X mesi fa, il sito web rimane Twitter.com.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: