lunedì, Maggio 27, 2024

Come impedire a Bard di accedere ai contenuti del sito tramite Robot.txt

L’emergere dell’intelligenza artificiale e dei chatbot ha rivoluzionato il modo in cui gli utenti interagiscono con il web, soprattutto durante le ricerche. Ora è possibile ottenere risposte personalizzate all’interno dei chatbot.

Sebbene si tratti di un’impresa impressionante, ha suscitato molta preoccupazione tra gli editori e i media. Questo perché i chatbot scandagliano Internet alla ricerca di informazioni e le confezionano secondo la richiesta dell’utente. Il problema principale è come queste aziende compenseranno i siti web e gli editori per le informazioni che i chatbot raccolgono da loro. C’è anche la questione dell’attribuzione.

Google sembra ascoltare la difficile situazione degli editori e ora sta lanciando un nuovo controllo soprannominato Google esteso. Permetterà agli editori di impedire a Bard di accedere e utilizzare i propri contenuti per generare risposte.

Come evidenziato da Google la funzionalità fa parte del suo File di indicizzazione robots.txt che gli editori possono sfruttare e includere nella documentazione del proprio sito per informare Google di non utilizzare i loro contenuti per “contribuire a migliorare le API generative AI di Bard e Vertex, comprese le future generazioni di modelli che alimentano tali prodotti”.

Secondo Danielle Romain VP of Trust di Google, la società ha deciso di incorporare questa nuova aggiunta alle sue iniziative di intelligenza artificiale per fornire agli editori un maggiore controllo sul modo in cui i loro contenuti vengono utilizzati “per i casi d’uso emergenti dell’intelligenza artificiale generativa”.

 Microsoft dovrebbe seguire l’esempio con Bing AI

Chatbot come Bard e Bing Chat fanno molto affidamento sulle informazioni dei siti Web quando forniscono risposte alle domande. Ciò ha sollevato molta preoccupazione tra gli editori e i media, e per una buona ragione.

I chatbot raccolgono informazioni da più siti Web e le presentano in un formato compatto e riepilogativo, comprese tutte le informazioni necessarie. Ciò ha avuto un impatto notevole sul modo in cui gli utenti finali interagiscono con la ricerca durante l’utilizzo del Web, incidendo negativamente sul traffico del sito web.

Google ha fatto un passo nella giusta direzione dando agli editori il controllo su come i chatbot AI interagiscono con i loro contenuti. All’inizio dell’anno, Microsoft ha risposto alle difficoltà degli editori introducendo un nuovo schema di compensazione. Lo schema è in atto per garantire che gli editori ricevano un compenso ogni volta che Bing Chat raccoglie informazioni dai loro siti web. Microsoft ha inoltre aggiunto che la sua massima priorità è “indirizzare più traffico verso gli editori in questo nuovo mondo di ricerca”.

Anche se questo (in un certo senso) risolve parte del problema, Microsoft dovrebbe comunque prendere in prestito una pagina dal libro di Google e dare agli editori un maggiore controllo su come viene utilizzato il loro contenuto.

Vale la pena notare che se hai optato per l’opzione di non consentire al chatbot di Google, Bard, basato sull’intelligenza artificiale, di utilizzare i tuoi contenuti durante la generazione di risposte, ciò si applicherà anche ai futuri modelli che verranno presentati. Sarà anche interessante vedere come questo cambiamento influirà sulla precisione del chatbot.

Pensi che Microsoft consentirà agli editori di stabilire un maggiore controllo su come Bing utilizza i loro contenuti? Fateci sapere nei commenti.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: