HomeSpotifyCome impedire a Spotify di condividere i tuoi dati

Come impedire a Spotify di condividere i tuoi dati

Sembra l’impostazione di un brutto scherzo, ma il popolarissimo servizio di streaming musicale in realtà raccoglie, archivia e condivide risme di dati utente apparentemente banali, sommando a un’intrusione che è molto più della semplice somma delle sue parti. Mentre i clienti di Spotify sono impegnati a scatenarsi, l’azienda ha le sue mani metaforiche traendo profitto dai dati generati dal rock.

E genera una quantità sorprendente. Quello che Spotify fa con quei dati, e perché dovrebbe interessarti, sono domande complesse che coinvolgono inserzionisti di terze parti, termini di servizio scritti in modo fitto e inferenze tratte da ogni brano musicale o podcast che hai mai ascoltato sulla piattaforma di streaming.

Ma secondo gli esperti di privacy, un aspetto di questo pasticcio digitale è assolutamente semplice: gli utenti di Spotify dovrebbero prestare attenzione a come vengono utilizzati i loro dati e adottare le misure disponibili per limitare tale utilizzo quando possibile.

Evan Greer , il direttore dell’organizzazione di difesa digitale Fight for the Future e musicista la cui arte ha affrontato proprio questo argomento, lo ha chiarito con un messaggio diretto all’inizio di aprile.

“Spotify utilizza lo stesso modello di business capitalista della sorveglianza di Facebook e YouTube: raccolgono i tuoi dati e ne vendono l’accesso a inserzionisti che pensano di poter utilizzare quei dati per manipolarti nell’acquisto dei loro prodotti e servizi”.

Se sei un abbonato, paghi già Spotify $ 9,99 ogni mese. Non è necessario consegnare passivamente gratuitamente anche i tuoi preziosi dati personali. Per fortuna, ci sono passaggi che puoi intraprendere per limitare ciò che Spotify fa con il suo vasto archivio di punti dati che descrivono la tua vita o, per lo meno, ciò rende lo sforzo dell’azienda di trarre profitto dalle tue informazioni solo un po’ più difficile.

Quali dati utente raccoglie Spotify

Per capire perché le pratiche di raccolta dei dati di Spotify potrebbero essere motivo di preoccupazione, è innanzitutto importante capire esattamente quali dati utente raccoglie Spotify.

Alcuni di essi sono esattamente ciò che ci si potrebbe aspettare ed è rilevante e necessario affinché Spotify fornisca il suo servizio. Pensa a nomi, indirizzi, dettagli di fatturazione, indirizzi e-mail e informazioni su smartphone o altri dispositivi degli utenti, cose di cui Spotify ha bisogno per trasmettere musica in streaming alle tue orecchie e poi fatturarti per quell’esperienza.

Questo tipo di raccolta di dati è comprensibile. Non è nemmeno ciò che riguarda esperti come il direttore degli affari federali della Electronic Frontier Foundation, India McKinney .

“Ci sono modi in cui interagiamo con app, servizi e piattaforme online e c’è una certa quantità di dati che tali app, piattaforme e servizi devono raccogliere per svolgere il loro lavoro”, ha spiegato a un telefono di fine marzo chiamata. “Ci sono altre cose che raccolgono altre app, che non sono realmente necessarie per la fornitura di servizi o per le cose in cui l’utente si sta impegnando”.

Mentre la prima categoria di informazioni di identificazione personale può essere assolutamente abusata o gestita in modo improprio, è l’ultima categoria di raccolta di dati di cui McKinney ha messo in guardia, e che è spesso vista dagli utenti come la più invasiva.

Nel caso di Spotify, ciò può includere (ma non è in alcun modo limitato a) dati generali sulla posizione, query di ricerca, “inferenze (ovvero la nostra comprensione) dei tuoi interessi e preferenze” raccolte da “alcuni partner pubblicitari o di marketing” ” dati dei sensori mobili generati dal movimento o dall’orientamento” e, naturalmente, un elenco di tutti i brani che hai ascoltato, nonché quante volte e a che ora del giorno l’hai riprodotto (ovvero la tua “cronologia di streaming” ).

Spotify afferma inoltre che potrebbe raccogliere dati, inclusi dati sulla posizione non precisi e “inferenze (ovvero, la nostra comprensione) dei tuoi interessi e preferenze” – da “partner pubblicitari o di marketing” di terze parti.

In particolare, Spotify si impegna a spiegare le sue pratiche di raccolta dei dati sia sulla sua pagina sulla privacy che in una serie di video animati , un punto sottolineato da un portavoce dell’azienda via e-mail.

“Spotify si impegna per la privacy degli utenti e lavora per fornire informazioni trasparenti sui dati personali che raccogliamo e su come sono protetti nel nostro Centro sulla privacy “, hanno scritto. “Puoi scoprire di più sui diritti e sui controlli che gli ascoltatori di Spotify hanno in merito ai dati personali nella nostra pagina sui diritti dei dati e le impostazioni sulla privacy “.

Naturalmente, la questione se gli utenti di Spotify scavino effettivamente o meno nel centro privacy del servizio è un’altra questione. Secondo un rapporto del 2019 del Pew Research Center, “solo il 9% degli adulti afferma di leggere sempre l’informativa sulla privacy di un’azienda prima di accettare i termini e le condizioni” e “più di un terzo degli adulti (36%) afferma di non aver mai letto una politica sulla privacy prima di accettarla.”

Cosa fa Spotify con i dati degli utenti

L’utilizzo dei dati degli utenti da parte di Spotify va oltre il semplice streaming dei successi ai suoi 180 milioni di abbonati paganti .

“Spotify non vende musica”, ha spiegato Greer di Fight for the Future. “Vendono servizi di sorveglianza. I loro clienti non sono musicisti e ascoltatori di musica. I loro clienti sono inserzionisti”.

Infatti, mentre gli abbonati paganti non sono soggetti allo stesso tipo di interruzioni pubblicitarie degli utenti non paganti, la loro esperienza con il servizio non è gratuita per gli inserzionisti. Spotify afferma che potrebbe condividere i dati degli utenti con pubblicità senza nome e “partner” di marketing, per scopi inclusi (ma non limitati a) “[su misura] gli annunci per essere più pertinenti per te” e “per promuovere Spotify nei media e nella pubblicità pubblicata su altri servizi online.”

Spotify tenta di scomporre questo problema nel modo più anonimo possibile: “Un esempio di annuncio su misura è quando un partner pubblicitario ha informazioni che suggeriscono che ti piacciono le auto, il che potrebbe permetterci di mostrarti annunci sulle auto”.

Quel bit di annunci personalizzati è dove le cose si fanno interessanti e, secondo gli esperti di privacy, potenzialmente problematiche. Ricorda, dopotutto, che i dati raccolti da Spotify includono tutti i brani che hai ascoltato sulla piattaforma.

McKinney, il direttore degli affari federali dell’EFF, ha spiegato che aspetto potrebbe ipoteticamente essere l’utilizzo delle cronologie in streaming per la pubblicità mirata.

Stai ascoltando molte canzoni sul crepacuore e quindi ti invieranno annunci per il cioccolato Godiva.

– India McKinney

“Stai ascoltando molte canzoni sul crepacuore e quindi ti invieranno annunci per il cioccolato Godiva”, ha osservato. “Il livello di ricerca di mercato sulle preferenze di acquisto e sul comportamento dei consumatori va davvero, davvero in profondità nelle erbacce”.

Alla domanda specifica se, ad esempio, un utente Spotify che ascoltava canzoni su rotture romantiche potesse essere preso di mira con annunci per app di appuntamenti, il portavoce di Spotify ha tentato di rispondere a un ago linguistico molto specifico.

“Spotify utilizza la cronologia di ascolto o i “Mi piace” all’interno dell’app per informare i consigli di brani o podcast che potrebbero piacere a un utente”, hanno scritto. “Gli inserzionisti possono anche essere in grado di indirizzare gli annunci ad ascoltatori di determinati generi o playlist, ma non facciamo inferenze sulle emozioni degli utenti”.

Quindi Spotify, ha chiarito il portavoce, non fa inferenze sugli stati emotivi degli utenti in base alle loro scelte musicali. Il portavoce non ha parlato, e forse realisticamente non può, parlare per le aziende che pagano soldi a Spotify per fare pubblicità ai propri abbonati.

Quell’inquadratura prudente ha senso nel nostro mondo post Cambridge Analytica , dove, indipendentemente dalla discutibile efficacia di quella specifica azienda, i consumatori di tecnologia moderna sono estremamente diffidenti nei confronti delle aziende che tentano di utilizzare i dati emotivi per ottenere risultati specifici. Ci sono esempi reali di questo — mi viene in mente lo studio di Facebook del 2012 che prevedeva, in parte, di vedere se poteva rendere tristi gli utenti — e non sono stati accolti favorevolmente.

Il tentativo di tracciare una linea chiara intorno allo sfruttamento delle emozioni degli utenti segue anche un mini scandalo specifico di Spotify su quella stessa cosa. All’inizio del 2021, i difensori della privacy si sono concentrati su un brevetto Spotify del 2018 in cui la società affermava che gli strumenti di riconoscimento vocale potevano essere utilizzati per dedurre lo stato emotivo di un utente e quindi, almeno in teoria, consigliargli brani corrispondenti al suo umore.

Uno sforzo di petizione online, soprannominato Stop Spotify Surveillance , è stato schietto nella sua descrizione degli sforzi di Spotify: “Di’ a Spotify di abbandonare il suo piano inquietante per spiare le nostre conversazioni e manipolarci emotivamente a scopo di lucro”.

VEDERE ANCHE: Come creare una sessione privata su Spotify

Nell’aprile del 2021, Access Now , un gruppo di difesa digitale, ha inviato a Spotify una lettera chiedendogli di “abbandonare” la tecnologia descritta nel brevetto del 2018. Spotify ha risposto dicendo che “non ha mai implementato la tecnologia descritta nel brevetto in nessuno dei nostri prodotti e non abbiamo intenzione di farlo”.

“Nessun piano”, come ha sottolineato Access Now nel follow-up di maggio 2021, non significa “mai”.

Che qualcosa di apparentemente personale come i propri gusti musicali possa essere, o potenzialmente venga, sfruttato dagli inserzionisti ha un’evidente avversione. Tuttavia, secondo McKinney dell’EFF, tale disgusto potrebbe essere in parte il risultato della fusione del servizio di Spotify con la musica su Spotify, un errore che gli utenti farebbero meglio a evitare.

“Non si tratta di fornire un servizio altruistico per dare alle persone un modo semplice per ascoltare la musica con i loro bambini, o altro, non è per questo che sono in affari”, ha detto McKinney dell’ovvio motivo di profitto dell’azienda. “E solo ricordare che penso che farebbe molto per aiutare i consumatori a fare scelte informate”.

In che modo gli utenti di Spotify possono limitare la raccolta e la condivisione dei dati

Per fortuna, gli utenti di Spotify preoccupati di come le loro abitudini di ascolto potrebbero essere usate come armi contro di loro hanno più opzioni oltre a “eliminare il tuo account”.

Il passaggio più ovvio e immediato che gli utenti possono fare è apportare una modifica molto specifica alle loro impostazioni sulla privacy: disattivare gli annunci personalizzati.

“Se utilizzi i servizi supportati dalla pubblicità di Spotify e annulli la ricezione di annunci personalizzati, non condivideremo le tue informazioni con partner pubblicitari di terze parti né utilizzeremo le informazioni ricevute da loro per mostrarti annunci personalizzati”, spiega la pagina delle impostazioni sulla privacy di Spotify.

Per disattivare gli annunci personalizzati:

  1. Accedi al tuo account Spotify.
  2. Dal menu “Profilo” nell’angolo in alto a destra, seleziona “Account”. Se stai utilizzando l’applicazione desktop, questo aprirà il tuo browser.
  3. Nel menu a sinistra, seleziona “Impostazioni privacy”.
  4. Scorri verso il basso e assicurati che “Elabora i miei dati personali per annunci personalizzati” sia impostato sulla posizione “off”.

Uno screenshot delle impostazioni sulla privacy di Spotify.

 

Decidere di uscire. Credito: Screenshot: Spotify

Mentre sei lì, “disattiva Spotify per l’elaborazione dei dati di Facebook”. Ciò, secondo Spotify, significa che “smetterà di elaborare tutti i dati di Facebook condivisi con Spotify, ad eccezione dei dati personali che ti consentono di accedere a Spotify utilizzando il tuo account Facebook”. (Poi, mentre ti senti incoraggiato, vai avanti ed elimina il tuo account Facebook .)

Questi passaggi sono, per fortuna, facili. Poi arriva la parte difficile, secondo McKinney dell’EFF.

“I consumatori dovrebbero pensare e cercare i loro funzionari eletti per emanare una legislazione sulla tutela della privacy che limiti ciò che gli inserzionisti possono fare con alcune delle loro informazioni”, ha osservato. “Questo è davvero l’unico modo per trovare una soluzione. Non penso che ci siano molte azioni individuali, personali, che una persona può intraprendere che risolveranno questo problema per loro perché è davvero sistematico .”

GUARDA ANCHE: Come sfocare la tua casa su Google Street View (e perché dovresti)

Ma ciò non significa che affrontare il problema dei giganti della tecnologia affamati di dati che risucchiano i dati degli utenti sia una causa persa, un punto sollevato da McKinney e sottolineato da Fight for the Future’s Greer.

“Possiamo e dobbiamo lottare per un mondo in cui gli artisti siano equamente compensati, la musica sia ampiamente accessibile a tutti e i dati delle persone siano privati, sicuri e protetti”, ha scritto Greer. “Ciò significa lottare per politiche migliori, come la legislazione sulla privacy dei dati, l’applicazione dell’FTC e la riforma dell’antitrust. Significa anche lottare per strumenti migliori e supportare alternative a giganti come Spotify”.

Quindi, dopo aver finito di modificare le impostazioni sulla privacy di Spotify, prendi in considerazione la possibilità di chiamare rapidamente il tuo membro del Congresso per dirgli che desideri una legislazione federale a tutela della privacy dei consumatori. E poi, se vuoi scatenarti davvero, prova ad acquistare un album direttamente dalla tua band preferita.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial