giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeTecnologiaCome la tecnologia aiuta i pazienti con lesioni cerebrali a prendere decisioni

Come la tecnologia aiuta i pazienti con lesioni cerebrali a prendere decisioni

Quando una persona subisce una grave lesione cerebrale che la rende incapace di comunicare, devono essere prese decisioni in merito al loro trattamento. In alcuni casi, queste decisioni possono significare la differenza tra vita e morte. Ma nuove ricerche potrebbero aver trovato un nuovo modo di comunicare con pazienti che altrimenti non sarebbero stati in grado di fare.

I ricercatori hanno chiesto ai volontari con una normale funzione cerebrale di immaginare di giocare a tennis, che attiva un’area specifica del cervello utilizzata per pianificare movimenti complessi . I ricercatori sono stati in grado di vedere l’attività cerebrale usando la spettroscopia funzionale nel vicino infrarosso (fNIRS), che è un auricolare che, quando posizionato sulla testa di un paziente, utilizza i raggi di luce per rilevare quali aree del cervello sono attive .

Ai volontari è stato poi detto di immaginare di giocare a tennis per rispondere “sì” o di rimanere rilassati per rispondere “no”. Se i ricercatori vedevano attività nell’area motoria supplementare del cervello , sapevano che la persona stava rispondendo “sì”. Questa svolta potrebbe potenzialmente dare ai pazienti con gravi danni cerebrali la capacità di comunicare con medici e familiari e potrebbe potenzialmente trasformare il modo in cui vengono prese le decisioni terapeutiche.

Ad esempio, se le famiglie non sono in grado di comunicare con i propri cari, possono sentire la pressione di prendere rapidamente decisioni terapeutiche per evitare di lasciarle “intrappolate” in uno stato gravemente disabile. La ricerca ha dimostrato che il 50% delle famiglie che interrompono il trattamento lo fa entro le prime 72 ore dall’ammissione del paziente in ospedale. Ciò significa che alcuni pazienti che avrebbero potuto fare una buona guarigione muoiono. La comunicazione potrebbe consentire ai pazienti di comunicare in anticipo quale trattamento desiderano.

Questa nuova ricerca rappresenta un significativo passo avanti rispetto agli studi di neuroimaging di base sviluppati nell’ultimo decennio. In questi primi studi, i pazienti gravemente feriti al cervello ritenuti incoscienti sono stati collocati in uno scanner a risonanza magnetica funzionale (fMRI) e hanno chiesto di immaginare di giocare a tennis o di navigare nelle loro case. Immaginando questi scenari specifici, i pazienti potevano dimostrare di essere coscienti. Diversi studi hanno dimostrato che quasi il 15% dei pazienti ritenuti in uno stato vegetativo persistente – definito da una completa mancanza di consapevolezza di sé o dell’ambiente – sono in realtà coscienti, in base all’attività cerebrale mostrata durante le scansioni .

Tuttavia, molti pazienti gravemente feriti al cervello non possono essere sottoposti a scansione utilizzando la risonanza magnetica , non lasciando loro modo di comunicare. Adattando l’attività di tennis a fNIRS, i ricercatori possono scansionare in modo semplice e sicuro i pazienti al letto, significando potenzialmente un numero maggiore di pazienti in grado di comunicare con i ricercatori in un momento in cui vengono prese importanti decisioni terapeutiche.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial