Ubuntu, Kubuntu, Xubuntu

C’è più di un Ubuntu. Puoi scaricare Ubuntu, Kubuntu, Xubuntu o Lubuntu: ma qual è la differenza e quale dovresti scegliere? La risposta dipende da cosa stai cercando: Linux è tutto basato sulla scelta.

Qual è la differenza?

Per scegliere correttamente, dovrai comprendere i punti di forza di ogni “sapore”. Questo potrebbe essere il bling e lo smalto di Kubuntu, il “configuralo e dimenticalo” di Ubuntu, la semplicità e la stabilità retrò di Xubuntu o la capacità di Lubuntu di funzionare su hardware più vecchio e meno potente.

Nonostante i diversi nomi, tutti questi sono basati sullo stesso software Ubuntu sottostante. Includono lo stesso kernel Linux e utilità di sistema di basso livello. Tuttavia, ognuno ha applicazioni desktop e specifiche per il gusto differenti. Ciò significa che alcuni sono più completi, mentre altri sono più leggeri, quindi ognuno si sente un po ‘diverso.

Poiché queste versioni sono create per rendere Linux più accessibile, non otterranno necessariamente voti positivi in ​​un thread Reddit geniale. I sapori riguardano la praticità piuttosto che la genialità della riga di comando.

Ecco uno sguardo a quattro delle distribuzioni di Ubuntu. Scopri cosa fa e cosa non fa, in modo da poter decidere quale funziona meglio per te:

Ubuntu: il migliore per i principianti di Linux

Desktop Ubuntu

Ubuntu si installa rapidamente e facilmente su quasi tutti gli hardware moderni, spesso in appena 5 o 10 minuti. Ha bisogno di solo 4 GB di memoria e un disco rigido da 25 GB (prendilo, Windows 10!).

LEGGI  Le migliori distribuzioni Linux senza systemd

Il desktop GNOME, con il dock sul lato sinistro, è sorprendentemente intuitivo, anche se non è affatto convenzionale e non necessariamente facile da mettere a punto. Dovrai installare un paio di app, come GNOME Tweak Tool , oltre a muoverti nella giungla che è il sito Web dell’estensione GNOME Shell e le sue mini-app.

Il software, inclusa la suite per ufficio LibreOffice, il browser Firefox e il client di posta elettronica Thunderbird, sono per lo più sostituzioni immediate per tutto ciò che Windows offre. Detto questo, l’app Software, che gestisce l’installazione, è goffa e soggetta a crash  ed è stata “riparata” per anni .

Kubuntu: il migliore per il tweaking e la personalizzazione

Desktop Kubuntu

Kubuntu utilizza il desktop KDE Plasma e app KDE assortite (Kwallet, chiunque?) In cima alla base di Ubuntu. Sebbene non ci siano requisiti minimi di sistema ufficiali, ciò significa che potrebbe non sembrare così leggero o agile come Ubuntu in termini di dimensioni o risorse (e non esiste una versione a 32 bit).

Ma Kubuntu offre un aspetto molto più piacevole di Ubuntu, oltre alla flessibilità di modificare il desktop in modo che assomigli a quasi tutto ciò che desideri. Il suo file manager Dolphin è generalmente considerato tra i più produttivi in ​​ambito informatico. Inoltre, gli sviluppatori hanno costantemente sostituito molte delle sue famigerate K-app, come il browser, la posta elettronica e la suite per ufficio, con Firefox, Thunderbird e LibreOffice.

LEGGI  I 10 linguaggi di programmazione che gli sviluppatori devono conoscere

Gli svantaggi? Le restanti K-app e le loro dipendenze tendono a ingombrare il disco rigido. Inoltre, se vuoi installare un’app non KDE, spesso significa installare una serie di file non KDE per farla funzionare, il che si aggiunge alla confusione.

Xubuntu: il migliore per semplicità e stabilità

Desktop Xubuntu

Non c’è niente di sfarzoso o postmoderno su Xubuntu , che utilizza il desktop Xfce sulla base di Ubuntu. Questo è il suo più grande vantaggio: è stabile, affidabile e solido quanto le distribuzioni Linux. In questo, il desktop Xfce è così antiquato che sembra che non sia cambiato negli ultimi dieci anni (e per lo più non è cambiato, tranne che per la sua stabilità).

Inoltre, Xubuntu non richiede molto in termini di risorse di sistema: i requisiti minimi sono solo 512 MB di memoria e un disco rigido da 7,5 GB. Nonostante ciò, può eseguire le stesse app di Ubuntu (LibreOffice, Firefox, VLC e il resto).

Ma significa anche che, poiché Xfce è così diverso da GNOME, potresti non essere in grado di installare un’app GNOME indispensabile che potresti desiderare, come lo strumento Tweak. E poiché è così antiquato, c’è poco che puoi fare per modificarlo. Se pensi che i desktop abbiano bisogno di più di un dock, un’opzione di sfondo e un cambio di icone, allora Xubuntu non fa per te.

LEGGI  Linux: come creare collegamenti simbolici

Lubuntu: il migliore per un desktop leggero

Desktop Lubuntu

Lubuntu è nata come una distribuzione progettata per funzionare su hardware più vecchio, più lento e con specifiche inferiori, e questo rimane uno dei suoi punti di forza: ha bisogno di appena 1 GB di memoria (anche se, come Kubuntu, non ci sono minimi ufficiali).

Ma i suoi sviluppatori hanno perfezionato il suo approccio nelle ultime due versioni, concentrandosi su una distribuzione leggera ma più moderna. Da qui il passaggio al desktop LXQt, il programma di installazione di Calamares utilizzato da Fedora, il centro software KDE Muon e la decisione di abbandonare la versione a 32 bit.

Il desktop LXQt è simile a Xfce in quanto è più leggero e più semplice di GNOME e Plasma, sebbene utilizzi parte dello stesso codice sotto il cofano di Plasma di Kubuntu. In questo, è probabilmente giusto pensare al nuovo Lubuntu come una versione più leggera e meno blanda di Kubuntu che utilizza anche app meno dispendiose in termini di risorse, come l’email Trojita e l’editor di testo Featherpad. Il problema è che questo nuovo approccio rimane un work in progress e ci sono stati vari rapporti nei forum e altrove di ripetuti bug .