venerdì, Luglio 12, 2024

Come Uber ha imparato a smettere di litigare e a comportarsi bene con i taxi

Per oltre un decennio, Uber e i taxi sono stati impegnati in una battaglia disperata per il controllo delle città di tutto il mondo. In un angolo, la pratica secolare di alzare la mano per chiamare un passaggio. Nell’altro, premendo un pulsante sullo Smartphone per richiamare un’auto.

Ma se da un lato Uber è riuscita a decimare il settore dei taxi in molte città, dall’altro non è riuscita a spazzarlo via completamente. In effetti, il business dei taxi è fiorente il numero di conducenti negli Stati Uniti è quasi triplicato negli ultimi anni. E ora, ci sono segnali che la lunga e aspra lotta tra Uber e i taxi sta svanendo mentre sempre più flotte di taxi scelgono di piegarsi al freddo e tecnologico abbraccio di Uber.

L’ultima è Los Angeles Yellow Cab, che ha annunciato oggi il suo piano, insieme alle flotte dei suoi partner, di inserire circa 1.200 taxi nell’App di Uber come parte di un programma pilota. Il progetto pilota ha ricevuto l’approvazione del Dipartimento dei trasporti di Los Angeles, consentendo l’inizio questa settimana dell’imbarco dei tassisti nelle contee di Los Angeles, San Diego e Orange. Gli autisti inizieranno a ricevere segnalazioni di viaggi Uber nelle prossime settimane.

Los Angeles si unisce a New York, San Francisco e a una serie di altre grandi città in tutto il mondo che presentano i loro taxi nell’app ridehail di Uber. Rappresenta anche l’emergere di una nuova e inaspettata alleanza tra i proprietari di taxi e la società tecnologica che ha promesso di interrompere la loro attività.

“Credo fermamente che Uber e i taxi siano migliori insieme”, ha dichiarato il CEO di Uber Dara Khosrowshahi in una dichiarazione a Il limite. “Non vediamo l’ora di offrire a tutti i tassisti del mondo l’accesso alle corse Uber, continuando a guadagnare la fiducia dei nostri taxi partner e autisti a livello globale”.

L’eredità di Uber di giocare velocemente e liberamente con le regole ha infastidito i proprietari di taxi, che hanno accusato la compagnia di ignorare le normative locali quando si muove in nuovi mercati. Uber osserva che il business dei taxi aveva molti difetti prima del suo arrivo, compresi i prestiti predatori.

Tuttavia, i proprietari di flotte e le associazioni di conducenti sono stati in gran parte impotenti mentre guardavano i loro clienti affollarsi sulla nuova piattaforma che prometteva una facile chiamata elettronica e pagamenti senza interruzioni. I prezzi dei medaglioni a New York e altrove crollarono e gli istituti di credito che si guadagnavano da vivere finanziando l’industria dei taxi cessarono l’attività.

Uber era felice di alimentare il vetriolo. “Siamo in una campagna politica e il candidato è Uber e l’avversario è uno stronzo di nome Taxi”, co-fondatore ed ex CEO di Uber Travis Kalanick detto nel 2014. “Non piace a nessuno, non è un bel personaggio, ma è così inserito nella macchina e nel tessuto politico che molte persone gli devono dei favori.”

L’eredità di Uber di giocare velocemente e liberamente con le regole ha infastidito i proprietari di taxi

Ma è accaduta una cosa curiosa. Dopo non essere riuscita a spazzare via e sostituire completamente il business dei taxi, Uber si è invece rivolta ai taxi per alimentare la sua successiva fase di crescita. La società ha affermato che, entro il 2025, spera di elencare tutti i taxi del mondo sulla sua app. E per una volta, i proprietari dei taxi sono ansiosi di essere coinvolti.

“Facciamo quello che sappiamo fare davvero alla grande”, ha affermato Ron Sherman, presidente e CEO di Creative Mobile Technologies, o CMT, uno dei partner di Uber a New York City. “Okay e odio dirlo, ma anche quello che fanno è davvero fantastico.”

Dove usare Uber potrebbe farti prendere un taxi

Uber è un po’ vago nel descrivere l’ampiezza della sua crescente attività di taxi, rifiutandosi di discutere il numero esatto di città e autisti. I taxi sono presenti nell’app Uber in 33 paesi in tutto il mondo, con “centinaia di migliaia” di tassisti che ricevono segnalazioni di viaggio dalla compagnia. Alcuni dei mercati più grandi in termini di volume includono Hong Kong, Polonia, Corea del Sud, Svezia e Turchia. L’anno scorso, Uber ha raggiunto un accordo per includere circa 14.000 degli iconici taxi gialli di New York nella sua app.

Ciò di cui Uber ama parlare è il potenziale per i tassisti di guadagnare molto di più accettando richieste di viaggio tramite la sua app. I tassisti sono “sulla buona strada per guadagnare oltre 1 miliardo di dollari quest’anno”, ha affermato la società.

I tassisti sono “sulla buona strada per guadagnare oltre 1 miliardo di dollari quest’anno”, ha affermato la società

Quando un taxi viene fermato tramite Uber, la compagnia ottiene un taglio, anche se non ha voluto dire quanto. Il tasso di utilizzo medio globale di Uber per le corse in arrivo il terzo quarto di quest’anno è stato del 28,9%, in aumento rispetto al 23,5% del terzo trimestre del 2022.

A San Francisco, dove i tassisti accettano tariffe tramite l’app Uber da novembre 2022 nell’ambito di un programma pilota in corso, è stato riscontrato che i tassisti guadagnano in media 1.767 dollari al mese solo dai viaggi Uber. Si tratta in media di quasi il 24% in più rispetto agli autisti che non accettano corse Uber, secondo i dati del secondo trimestre compilati dalla San Francisco Municipal Transportation Agency. Per i tassisti che hanno partecipato al programma pilota, quasi un quarto delle entrate mensili proveniva da referral di terze parti come Uber.

La partnership ha assunto molte forme diverse. In Corea del Sud, Uber ha creato una joint venture con SK Telecom per competere nel mercato della mobilità ad alto valore del paese. A Hong Kong, uno dei mercati di taxi più grandi al mondo, Uber ha acquisito l’app di e-hail leader della città, HKTaxi, per elencare più tassisti nella sua app.

Come Uber si connette con i tassisti

Uber sta utilizzando il suo know-how tecnologico per alimentare l’espansione. Il team di ingegneri dell’azienda ha scritto un’API per aiutare i fornitori di Tecnologia per taxi a connettersi senza problemi con i clienti di Uber. In questo modo, qualcuno che chiama una corsa con l’app Uber può connettersi con un taxi se sembra essere il veicolo più vicino. Le tariffe vengono presentate in anticipo, proprio come farebbero con un viaggio Uber. E i tassisti che riceveranno le richieste di corsa verranno pagati la stessa tariffa di un autista Uber.

“La maggior parte della nostra attività è che l’app per conducenti Uber dialoga con l’app per autisti Uber”, ha affermato in un’intervista Sachin Kansal, vicepresidente del prodotto di Uber. “Ma poiché volevamo avere qualche altra app per i conducenti nel nostro sistema, dovevamo fornire questa API.”

“Avevamo bisogno di fornire questa API”

L’API è stata creata appositamente per consentire ai taxi collegati a Curb o Arro, le due app per smartphone di proprietà dei fornitori di tecnologia con licenza di New York City, di ricevere richieste di viaggio tramite Uber. Ma ora viene utilizzato a livello globale, ha affermato Kansal, con i proprietari di taxi di tutto il mondo che lo utilizzano per mettere in contatto i loro autisti con i clienti Uber.

A seconda della città, i passeggeri vedranno cose diverse nella loro app quando chiamano un passaggio. Alcuni passeggeri vedranno una funzione autonoma per richiedere un taxi con tassametro. In altri mercati, i taxi sono inclusi tra i veicoli che i passeggeri possono ottenere quando utilizzano UberX, il suo principale prodotto ridehail.

“C’è abbastanza domanda per tutti”, ha detto Kansal. “In realtà vogliamo continuare a sviluppare la nostra tecnologia di base… in modo tale da poter portare tutti i taxi del mondo sulla piattaforma Uber.”

Kansal, ex dirigente di Flywheel, un operatore di taxi basato su app a San Francisco, ha sfruttato la sua conoscenza del settore dei taxi per guidare questo sforzo verso una varietà di flotte e tecnologie proprietarie nella piattaforma di Uber.

“L’esperienza di Sachin nel settore dei taxi, combinata con la passione del nostro team per la risoluzione dei problemi con la tecnologia, ha prodotto un’integrazione all’avanguardia che è un vantaggio per tutti”, ha affermato Khosrowshahi.

Perché i taxi?

Prima della pandemia, Uber stava lottando per diventare redditizia, ma non c’erano dubbi che il suo modello di utilizzo di fondi di Venture Capital e altri investimenti per sovvenzionare le tariffe e minare il settore dei taxi stesse avendo l’effetto desiderato. L’impatto a New York City è stato particolarmente acuto. Quasi un migliaio di conducenti hanno dichiarato bancarotta, con almeno sei conducenti morti per suicidio.

Tuttavia, nonostante questi sforzi, i taxi continuavano a prosperare negli Stati Uniti e nei mercati esteri. Uber ha iniziato a fare offerte per elencare i taxi nella sua app nella speranza che l’aumento dell’offerta aiutasse ad attrarre nuovi clienti salvando al contempo la propria attività nei mercati chiave.

Quando il covid ha colpito, sia il business dei ridehail che quello dei taxi si sono prosciugati. E quando i lockdown si sono allentati, Uber ha faticato a trovare abbastanza conducenti per i suoi clienti, costringendola a spendere centinaia di milioni di dollari in bonus e incentivi per i conducenti volti ad affrontare la carenza.

Gli operatori di taxi affermano che questi sforzi stanno iniziando a dare i loro frutti, con gli autisti in più mercati che segnalano un aumento dei guadagni dopo aver iniziato ad accettare segnalazioni di viaggi da Uber. Alcuni arrivano addirittura a prevedere che le nuove partnership porteranno a una rinascita del settore dei taxi, che ha lottato con salari bassi, prestiti costosi e una maggiore concorrenza.

“Stiamo vedendo molti conducenti esperti di rideshare che ora prendono in considerazione la possibilità di guidare un taxi e ottenere una patente di tassista professionale”, ha affermato Hansu Kim, presidente di Flywheel Technologies, che collabora con Uber a San Francisco, “perché stanno realizzando che attraverso questo partnership possono ottenere questo business dal rideshare e anche dal business dei taxi”.

“Stiamo vedendo molti autisti esperti di rideshare che ora prendono in considerazione la possibilità di guidare un taxi”

Ma perché lavorare con Uber quando l’azienda ha mostrato la volontà di farlo? combattere gli sforzi per aumentare i salari degli autisti impedendo loro di organizzarsi e rifiutandosi di riclassificarli come dipendenti? La risposta, in breve, è il denaro.

Alcuni dei maggiori costi di Uber riguardano l’assicurazione e la responsabilità. Scaricando una certa percentuale dei suoi viaggi sui tassisti, può ridurre tali costi e allo stesso tempo aumentare le entrate. La società ha recentemente riportato un utile operativo per la prima volta in quasi 14 anni di servizio. Mantenere questi profitti aumentando la propria offerta è una vittoria per Uber. E i proprietari dicono che è una vittoria per i tassisti, molti dei quali hanno lottato per anni per eguagliare l’abilità tecnologica dell’azienda.

“Nel momento in cui le persone riescono a fare soldi”, ha detto Sherman di CMT, “a nessuno importa da chi proviene il viaggio”.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: