giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeEcommerceComprare su Shein anche se ruba disegni degli artisti senza consenso?

Comprare su Shein anche se ruba disegni degli artisti senza consenso?

Solo un anno fa, Shein era il ragazzo tranquillo in fondo alla classe che è comunque riuscito a ottenere una valutazione di 15 miliardi di dollari da un pubblico principalmente della Gen Z.

Ma menziona il suo nome in qualsiasi città del mondo oggi e probabilmente incontrerai una reazione consapevole, spesso mista ad ammirazione o contaminata dal disgusto. Il gigante della moda veloce online di Nanchino, in Cina, con sede nel sud-est asiatico di Singapore, ha acquisito notorietà per aver intonacato opere d’arte sull’abbigliamento o copiando stili e facendoli passare per propri.

Un recente profilo del Guardian sottolinea questo comportamento compulsivo, con un focus su una recente appropriazione del lavoro della pittrice a olio contemporanea Vanessa Bowman .

Inutile dire che l’arte di Bowman è personale per lei. In qualsiasi momento, trascorre giorni a catturare la sua contea inglese rurale del Dorset con il suo pennello, illustrando il suo giardino sul retro, la chiesa del villaggio del 19° secolo nelle vicinanze e altro ancora. Ci sono voluti più di tre decenni per affinare la sua arte e da allora ha ricevuto commissioni dal negozio Highgrove del principe Carlo e dalla rivista House & Garden , tra molti altri progetti.

Comprensibilmente, l’artista era furiosa nell’apprendere da un seguace canadese che uno dei suoi dipinti era stato stampato su un maglione natalizio da 30 dollari canadesi (25 dollari americani) venduto da Shein. Il suo design identico ha persino portato il fan a sospettare che l’opera facesse parte di una collaborazione tra il sito Web e l’artista.

“Le cose che dipingo sono il mio giardino e il mio paesino: è la mia vita. E hanno appena portato il mio mondo in Cina e l’hanno sbattuto su un maglione di acrilico”, si è lamentato Bowman.

Se sei stato attivo su Internet negli ultimi tempi, saresti consapevole che questo non è un incidente una tantum. I social media sono pieni di account di artisti che chiamano l’app per aver utilizzato il loro lavoro senza autorizzazione.

Un’altra creatrice citata dal Guardian , Elora Pautrat , era stata così fortunata da vedersi rimuovere dal sito web un design rubato nel 2020. Un’e-mail all’azienda era passata inosservata, ma alla fine ha risposto con una rimozione e scuse dopo aver ricevuto lamentele dal sostenitori online di Illustrator.

Shein ha promesso di non ripetere mai l’errore, ma non molto tempo dopo, Pautrat avrebbe trovato altre 10 opere d’arte decorate con i suoi prodotti.

È improbabile che il comportamento cronico si fermi presto. Ogni giorno, Shein pubblica migliaia di nuovi modelli e la sua capacità di mantenere i prezzi estremamente bassi attira continuamente sulla sua piattaforma gli acquirenti con un reddito disponibile inferiore, ovvero gli adolescenti.

Il suo modello in rapido movimento e la capacità di catturare un pubblico con deficit di attenzione gli sono valsi il soprannome di “TikTok per l’e-commerce”, coniato dall’analista di Internet Matthew Brennan.

In un’intervista pubblicata sul blog incentrato sulla strategia di startup Not Boring di Packy McCormick , Brennan ha indicato il successo di Shein a un fattore: “Real-Time Retail”.

Come Apple, ha spiegato Brennan, Shein si fa carico dell’intera catena del valore, dalla produzione all’analisi. Quindi rinuncia al modello di prezzo premium di Apple e replica la posizione di Amazon sui prezzi bassi e convenienti, rendendo i suoi prodotti molto attraenti per l’acquirente quotidiano.

I prodotti Shein sono realizzati da un team interno di progettazione e prototipazione, che gli consente di caricare foto di abbigliamento e accessori in un attimo.

Inoltre, la sua vicinanza alla capitale cinese della produzione di moda di Guangzhou e i legami con fornitori fedeli consentono velocità di produzione senza rivali.

L’azienda è anche in grado di ottenere approfondimenti reali sulle tendenze della moda, non solo attraverso Google Analytics ma anche attraverso dati proprietari raccolti dagli utenti di tutto il mondo che accedono alla sua app. In quanto tale, “Shein comprende ciò che i consumatori vogliono ora meglio di chiunque altro, con la possibile eccezione di Amazon”, ha spiegato McCormick.

Bowman non ha intenzione di portare la questione in tribunale perché è sicura che il risultato sarà inutile.

“Ovviamente non gli importa”, ha detto. “Tutto quello che voglio fare è dipingere nel mio studio; Non voglio essere coinvolto con gli avvocati e potrei sentirmi davvero stressato. Era un po’ Davide e Golia e io ero completamente sopraffatto”.

Le minacce legali non hanno quasi scoraggiato Shein e altri marchi di fast fashion. Per fortuna, l’avvocato della proprietà intellettuale William Miles ha detto al notiziario che c’è una nuova forma di punizione a cui è più probabile che soccombano.

“Un cambiamento che è accaduto è che queste cose spesso non vengono gestite dal tribunale: vengono gestite dal tribunale dell’opinione pubblica”, ha affermato l’avvocato. “La persona mette foto fianco a fianco sui social media, tutti si arrabbiano davvero e non sembra per l’etichetta di fast fashion”, anche se ha ammesso che “alcune [aziende] sembrano avere la pelle leggermente più spessa di altre”.

 

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial