domenica, Giugno 16, 2024

Comprendere la sicurezza delle informazioni sulla tua posizione

Quando è stata l’ultima volta che hai fatto clic su “Consenti” in un popup sul tuo Smartphone per consentire ad alcune App di accedere alla tua posizione? È probabile che tu l’abbia fatto così spesso che il significato dell’atto è stato a lungo offuscato, e ora è qualcosa a cui non pensi affatto.

Il nostro articolo tratta solo questo aspetto dello snooping dei dati: la tua posizione. Nel corso, porremo alcune domande e, si spera, rafforzare la tua consapevolezza su strumenti come le app di localizzazione dei numeri di cellulare che sono di grande aiuto per la gestione dei dati sulla posizione.

I tuoi dati sulla posizione sono davvero minacciati?

L’ambiente digitale sempre più sicuro ha contribuito notevolmente a creare un atteggiamento rilassato tra gli utenti. Se tutte le app vengono sottoposte ad un controllo almeno superficiale prima di entrare nell’App Store o in Google Play, non c’è motivo di preoccuparsi. O è?

Poiché abbiamo stabilito che gli sforzi di Sicurezza di Google e Apple costituiscono la prima linea di difesa, efficiente ma lungi dall’essere perfetta, è logico esaminare cosa succede quando un’app troppo curiosa finisce sul tuo telefono. Spoiler: la maggior parte delle volte sei tu, l’utente, a permettergli di nutrirsi dei tuoi dati.

Chi può visualizzare i dati sulla tua posizione?

Gli utenti che possono visualizzare i dati sulla tua posizione vanno oltre l’app che ha inizialmente richiesto l’accesso. Quando consenti a un’app di accedere alla tua posizione, consenti anche una rete di entità più ampia di quella con cui potresti essere d’accordo. Questi includono, ma non sono limitati a:

  • Il sistema operativo;
  • Gli sviluppatori dell’app;
  • Le loro società madri;
  • Eventuali servizi di terze parti con cui collaborano.

Ciò ha molteplici implicazioni, inclusa la possibilità di localizzare facilmente il numero di telefono dell’utente.

Come accennato, iOS e Android raccolgono e archiviano dati sulla posizione, spesso per funzionalità a livello di sistema come avvisi basati sulla posizione e aggiornamenti meteo. Sebbene questi dati siano generalmente resi anonimi, si sono verificati casi di violazioni della sicurezza che hanno esposto i dati sulla posizione dell’utente.

Come accedono ai tuoi dati sulla posizione?

È possibile accedere ai dati sulla tua posizione attraverso vari metodi, sia diretti che indiretti. I metodi più comuni includono:

  • Servizi di localizzazione. I chip GPS presenti in ogni smartphone possono individuare la tua posizione con elevata precisione. Le app possono accedere a questi dati utilizzando i servizi di localizzazione, che richiedono la tua esplicita autorizzazione.
  • Reti Wi-Fi e cellulari. Il telefono ricerca costantemente le reti Wi-Fi e i ripetitori cellulari nelle vicinanze. Se si accede, i dati possono essere utilizzati da un tracker del numero di posizione per stimare la tua posizione, anche senza GPS.
  • Dati della carta SIM. La scheda SIM del tuo telefono fornisce i dati sulla posizione al tuo operatore. Viene utilizzato per la fatturazione e l’ottimizzazione della rete, ma può anche essere condiviso con società terze e diventare preda di un localizzatore di posizione tramite numero di telefono.
  • Beacon Bluetooth. Si tratta di piccoli dispositivi che emettono identificatori univoci. Quando il tuo telefono si trova nel raggio d’azione di un beacon, può identificare il beacon e utilizzare tali informazioni per stimare la tua posizione.
  • Broker di dati. Le aziende raccolgono e vendono dati degli utenti derivanti dall’utilizzo delle app e dall’attività sui social media. Questi dati possono includere la tua posizione, il che rende molto conveniente per gli inserzionisti indirizzarti con annunci personalizzati.

Rompere il monopolio sui dati di localizzazione

A questo punto, potrebbe sembrare che la questione piuttosto privata di dove ti trovi non sia altro che un giocattolo nei tentacoli di una cospirazione aziendale mondiale, ma non preoccuparti: ci sono ancora mezzi per ridurre o eliminare l’accesso di qualcuno ad essa e persino gestire queste informazioni. in modi che vadano a beneficio delle tue esigenze.

Per cominciare, diamo un’occhiata ai modi per limitare l’accesso esterno ai dati sulla tua posizione:

  • Pensaci due volte prima di condividere. Concedi l’accesso ai dati sulla posizione solo quando è essenziale per la funzionalità dell’app.
  • Limita i servizi di localizzazione. Mantieni i servizi di localizzazione disattivati ​​per impostazione predefinita: ciò ridurrà al minimo il tempo di raccolta dei dati sulla posizione.
  • Limita il monitoraggio ad alta precisione. Con l’opzione di precisione disattivata, riduci le possibilità di essere bloccato da un localizzatore di numeri di cellulare.
  • Modifica le tue app in background. Questi possono accedere alla tua posizione anche quando non sono in uso: disattiva i servizi di localizzazione per queste app per un monitoraggio meno inutile.
  • Utilizza impostazioni specifiche per la posizione. Alcune app ti consentono di limitare l’accesso alla loro posizione mentre si trovano in una città o in un quartiere specifico.
  • Consulta le politiche sulla privacy dell’app. Prenditi il ​​tempo necessario per capire come un’app raccoglie, utilizza e condivide i tuoi dati. Gli sviluppatori prosperano con le persone che lo trascurano.
  • Prova il mascheramento della posizione. Alcune app codificano o rendono anonime le informazioni sulla tua posizione prima di condividerle con le app.
  • Impedisci la condivisione da parte di terzi. Controlla se un’app condivide i tuoi dati con società terze. Se non esplicitamente dichiarato, presumi che lo faccia.

Ora che i magnati dei dati hanno ricevuto la loro meritata pacca sul polso, vediamo come utilizzare il rilevamento della posizione per il tuo bene:

Le capacità dei localizzatori di numeri

Usare un localizzatore di posizione tramite numero di telefono sembra qualcosa uscito dai thriller di spionaggio, ma per molti è uno strumento banale di controllo parentale. Se i tuoi figli sono già nella loro adolescenza infiammabile e non hai voglia di dargli una lezione sui meriti del monitoraggio, per non parlare di provare a fargli indossare un AirTag, app come LocationTracker.mobi offrono una soluzione semplice e nascosta.

Nessuno conosce tuo figlio meglio di te, quindi sei sicuro che riuscirai a fargli condividere volentieri la sua posizione con l’app. Ciò avviene inviando una richiesta anonima di condivisione della posizione tramite SMS: una volta accettata, il loro telefono apparirà come un punto sulla mappa integrata nel sito web dell’app. LocationTracker.mobi non richiede installazione e supporta il monitoraggio in tempo reale, la cronologia delle posizioni e una mezza dozzina di funzionalità extra che potresti trovare utili.

Linea di fondo

La nostra era distopica impone che i dati siano un prodotto e non c’è motivo per cui dovresti svendere i tuoi dati o venderli del tutto. Per fortuna, nella maggior parte dei casi, la salvaguardia dei dati sulla tua posizione richiede solo un paio di clic e non c’è motivo per cui dovresti mettere a repentaglio la tua privacy a causa di negligenza. Ti invitiamo invece ad assumere il pieno controllo del tuo profilo digitale e ad utilizzarlo per proteggere i tuoi interessi e prenderti cura dei tuoi cari.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: