ecommerce corona virus covid 19

Il presupposto che il coronavirus, il distanziamento sociale e la permanenza a casa aumenterà il commercio elettronico è ampiamente diffuso tra gli esperti di marketing digitale . Tuttavia, i primi risultati suggeriscono che la realtà sarà un po ‘più complicata.

Aumento delle vendite online.

I dati preliminari di Quantum Metric mostrano un aumento medio del tasso di crescita settimanale del 52% e un aumento dell’8,8% nei tassi di conversione rispetto a un anno fa. Le scoperte dell’azienda si basano su oltre 5 miliardi di visite al sito Web e ai siti mobili dei rivenditori statunitensi tra il 1 ° gennaio e il 29 febbraio.

Nel quarto trimestre del 2019, secondo i dati del governo degli Stati Uniti, le vendite online sono state dell’11,4% della spesa totale al dettaglio. Si prevede che quest’anno l’e-commerce raggiungerà il 12% o più, a seconda di come si svolgono il virus e il suo impatto sull’economia.

Pressioni anche sul commercio elettronico

Uno scenario rialzista sostiene che i consumatori sposteranno sempre più acquisti online evitando i luoghi pubblici, con Amazon, i servizi di consegna e le divisioni online dei principali rivenditori. Tuttavia, i problemi della catena di approvvigionamento, la carenza di prodotti e la potenziale riduzione della domanda dei consumatori potrebbero anche ostacolare la crescita del commercio elettronico, se l’economia vacilla o va in recessione.

Incertezza tra i rivenditori

Un sondaggio su 304 rivenditori condotto da Digital Commerce 360 ​​ha riscontrato molta confusione, incertezza e prospettive molto contrastanti tra i rivenditori. Una considerevole minoranza (38%) prevede che le vendite di e-commerce saliranno in qualche modo o significativamente a causa del virus. Tuttavia, la maggior parte prevede che le loro vendite e-commerce saranno piatte o in calo.

In caso contrario, l’indagine esprime preoccupazioni per i rivenditori sulla catena di approvvigionamento e sulla domanda dei consumatori. Alla domanda su cosa stiano facendo per rispondere al coronavirus, il 20% ha dichiarato di “agire in modo aggressivo”, il 44% ha dichiarato di “agire” con altri a venire, e il restante 36% ha deciso di “attendere- approccio “vedi”.

Perché ci preoccupiamo. In un recente rapporto , Nielsen ha previsto una crescita significativa delle “famiglie omnicanale” statunitensi nei prossimi cinque anni. Mentre i rivenditori spesso vedono il mondo attraverso una lente biforcata (online vs offline), i consumatori sono stati “omnicanale” per molto tempo: usare Internet per prendere decisioni di acquisto offline. Oggi in genere si preoccupano meno del canale specifico, sebbene preferiscano i canali locali , piuttosto che della convenienza, del prezzo e del servizio .

Mentre dovremo aspettare e vedere quanta shock ha il coronavirus nell’economia, questo non è un momento di esitazione o di approccio “aspetta e vedi”. I rivenditori dovranno utilizzare e sfruttare tutte le loro risorse per stimolare e sostenere la domanda dei consumatori, incluso il mantenimento e persino l’incentivazione degli sforzi di marketing digitale per il prossimo futuro.