HomeCriptovaluteBitcoinCosa faranno i minatori di Bitcoin quando la scorta limitata si esaurirà?

Cosa faranno i minatori di Bitcoin quando la scorta limitata si esaurirà?

L’ultima frazione di bitcoin verrà estratta nell’anno 2140. Cosa faranno i minatori di Bitcoin quando non ci saranno più bitcoin da estrarre?

Bitcoin è famoso tanto per la sua offerta limitata quanto per il suo uso del mining di criptovalute per funzionare, ma il mining di nuovi bitcoin alla fine diventerà non redditizio quando la sua offerta limitata si esaurirà. Satoshi Nakamoto, il misterioso creatore di Bitcoin , ha progettato BTC per essere una merce “dura” come l’oro che non può essere gonfiata dalle banche centrali, richiedendo la creazione di criptovalute. Se l’attività mineraria diventa non redditizia, i minatori si chiuderanno e la rete diventerà più centralizzata, minacciando la sua proposta di valore fondamentale.Ogni quattro anni, la “ricompensa in blocco” della blockchain di Bitcoin viene dimezzata, il che dimezza il reddito dei minatori e inizia un aumento dei prezzi di 2 anni.

A partire da 50 BTC nel 2009, i premi minerari sono scesi da allora a 6,25 BTC per blocco e entro il 2032 i minatori guadagneranno meno di 1 BTC. Poiché BTC ha sei cifre decimali di divisibilità, la ricompensa del blocco tenderà a zero ogni quattro anni fino a esaurirsi definitivamente nel 2140. L’estrazione di bitcoin è ad alta intensità energetica e ha un certo impatto ambientale , costando ai minatori una piccola fortuna per eseguire le loro operazioni di mining e richiedendo una maggiore prezzi per rimanere redditizi.

Come discusso da Decrypt , dopo che tutti i 21.000.000 di bitcoin sono stati estratti, i minatori di Bitcoin dovranno fare affidamento sulle commissioni di transazione per sostenere il loro modello di business, che può o non può essere sufficiente a seconda di quanto sia richiesta la blockchain. Poiché ogni blocco nella blockchain ha uno spazio limitato e viene creato (all’incirca) ogni 10 minuti, la concorrenza per lo spazio dei blocchi può diventare agguerrita quando la rete è molto richiesta, facendo salire alle stelle le commissioni di transazione della blockchain . Si presume che queste altissime commissioni di transazione siano la soluzione a lungo termine al problema del mining a lungo termine di Bitcoin, ma richiederanno che la mainnet di Bitcoin venga utilizzata solo per trasferimenti di alto valore, mentre i trasferimenti di basso valore dovranno essere gestiti da ‘ Soluzioni di livello 2’ come Lightning Network.

La crisi colpirà molto prima del 2140

La maggior parte dei punti vendita che discutono del futuro del mining di Bitcoin sembrano presumere che la crisi mineraria colpirà dopo l’estrazione dell’ultima frazione di BTC, ma è probabile che i minatori affronteranno questa crisi entro pochi decenni. Entro il 2041, i minatori di BTC si sfideranno per guadagnare poco meno di 0,2 BTC, ed entro il 2061 la ricompensa sarà di 0,006 BTC, il che richiederà un cartellino del prezzo di diversi milioni di dollari (pre-inflazione) per rimanere redditizi agli stessi costi energetici. A meno che un chip di mining di criptovalute a basso consumo energetico non possa essere progettato per Bitcoin, o le opzioni di mining di criptovalute ecologiche non diventino ampiamente disponibili, i minatori dovranno fare affidamento su commissioni esorbitanti o essere costretti a chiudere le loro operazioni.

Sul lato pessimista, se un numero sufficiente di minatori chiudesse, i minatori rimanenti potrebbero formare cartelli per addebitare enormi commissioni di transazione e potenzialmente concedersi la possibilità di censurare le transazioni, il che potrebbe far crollare del tutto la domanda di Bitcoin e portare alla morte della blockchain. Dal lato ottimista, i miner hanno la possibilità di modificare il protocollo Bitcoin se riescono a raggiungere un accordo di maggioranza per farlo, il che potrebbe consentire di aumentare l’hard cap su BTC o di passare dal mining “Proof-of-Work” a “Proof-of-Work”. staking della posta in gioco. Tuttavia, cambiamenti così radicali al protocollo di base di Bitcoin e alla proposta di valore sono molto improbabili a meno che non ci sia un motivo convincente per tutti i miner per concordarli, poiché i minatori di criptovalute sono agenti indipendenti con convinzioni individuali e convinzioni ideologiche e acconsentiranno solo a un cambiamento massiccio se l’alternativa è l’estinzione.

La maggior parte delle persone che discutono di questo argomento concludono con l’atteggiamento di ” non è un problema nostro “, ma questo non fornisce un buon incentivo per gli investitori occasionali o seri ad acquistare bitcoin come una forma di ricchezza multigenerazionale se potrebbe potenzialmente crollare su se stesso nel futuro. Se il prezzo di BTC non sale a milioni e se i costi di mining di criptovalute non diminuiscono, i miner di Bitcoin saranno costretti a chiudere in massa. Se troppi miner se ne vanno, Bitcoin diventerà centralizzato e corrotto, ponendo fine alla sua proposta di valore fondamentale. Questa crisi potrebbe iniziare nel giro di pochi decenni se la redditività del mining di Bitcoin diminuisse troppo per consentire alla rete di rimanere decentralizzata.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial