HomeCriptovaluteCriptovalute: la SEC fa causa al fondatore dell'ormai defunto BitConnect

Criptovalute: la SEC fa causa al fondatore dell’ormai defunto BitConnect

Il principale regolatore dei titoli degli Stati Uniti mercoledì ha citato in giudizio il fondatore dell’ormai defunta piattaforma di scambio di criptovalute BitConnect per il suo presunto ruolo nella raccolta fraudolenta di circa 2 miliardi di dollari da migliaia di investitori al dettaglio.

Espandendo una causa civile annunciata a maggio, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha accusato il fondatore di BitConnect, Satish Kumbhani, un cittadino indiano, di aver mentito sulla capacità di BitConnect di generare profitti e di aver violato le leggi sulla registrazione volte a proteggere gli investitori.

In una causa presso la corte federale di Manhattan, la SEC ha anche accusato il promotore Glenn Arcaro e la sua azienda Future Money Ltd di aver ricevuto in modo fraudolento più di 24 milioni di dollari in “commissioni di riferimento” e altre somme come principale promotore statunitense di BitConnect.

Arcaro si è dichiarato colpevole mercoledì per un’accusa di cospirazione per frode via cavo criminale davanti al giudice del magistrato statunitense Mitchell Dembin a San Diego. La sua condanna è il 15 novembre.

La causa della SEC cerca di imporre multe, recuperare guadagni illeciti e altri aiuti.

Fondata nel 2016, BitConnect ha creato un token digitale chiamato BitConnect Coin che potrebbe essere scambiato con bitcoin, la popolare criptovaluta.

La SEC ha affermato che agli investitori in un “programma di prestito” BitConnect è stato detto che BitConnect utilizzava un “bot di trading di software di volatilità” in grado di generare rendimenti del 40% al mese e hanno ricevuto rendimenti fittizi che mostrano guadagni annualizzati del 3.700%.

Ma il regolatore ha affermato che gli investitori hanno perso gran parte dei loro soldi dopo che il prezzo di BitConnect Coin è sceso del 92% il 16 gennaio 2018.

I pubblici ministeri hanno affermato che BitConnect ha gestito uno “schema Ponzi da manuale” pagando gli investitori precedenti con nuovi soldi per gli investitori.

Kumbhani, 35 anni, ha vissuto a Surat, in India, ma non si sa dove si trovi, mentre Arcaro, 44 ​​anni, vive a Los Angeles e ha incorporato Future Money a Hong Kong, hanno detto le autorità.

Gli sforzi per localizzare Kumbhani non hanno avuto successo. L’avvocato di Arcaro non ha risposto alle richieste di commento.

Il 28 maggio la SEC ha citato in giudizio altri cinque promotori di BitConnect.

Ha ottenuto sentenze che obbligano due promotori, Michael Noble e Joshua Jeppesen, e la fidanzata di Jeppesen a pagare più di 3,5 milioni di dollari e 190 bitcoin. Gli altri promotori non hanno risposto alla querela o non sono stati notificati.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial