HomeNotizieDa Netflix a Uber: le aziende tech in crisi nel 2022

Da Netflix a Uber: le aziende tech in crisi nel 2022

Non solo le criptovalute e il Bitcoin sembrano essere in tilt, se la criptovaluta di punta ha perso il 20% del suo valore nell’ultima settimana, il mercato leader per le risorse digitali è stato quasi dimezzato e stiamo assistendo a un mercato al ribasso per i titoli tecnologici in crescita e gli asset di rischio.

Nella sua guida, la società ha affermato che si aspetta uno “scenario prolungato e stressante” per il resto dell’anno.

È un tono di cautela che molti leader aziendali stanno esprimendo nelle note e nelle chiamate agli utili delle ultime settimane, poiché il morso dell’inflazione, l’aumento dei tassi, la guerra nell’Europa orientale e il rallentamento in Cina si mescolano in una cupa miscela economica.

“In tempi di incertezza, gli investitori cercano sicurezza”, ha scritto il CEO di Uber Dara Khosrowshahi in un promemoria ai dipendenti una settimana dopo che Uber aveva riportato una perdita di 5,9 miliardi di dollari nel primo trimestre.

Ma il mercato in questo momento sembra offrire poco in termini di quartiere sicuro.

Mentre gli investitori potrebbero essersi spostati in precedenza tra azioni, obbligazioni o valute per proteggere la propria ricchezza, tutte e tre le categorie sembrano scivolare verso il basso insieme.

In condizioni come queste, Khosrowshahi ha affermato che la società tratterà le assunzioni come un “privilegio” e taglierà la spesa per il marketing e gli incentivi “meno efficienti”.

“Il dipendente medio di Uber ha poco più di 30 anni, il che significa che hai trascorso la tua carriera in una corsa al toro lunga e senza precedenti”, ha detto Khosrowshahi. “Questo prossimo periodo sarà diverso e richiederà un approccio diverso”.

Netflix ha visto il prezzo delle sue azioni precipitare quando ha riferito di aver perso abbonati per la prima volta in oltre un decennio e ha previsto altri 2 milioni di cancellazioni nei prossimi mesi.

“La grande spinta COVID allo streaming ha oscurato il quadro fino a poco tempo”, affermava la lettera agli azionisti della società.

La Disney è riuscita a battere la performance del suo rivale di streaming nel trimestre precedente, ma ha affermato che è probabile che l’inaspettato aumento nella prima metà dell’anno fiscale rosicchierà la crescita precedentemente stimata per la seconda metà. Le azioni della Disney sono crollate dopo la notizia.

Altri, tra cui la società di fitness connessa Peloton e la startup di veicoli elettrici Canoo, hanno avvertito di posizioni di cassa precariamente basse che sono state rispettivamente descritte come ” a capitalizzazione ridotta ” e hanno sollevato ” dubbi sostanziali sulla capacità dell’azienda di continuare a funzionare”.

Nel frattempo migliaia di posti di lavoro vengono tagliati in storie di successo dell’era della pandemia come Carvana, Better e Robinhood, poiché queste aziende devono far fronte all’aumento dei costi del lavoro e al rallentamento delle vendite.

Il CFO di Meta, David Wehner, ha affermato che la società madre di Facebook dovrà “prendere alcune decisioni difficili su quali progetti perseguire” in una nota trapelata allo staff . Wehner ha aggiunto che ciò significava ridurre gli obiettivi di assunzione e rivedere gli incarichi di personale nella seconda metà dell’anno.

In qualunque modo lo tagli, il 2022 si preannuncia come un orso grizzly dell’anno.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial