sabato, Marzo 2, 2024

Death Stranding su iPhone 15 Pro: visivamente simile a PS4, ma con problemi di risoluzione e framerate

DEATH STRANDING PER Apple iPhone 15 PRO: UNA SFIDA TECNICA

Mentre il nuovo trailer di Death Stranding 2: On The Beach catturava l’attenzione dei giocatori in tutto il mondo, gli esperti della redazione di Digital Foundry si concentravano sull’analisi del comparto tecnico della nuova versione del primo Death Stranding per Apple iPhone 15 Pro. I risultati hanno suscitato un certo interesse, con opinioni contrastanti che stanno già animando la discussione online.

ASPETTI VISIVI E SIMILITUDINI CON PS4

La prima impressione che si ha giocando a Death Stranding su iPhone 15 Pro è la sorprendente somiglianza visiva con la controparte per PlayStation 4. I dettagli del paesaggio, la cura nei particolari e persino le ombre resistono al confronto con quanto visto sulla console di casa Sony. La pioggia è meno marcata, la vegetazione è posizionata in modo diverso e la resa dei dettagli a lunga distanza non è perfetta, ma avvicinandosi il gioco si mostra in tutta la sua bellezza, quasi indistinguibile dalla versione PS4.

LA QUESTIONE DELLA RISOLUZIONE E DEL FRAMERATE

Un punto su cui i giocatori potrebbero nutrire forti dubbi è la risoluzione del gioco su iPhone 15 Pro. La risoluzione dinamica si aggira intorno ai 400p, un valore molto inferiore rispetto ai 1080p della versione PS4. Tuttavia, su uno schermo di dimensioni ridotte, l’esperienza risulta ancora convincente. Il vero tallone d’Achille, invece, è rappresentato da un framerate estremamente inconsistente. Durante il gioco, spesso si avverte un calo significativo dei frame rate, soprattutto in situazioni concitate e in prossimità di strutture complesse.

IL VERDETTO FINALE

In conclusione, secondo Oliver Mackenzie di Digital Foundry, la versione di Death Stranding per iPhone 15 Pro può essere considerata come una “impressionante, piccola tech demo”. Il gioco offre un’esperienza visiva simile a quella della PS4, ma con una risoluzione inferiore e un framerate altalenante. Secondo Mackenzie, è preferibile giocare a Death Stranding su console casalinghe o su PC, dove l’esperienza risulta più fluida e appagante. Un’alternativa eccellente potrebbe essere anche il Mac, dove il gioco gira in maniera impeccabile.

CONCLUSIONE

La versione di Death Stranding per iPhone 15 Pro ha destato sicuramente Curiosità, ma le perplessità riguardo alla risoluzione e al framerate potrebbero rappresentare un ostacolo per i giocatori più esigenti. Resta comunque da apprezzare l’impegno dei team di sviluppo nel portare un titolo di tale portata su uno Smartphone di ultima generazione. Non resta che attendere eventuali aggiornamenti e miglioramenti, nella speranza che il gioco possa offrire un’esperienza all’altezza delle aspettative anche su dispositivi mobili.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: