domenica, Ottobre 2, 2022
HomeCriptovaluteBitcoinDue fratelli sono scomparsi con 3,6 miliardi di dollari di bitcoin: è...

Due fratelli sono scomparsi con 3,6 miliardi di dollari di bitcoin: è il più grande furto di criptovalute della storia

Due fratelli sudafricani sono recentemente scomparsi con $ 3,6 miliardi di bitcoin in quella che potrebbe essere la più grande rapina di criptovaluta della storia.

I media locali, tra cui Independent Online e ITWeb , sono stati i primi a riferire sul caso.

Nel 2019, Ameer Cajee e suo fratello minore, Raees Cajee, hanno fondato l’app di investimento crittografico Africrypt.

Non molto tempo dopo, i fratelli, insieme a 69.000 bitcoin per un valore di circa $ 4 miliardi al loro picco di aprile, scomparsi e non si trovano da nessuna parte.

Tutto è iniziato ad aprile quando Ameer, che è il direttore operativo dell’azienda, ha informato i propri clienti che Africrypt è stato violato, compromettendo i loro account, portafogli e nodi.

In un passaggio insolito, il ventenne Ameer ha detto loro di non denunciare l’incidente alle autorità in quanto ciò avrebbe impedito i tentativi di recuperare i fondi.

Africrypt

Alcuni clienti sospetti, tuttavia, hanno segnalato l’hacking. Hanno contattato gli avvocati di Hanekom, secondo Independent Online , che hanno poi cercato di rintracciare i fratelli. Quando non ha avuto successo, Hawks, un’unità di polizia in Sud Africa che prende di mira il crimine e la corruzione, è stata coinvolta.

“Siamo stati immediatamente sospetti poiché l’annuncio implorava gli investitori di non intraprendere azioni legali”, ha detto Hanekom Attorneys a Bloomberg tramite e-mail. “I dipendenti di Africrypt hanno perso l’accesso alle piattaforme di back-end sette giorni prima del presunto attacco”.

Gli avvocati hanno anche detto agli exchange di criptovalute di tutto il mondo di suonare un allarme se avessero notato una conversione sospetta di monete.

Anche FNB, che ha incassato Africrypt, è stata interrogata sull’episodio, secondo i documenti visti da Independent Online . La banca locale ha negato qualsiasi coinvolgimento.

“FNB conferma ancora una volta di non avere una relazione bancaria con Africrypt. A causa della riservatezza del cliente, FNB non può fornire alcuna informazione su specifici conti bancari”, ha detto a Independent Online Nadiah Maharaj, portavoce del rischio di FNB .

Poiché i fratelli rimangono dispersi, alcuni sforzi per andare a fondo delle cose hanno incontrato dei blocchi.

Ad esempio, l’Autorità di condotta del settore finanziario del Sudafrica, il regolatore delle istituzioni finanziarie del paese, ha affermato che le questioni relative alla criptovaluta non rientrano nella sua giurisdizione, secondo quanto riportato da Independent Online .

I crimini che coinvolgono le criptovalute sono una crescente causa di preoccupazione per le autorità di regolamentazione e le aziende.

Più di recente, la Banca dei regolamenti internazionali ha criticato l’asset digitale per il suo ruolo nelle attività illegali.

“Ormai è chiaro che le criptovalute sono beni speculativi piuttosto che denaro e in molti casi vengono utilizzate per facilitare il riciclaggio di denaro, gli attacchi ransomware e altri reati finanziari”, ha affermato BIS.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen, nel frattempo, è stato anche un critico vocale delle criptovalute .

“Nella misura in cui viene utilizzato, temo che sia spesso per finanziamenti illeciti”, ha detto a febbraio. “Mi preoccupo delle potenziali perdite che gli investitori possono subire”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial