mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeHardwareEcco perché l'hosting autonomo di un server è una pessima idea

Ecco perché l’hosting autonomo di un server è una pessima idea

La configurazione del tuo server domestico per lo streaming multimediale, l’archiviazione di file o altre attività ti dà il pieno controllo dei tuoi dati e può essere molto divertente. Tuttavia, ci sono molte ragioni per cui non dovresti farlo.

Non è un segreto che le grandi aziende tecnologiche abbiano cattive pratiche sulla privacy, soprattutto quando si tratta di trasmettere i tuoi dati alle autorità governative  senza una ragione sufficiente. Ciò ha contribuito all’aumento della popolarità del self-hosting, che di solito comporta l’impostazione di Network Attached Storage o di un computer completo a casa tua e di lasciarlo sempre in esecuzione. I server domestici offrono molti dei vantaggi dell’archiviazione cloud o dei servizi di streaming multimediale, ma senza i problemi di privacy che di solito derivano dalle piattaforme ospitate. Puoi usarli per creare il tuo cloud storage , configurare una VPN , eseguire un server di gioco per amici e familiari, ospitare repository di codice per progetti software e molto altrodi più.

I server self-hosted possono essere incredibilmente utili e possono anche essere divertenti se sei interessato al networking o ai sistemi di back-end. Tuttavia, l’hosting del tuo server ha un grosso svantaggio: devi ospitare il tuo server .

Tempo di attività e di esecuzione

Forse la più grande sfida con l’hosting del tuo server è mantenerlo sempre in esecuzione. Siamo tutti abituati a servizi come Google Drive, Netflix e Gmail accessibili a ogni ora del giorno, sette giorni su sette, 365 giorni all’anno, salvo interruzioni occasionali che raramente durano più di un’ora o due. Ciò è possibile perché le aziende tecnologiche impiegano personale interamente dedicato a mantenere tutto in funzione, anche se ciò significa svegliarsi nel cuore della notte per risolvere un problema .

Probabilmente non eseguirai software per altre aziende sul tuo server di casa, quindi la posta in gioco non è così alta, ma è ancora qualcosa a cui pensare. La tua casa ha interruzioni di corrente occasionali? In tal caso, potrebbe essere necessario un  gruppo di continuità (UPS)  che dia al server il tempo di spegnersi per evitare la perdita di dati. Una perdita di alimentazione interrompe anche il tuo server dalla rete Internet più ampia. Se sei lontano da casa e hai bisogno di accedere a un file sul tuo server, ma una tempesta ha messo fuori uso Internet a casa, sei praticamente bloccato.

Anche i server stessi possono avere problemi che possono essere difficili da diagnosticare o risolvere, specialmente quando sei lontano da casa. Cosa succede se il sistema operativo si blocca quando non ci sei? L’unico modo per riavviarlo sarebbe collegare il server a una presa intelligente o altra opzione simile. Tuttavia, se il server è offline perché è in corso l’installazione di un aggiornamento di Windows, un riavvio remoto forzato potrebbe peggiorare notevolmente la situazione.

Il tuo router e il tuo modem possono anche essere potenziali punti di errore che possono essere difficili da diagnosticare, soprattutto se il tuo provider di servizi Internet non offre indirizzi IP statici . Infine, è necessario pianificare la ridondanza dei dati: una soluzione di backup off-site è l’unico modo per proteggere completamente dai guasti delle unità. Ciò aggiunge più complessità e costi, ma potrebbe non essere necessario per tutte le attività. Ad esempio, se stai ospitando un server di gioco Minecraft per te e i tuoi amici, è probabile che sia sufficiente copiare occasionalmente il file world su un provider di archiviazione cloud.

La sicurezza

La sicurezza è anche una preoccupazione per tutto ciò che è connesso a Internet. La maggior parte dei sistemi operativi può installare automaticamente patch di sicurezza critiche, come Ubuntu Linux ( con il pacchetto di aggiornamenti automatici ) e Windows, ma l’esecuzione di un server presenta ulteriori problemi di sicurezza nel mondo reale.

I server hanno indirizzi IP, che rivelano dove si trova il server. Se hai un server domestico, l’IP punta a… casa tua. Ci sono molte , molte  ragioni per cui non dovresti trasmettere dove vivi al mondo intero. Non devi davvero preoccuparti di questo se ospiti solo servizi per te stesso, ma se imposti un dominio web per puntare al server per altri (o anche dare l’indirizzo IP diretto ad altri), potresti impostare te stesso pronto per una vera e propria invasione della privacy.

Devi anche preoccuparti dell’accesso fisico al tuo server, in particolare alle sue unità. Se qualcuno entra in casa tua, potrebbe anche accedere ai dati del tuo server, soprattutto se le unità non sono crittografate . I data center di proprietà di Google, Microsoft e altri fornitori di servizi cloud dispongono di serrature, fotocamere, scanner biometrici, guardie di sicurezza e persino raggi laser per proteggersi da accessi non autorizzati. Frickin’ raggi laser !

Se stai utilizzando solo una semplice unità di rete locale che non interagisce con il mondo esterno, o se sei l’unico con accesso al tuo server di casa (e sei sicuro che l’IP e altri dati non cadranno in le mani sbagliate), hai molto meno di cui preoccuparti. Tuttavia, la sicurezza fisica è un fattore cruciale da tenere a mente per tutti i tuoi dispositivi elettronici, in particolare i server.

Cosa dovresti considerare invece

Il fattore di rischio e difficoltà per i server domestici varia a seconda dell’hardware e del software. Configurare il proprio server con un sistema operativo completo, come Windows o Linux, è solitamente il lavoro più impegnativo. Tuttavia, le  migliori unità NAS , come i prodotti di Synology e WD, sono praticamente plug-and-play: non devi preoccuparti di rimanere aggiornato sugli aggiornamenti di sicurezza o di eseguire il debug di un aggiornamento di Windows non funzionante. Tuttavia, l’accesso remoto può ancora essere complicato. Western Digital ha avuto molti problemi di sicurezza con le sue unità NAS quando sono connesse a Internet esterno e le interruzioni di corrente o di Internet a casa possono comunque lasciarti bloccato senza accesso remoto ai tuoi dati.

Se cerchi un accesso affidabile ai file, uno dei migliori servizi di cloud storage potrebbe essere la soluzione ideale. La maggior parte di essi costa un abbonamento mensile per una maggiore archiviazione dei dati e non hai il pieno controllo come faresti con un server domestico. Devi decidere tu stesso se l’investimento di tempo, denaro ed energia è un costo maggiore della piena privacy.

I Virtual Private Server, o VPS, possono essere un’altra alternativa al self-hosting. I fornitori di VPS ti offrono una macchina virtuale remota (di solito con Linux) che puoi usare per ospitare qualsiasi cosa. I tuoi dati non sono completamente nelle tue mani, ma non devi preoccuparti di perdere la connessione a causa di un’interruzione di corrente o di Internet. Puoi anche dare liberamente l’indirizzo IP ad altri senza rivelare dove vivi, rendendoli molto più ideali per i server web e altri casi d’uso simili. Un VPS può spesso essere più conveniente anche del costo di costruzione e manutenzione di un server domestico.

Alla fine, gestire un server domestico significa essere il tuo tecnico IT. È un’ottima opzione da avere, ma non è per tutti.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial