HomeVideogiochiElden Ring: come trovare e sconfiggere Morgott, The Omen King

Elden Ring: come trovare e sconfiggere Morgott, The Omen King

Morgott, il Re Omen, è un Boss Semidio di Elden Rings che i pellegrini appannati devono sconfiggere per ottenere l’accesso alle cime della regione dei giganti nelle terre intermedie. Poiché Omen King è il boss finale della capitale reale di Leyndell, si consiglia ai giocatori di raggiungere almeno i livelli 75-80 prima di tentare di affrontare questo avversario.

Sconfiggere  Morgott ricompenserà i vincitori con 90.000 rune, la grande runa di Morgott e il Remembrance of the Omen King. La Great Rune di Morgott può essere equipaggiata per aumentare i PS massimi del 25% e il Remembrance può essere scambiato con Enia in Roundtable Hold per sbloccare la spada maledetta di Morgott o il Regal Omen Bairn.

Per trovare il Re Omen in  Elden Ring , i giocatori devono andare dal West Capital Rampart verso sud e salire sul ramo gigante dell’Erdtree. Questo ramo condurrà i giocatori al Santuario di Erdtree, dove dovranno affrontare e sconfiggere l’Ombra d’Oro di Godfrey. Successivamente, possono uscire dal balcone a est, risalire il ramo in pendenza e seguire il sentiero fino alla camera da letto della regina. Da qui, Tarnished può prendere le scale a sud-est fino al Trono di Elden, dove affronteranno Morgott.

Per sconfiggere  Morgott the Omen King in  Elden Ring, si consiglia agli Appannati di acquisire il Ceppo di Margit, uno strumento venduto da Patches per 5.000 Rune nella Grotta di Acquacupa. Coloro che giocano con altri alleati evocati possono usare Margit’s Shackle come CC per rendere Morgott vulnerabile per un breve periodo, oppure possono usarlo per stordire Omen King prima che scateni un attacco devastante. Evocare Melina è anche un’eccellente scelta strategica per un supporto extra in questo impegnativo combattimento con i boss.

Simile alla meccanica di Margit, Morgott ama gli attacchi molto ritardati ai suoi bersagli. Durante la prima fase, quasi tutti i suoi attacchi hanno un ritardo, confondendo i combattenti su quando schivare. Sfortunatamente, non c’è modo di imparare i suoi schemi di attacco senza esperienza. Tuttavia, i giocatori possono alleviare le loro sofferenze equipaggiando il loro armamento principale o laterale con  Bloodhound’s Step, un Ash of War che fornisce una generosa finestra di I-frame rispetto al roll-dodging predefinito.

Tuttavia, l’obiettivo principale è essere pazienti quando Morgott sta attaccando. Reagire al termine della combo del boss è la chiave per infliggere danni senza essere puniti nel processo. Le build sanguinanti fanno miracoli per questo combattimento, poiché colpire solo più volte produce una notevole perdita di sangue sul boss.

Quando inizia la fase 2, fai un passo indietro per lasciare che Morgott completi la sua grande esplosione AoE. Durante questa fase del combattimento, inizierà a ricoprire la sua spada di sangue, dopodiché eseguirà uno dei due attacchi. Il Re Omen eseguirà un rapido affondo o un taglio regolare. Poiché questi due attacchi specifici sono molto prevedibili, offrono ai giocatori momenti eccellenti per contrattaccare.

Se Tarnished ha la sensazione che le combo di Morgott stiano sfuggendo di mano, usa Step  Ash of War di Bloodhound in  Elden Ring per prendere una certa distanza e guarire. In una nota finale, avere alleati che si uniscono alla mischia renderà senza dubbio il combattimento più gestibile, ma renderà anche più imprevedibile il set di mosse di Morgott. Pertanto, si consiglia a coloro che desiderano combattere insieme ad altri giocatori di utilizzare attacchi a distanza o incantesimi per un’esperienza di combattimento più gestibile.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial