martedì, Gennaio 31, 2023
HomeHardwareEpson non produrrà più stampanti laser

Epson non produrrà più stampanti laser

Epson, la società di hardware giapponese nota per le sue stampanti, sta chiudendo la sua divisione di stampanti laser a causa di problemi di sostenibilità. La società ha tranquillamente scelto di interrompere la vendita di hardware per stampanti laser entro il 2026. La società si concentrerà invece sulle sue stampanti a getto d’inchiostro più rispettose dell’ambiente.

Sebbene la società abbia smesso di vendere stampanti laser negli Stati Uniti qualche tempo fa, ha mantenuto la linea in altri mercati, tra cui Europa e Asia. I consumatori non potranno più acquistare nuove stampanti laser Epson a partire dal 2026, ma Epson ha promesso di continuare a supportare i clienti esistenti tramite forniture e pezzi di ricambio.

La stessa Epson afferma che i suoi getti d’inchiostro sono fino all’85% più efficienti dal punto di vista energetico rispetto alle unità laser e producono l’85% in meno di anidride carbonica. Queste statistiche potrebbero non essere importanti per le persone che occasionalmente stampano a casa, ma forniscono alle aziende e alle organizzazioni senza scopo di lucro un modo per ridurre le bollette energetiche e l’impronta di carbonio.

I getti d’inchiostro in genere richiedono anche meno risorse monouso. Mentre le stampanti laser si affidano a toner, fusori, sviluppatore e altre parti usa e getta, le stampanti a getto d’inchiostro utilizzano semplicemente un contenitore per l’inchiostro e l’inchiostro di scarto. Non solo le stampanti a getto d’inchiostro producono quasi il 60% in meno di rifiuti elettronici rispetto alle loro controparti laser, ma la loro produzione è anche un po’ più rispettosa dell’ambiente: la creazione di una cartuccia di toner richiede di bruciare da mezzo gallone a un intero gallone di petrolio.ù

sede azienda epson

La decisione di porre fine a tutte le vendite di stampanti laser fa probabilmente parte della “Visione ambientale 2050” di Epson, un modello economico circolare a cui l’azienda si è impegnata per la prima volta nel 2018 e rivisto lo scorso anno. Il suo obiettivo principale è la promessa di Epson di diventare a emissioni zero e “senza risorse sotterranee” entro il 2050.

Detto questo, le stampanti a getto d’inchiostro non sono la soluzione definitiva alla stampa sostenibile che Epson vorrebbe che i consumatori credessero che fossero. Le cartucce a getto d’inchiostro si asciugano in tempi relativamente brevi, con il risultato che alcuni utenti di stampanti acquistano più inchiostro di quello che effettivamente utilizzano. Anche la stampa a getto d’inchiostro costa di più per pagina, il che significa che i risparmi energetici ottenuti dall’abbandono di una stampante laser potrebbero essere compensati durante l’uso.

Epson è stata anche recentemente sotto l’occhio del ciclone per aver costretto alcuni utenti di stampanti a visitare una persona di riparazione autorizzata per riparare le macchine improvvisamente bloccate. Alcuni utenti di Epson L360, L130, L220, L310 e L365 devono persino sostituire del tutto le loro macchine, il che non fa altro che mettere più soldi nelle tasche di Epson producendo rifiuti elettronici apparentemente non necessari.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial