sabato, Giugno 22, 2024

Eric Schmidt: “Mettere in pausa lo sviluppo dell’IA è un vantaggio per la Cina”

Eric Schmidt afferma che la moratoria di sei mesi sullo sviluppo dell’IA supportata da Elon Musk, Steve Wozniak e altri leader tecnologici andrebbe “semplicemente a vantaggio della Cina” e ha chiesto invece una regolamentazione più rigorosa.

L’ex CEO di Google ha detto al Revisione finanziaria australiana era preoccupato per il rapido sviluppo dell’IA e che “le preoccupazioni potevano essere sottovalutate”.

“Penso che… le cose potrebbero essere peggiori di quanto dicono le persone”, ha detto, osservando che man mano che i modelli linguistici di grandi dimensioni diventano più grandi, hanno “comportamenti emergenti che non capiamo”.

L’uso dell’IA generativa è esploso negli ultimi mesi con il lancio di ChatGPT di OpenAI, Bard di Google e Bing basato su AI di Microsoft, nonché piattaforme di generazione di immagini come DALL-E e Midjourney.

Le persone usano l’IA generativa sia nella loro vita personale che professionale per scrivere saggi, pensare a ricette, riassumere e-mail, pubblicare articoli e creare curriculum e lettere di accompagnamento. Oltre a risparmiare tempo e trasmettere le informazioni in modo conciso, Bill Gates afferma che l’intelligenza artificiale potrebbe anche trasformare l’assistenza sanitaria e l’istruzione.

Ma le preoccupazioni etiche sulla tecnologia stanno crescendo dopo che gli esempi dimostrano che può plagiare materiale, sviluppare pregiudizi discutere con gli utenti e persino inventare accuse.

Musk e Wozniak, il cofondatore di Apple, erano tra gli amministratori delegati della tecnologia, gli ingegneri del software e i professori che la scorsa settimana hanno firmato una lettera aperta chiedendo una pausa di sei mesi sullo sviluppo dell’IA avanzata.

“La domanda è qual è la risposta giusta”, ha detto Schmidt al Financial Review. “Non sono favorevole a una pausa di sei mesi perché andrà semplicemente a beneficio della Cina”.

Ha stabilito il Progetto Speciale Studi Competitivi think-tank nel 2021, che mira a formulare raccomandazioni su come rafforzare la competitività a lungo termine degli Stati Uniti in mezzo all’aumento della tecnologia emergente, inclusa l’IA.

Invece di una pausa, i leader dovrebbero invece discutere collettivamente di barriere adeguate “al più presto”, ha detto Schmidt. I ricercatori dovrebbero rilasciare programmi di intelligenza artificiale solo con “una sorta di mitigazione per le cose che potrebbero fare che sono negative”, ha affermato.

Schmidt ha affermato che se l’industria non sviluppasse salvaguardie, i politici dovrebbero intervenire.

“Penso che oggi la risposta del governo sarebbe goffa perché ci sono pochissime persone al governo che capiscono queste cose”, ha detto Schmidt al quotidiano australiano. “Quindi sono favorevole a lasciare che l’industria cerchi di agire insieme. Questo è un caso in cui non ti precipiti a meno che tu non capisca cosa stai facendo.”

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: