mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeVideogiochiFortniteFortnite crea "un'elevata dipendenza": parte l''azione legale collettiva

Fortnite crea “un’elevata dipendenza”: parte l”azione legale collettiva

Epic Games e la sua filiale canadese stanno affrontando un’azione legale collettiva a seguito delle affermazioni dei genitori secondo cui i bambini hanno smesso di mangiare, dormire e fare la doccia per giocare a Fortnite.

La causa afferma che Epic Games ha “consapevolmente” sviluppato Fortnite per essere “molto, molto avvincente” ed esprime le preoccupazioni di due genitori con figli di età compresa tra 10 e 15 anni al momento del deposito. Secondo quanto riferito, uno dei bambini all’interno del reclamo ha registrato oltre 7.700 ore di gioco in due anni.

Il caso è stato originariamente aperto contro Epic Games nel 2019, con lo studio legale Calex Légal, che chiedeva l’approvazione di un tribunale canadese per procedere con la causa. Alessandra Esposito Chartrand, un avvocato di Calex Légal, all’epoca affermò alla CBA che Epic Games “assunse psicologi” nel tentativo di rendere Fortnite “il più avvincente possibile”. Chartrand ha anche affermato che Epic Games sapeva che Fortnite è stato creato per creare dipendenza il più possibile e non ha avvertito i giocatori del rischio di dipendenza dal gioco. A causa di ciò, la contestazione legale è stata centralizzata sull’obbligo di informazione.

Dal 2019, la Corte valuta le affermazioni in discussione sulla possibilità o meno di proseguire il caso. L’approvazione è stata ora concessa con Montreal CTV che ha riferito che il giudice ha stabilito che la causa non è frivola o manifestamente “mal fondata”.

Battaglia legale

Dalla sua uscita nel 2017, Fornite ha registrato una base di giocatori di oltre 400 milioni di giocatori registrati e almeno 83 milioni di giocatori al mese, facendo diventare rapidamente il titolo uno dei giochi online più popolari, soprattutto per i giocatori più giovani, con il 60% di i suoi giocatori registrati affermano di avere un’età compresa tra 18 e 24 anni nel 2021, come riportato da BusinessofApps .

In risposta alle affermazioni, la portavoce di Epic Games, Natalie Munoz, ha dichiarato ad ABC News che Fortnite dispone di “controlli parentali leader del settore che consentono ai genitori di supervisionare l’esperienza digitale dei propri figli”. I genitori possono anche ricevere rapporti sul tempo di gioco che tengono traccia della quantità di tempo trascorso nel gioco ogni settimana e sono necessarie autorizzazioni prima di poter effettuare qualsiasi acquisto in-game per gli utenti più giovani.

Come risposta finale alle affermazioni fatte, Epic Games ha dichiarato che intende “combattere questo in tribunale”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial