sabato, Marzo 2, 2024

Gemini AI di Google arriverà subito su Pixel 8 Pro

Gemini potrebbe essere il modello linguistico di grandi dimensioni più grande e potente, o LLM, che Google abbia mai sviluppato, ma è più adatto all’esecuzione nei data center che sul telefono. Con Gemini Nano, tuttavia, l’azienda sta cercando di dividere la differenza: ha creato una versione ridotta del suo LLM di punta che può essere eseguito localmente e offline sul tuo dispositivo. BENE, UN dispositivo, comunque. Pixel 8 Pro è finora l’unico telefono compatibile con Nano, ma Google vede il nuovo modello come una parte fondamentale di Android per il futuro.

Se hai un Pixel 8 Pro, a partire da oggi, due cose sul tuo telefono saranno supportate da Gemini Nano: la funzione di riepilogo automatico nell’App Registratore e la parte di risposta intelligente della tastiera Gboard. Entrambi arriveranno come parte del Feature Drop di dicembre di Pixel. Entrambi funzionano offline poiché il modello è in esecuzione sul dispositivo stesso, quindi dovrebbero sembrare veloci e nativi.

Google sta iniziando in piccolo con Gemini Nano. Anche la funzione Risposta intelligente è supportata solo da Gemini in WhatsApp, anche se Google afferma che arriverà su più app l’anno prossimo. E Gemini nel suo insieme è disponibile solo in inglese al momento, il che significa che molti utenti non saranno in grado di usarlo affatto. Il tuo Pixel 8 Pro non sembrerà improvvisamente un dispositivo notevolmente aggiornato, anche se potrebbe esserlo nel tempo, se Gemini è buono come Google pensa che possa essere. E l’anno prossimo, quando Google offrirà un Bard basato su Gemini all’Assistente sui telefoni Pixel, otterrai ancora di più l’esperienza Gemini.

Nano è il più piccolo (duh) dei modelli Gemini, ma Demis Hassabis, CEO di Google DeepMind, afferma che è ancora potente. “Deve adattarsi a un’impronta, giusto?” lui dice. “L’ingombro ridottissimo di un telefono Pixel. Quindi ci sono limiti di memoria, limiti di velocità, ogni sorta di cose. In realtà è un modello incredibile per le sue dimensioni e ovviamente può trarre vantaggio dai modelli più grandi distillando da essi e cose del genere.” L’obiettivo di Nano era creare una versione di Gemini che fosse quanto più capace possibile senza consumare la memoria del telefono o riscaldare il processore alla temperatura del sole.

Google sta anche lavorando su un modo per integrare Nano in Android nel suo complesso

Al momento, il processore Tensor 3 di Google sembra essere l’unico in grado di far funzionare il modello. Ma Google sta anche lavorando a un modo per integrare Nano in Android nel suo insieme: ha lanciato un nuovo servizio di sistema chiamato AICore che gli sviluppatori possono utilizzare per portare le funzionalità basate su Gemini nelle loro app. Il tuo telefono avrà comunque bisogno di un chip di fascia alta per farlo funzionare, ma il post sul blog di Google che annuncia la funzionalità menziona Qualcomm, Samsung e MediaTek come aziende che producono processori compatibili. Gli sviluppatori possono ora accedere al programma di accesso anticipato di Google.

Negli ultimi due anni, Google ha parlato dei suoi telefoni Pixel essenzialmente come dispositivi AI. Con i chip Tensor e la stretta connessione a tutti i servizi di Google, dovrebbero migliorare e diventare più intelligenti nel tempo. Con Gemini Nano, ciò potrebbe finalmente diventare realtà per molti dispositivi Android di fascia alta. Per ora, è solo un buon motivo per concedervi il lusso di Pixel 8 Pro.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: