mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeAirTagGli AirTag di Apple sono troppo bravi nel tracciare: pericolo stalking?

Gli AirTag di Apple sono troppo bravi nel tracciare: pericolo stalking?

Gli AirTag di Apple possono essere presentati come strumenti utili, ma si stanno trasformando anche in uno strumento per i criminali. Lo strumento di tracciamento dell’azienda, destinato a essere utilizzato per tenere traccia di oggetti smarriti e rubati, è paradossalmente anche uno strumento che consente il furto di proprietà e una potenziale minaccia per le persone. Nuovi rapporti emergono ogni giorno in cui le persone usano AirTag contro donne e auto costose con intenzioni dannose. E online cresce il furore.

La società ha pubblicato aggiornamenti per migliorare gli AirTag, ma potrebbe essere l’intero concetto di AirTag stessi ad essere imperfetto.

I pericoli dello stalking degli AirTag

Per ricapitolare, gli AirTag di Apple sono piccoli ma utili tracker. Costano circa $ 30 a schiocco e puoi attaccarli al tuo portafoglio, alla tua borsa o qualsiasi cosa tu non voglia perdere. Se alla fine scompare, utilizzando la potenza dell’app Trova il mio di Apple , ora puoi trovare e localizzare il dispositivo con la facilità di James Bond utilizzando uno dei suoi traccianti spia.

Gli AirTag di Apple non sono unici nella concezione; il concetto di tracker discreti esiste da anni. Tile , per esempio, ne ha fatto un business. Anche Nokia aveva un Treasure Tag per lo stesso prezzo in passato. Ciò che distingue il prodotto Apple dagli altri è la potenza dell’ampia rete Trova il mio. Lungi dall’essere utili solo per localizzare gli iPhone smarriti, con Trova il mio, gli AirTag ottengono una portata effettiva più ampia, consentendo a chiunque lasci cadere un AirTag di trovare la tua posizione approssimativa fintanto che sei vicino a un dispositivo Apple.

“Sarebbe un errore presumere che questi rapporti segnalino una nuova ondata di stalking. Gli AirTag, sebbene economici ed efficaci, non sono gli unici responsabili dell’apertura di una nuova era di sorveglianza clandestina”, afferma un editoriale di Apple Insider . “Prendi, ad esempio, gli stalker basati su GPS. I dispositivi di localizzazione basati su GPS sono prontamente disponibili, anche su Amazon, e possono essere utilizzati per perseguitare le vittime senza i meccanismi anti-stalking forniti dai dispositivi Apple”.

Sebbene Apple Insider abbia ragione sul fatto che l’azienda non abbia inventato lo stalking digitale, è tutt’altro che irreprensibile nel non aver previsto e tenuto adeguatamente conto delle conseguenze. “Come per gli smartphone, i tablet e i dispositivi indossabili precedenti, AirTag è il primo della sua categoria a cui interessano le persone non tecnologiche. È quello che il tuo creep medio sa che esiste e ora si sente abbastanza intelligente da infilarsi nella borsa di una donna o restare su un’auto dall’aspetto elegante. Probabilmente non hanno mai saputo dell’esistenza dei tracker fino a quando Apple non ne ha creato uno. I professionisti sì, certo. Ma non il cattivo comune. Ora lo fanno e Apple avrà bisogno di aiutare a trovare una soluzione”, ha scritto Oliver Haslam sul sito tecnologico incentrato su Apple iMore .

Un problema con la mela

Primo piano di Apple AirTag.

Da un lato, è facile sostenere che le persone stiano prendendo in giro AirTag perché è un prodotto Apple e Apple è un facile sacco da boxe. Non è lontano dalla verità. Gli AirTag sono un problema perché sono un prodotto Apple. Prendi in considerazione smartphone o tablet, smartwatch, pagamenti NFC, Ultrabook: Apple è nota per aver fatto irruzione in un settore di prodotti, integrandolo e aumentando notevolmente la sua popolarità. Gli AirTag potrebbero non essere particolarmente unici, ma fanno esattamente ciò per cui sono progettati e lo fanno bene. Apple sembrava sottovalutare il potenziale di ciò che stava esattamente spedendo.

“L’ubiquità degli iPhone e della rete Trova il mio è ciò che rende l’AirTag particolarmente potente per lo stalking in un modo che va oltre ciò che abbiamo visto nei tracker fisici precedentemente esistenti”, Eva Galperin, direttore della sicurezza informatica per la Electronic Frontier Foundation (EFF) , ha detto a Digital Trends via e-mail. “L’EFF ha preso la posizione che quando Apple ha lanciato l’AirTag, c’erano lacune inaccettabili nelle sue mitigazioni antistalking che lo hanno reso facile da usare come strumento per lo stalking. Da allora, hanno risolto alcuni di questi problemi, anche se non tutti”.

Il nuovo dispositivo di Apple #AirTag sembra una delizia per gli stalker, vero?
Voglio dire, qualsiasi brivido può farne entrare uno in un’auto, in una borsa, ecc. Anche economico, per i determinati… pic.twitter.com/PTNjOQKD0I

— Louisa Jones (@FilmLecturer) 7 gennaio 2022

In un’intervista con il Washington Post lo scorso anno, Galperin ha condiviso che all’inizio Apple non aveva considerato l’impatto che gli AirTag potrebbero avere sulle situazioni di abuso domestico. Nel frattempo, Apple ha apportato diverse modifiche per rendere gli AirTag meno inquietanti. È stata lanciata un’app Android, Tracker Detect , che consente agli utenti Android di scansionare in modo proattivo gli AirTag se si sentono a rischio. L’azienda ha anche ridotto il tempo impiegato dagli AirTag per emettere segnali acustici se venivano lasciati inattivi e inerti.

È possibile per Apple apportare ulteriori modifiche che annullerebbero la capacità degli AirTag di essere utilizzati come tecnologia adiacente allo stalkerware, come limitare l’accesso alla rete Trova la mia, ma ciò ha un costo.

“Se per ‘funzionalità di base’” intendi assistenza nell’aiutare a ritrovare oggetti smarriti, la risposta è sì. Se per “funzionalità di base” intendi assistenza nell’aiutare a rintracciare gli oggetti rubati, che non è lo scopo per cui Apple pubblicizza l’AirTag, la risposta è no”, ha affermato Galperin. “Non puoi creare uno strumento utile per rintracciare gli oggetti rubati senza creare anche uno strumento ideale per lo stalking, perché entrambi gli scenari si basano sull’ingannare una persona che sta trasportando inconsapevolmente il tuo oggetto facendogli credere di non essere rintracciato”.

Scelte difficili

Apple non è la prima azienda tecnologica ad affrontare questo dilemma. I tile tracker hanno acquisito l’integrazione con la rete Sidewalk di Amazon l’ anno scorso e, sebbene non così esteso o noto come Find My, è stato introdotto il potenziale per lo stalking deliberato . Allo stesso tempo, solo perché la tecnologia ha il potenziale per essere usata in modo improprio non significa che non dovrebbe essere rilasciata; significa solo che queste preoccupazioni dovrebbero essere considerate a fondo e bilanciate rispetto a qualsiasi problema la tecnologia pretenda di risolvere.

Qualunque sia il lato in cui si trova, Apple deve fare i conti e rispondere risolutamente alla domanda: “Ne vale la pena?”

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial