domenica, Dicembre 4, 2022
HomeAmazon'Gli anelli del potere': chi è il padre di Miriel, Palantir?

‘Gli anelli del potere’: chi è il padre di Miriel, Palantir?

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere ha preso l’abitudine di finire con i cliffhanger: nell’episodio 1, c’era l’arrivo di The Stranger (Daniel Weyman); nell’episodio 2, era la scatola dei misteri dei Nani; nel terzo episodio è l’arrivo dell’enigmatico Adar (Joseph Mawle). Ma una delle domande più curiose che incombevano sull’episodio 3era la lontana presenza dell’attuale re di Númenor. 
Nonostante la serie di scene di corte e le mirate manovre politiche, l’uomo che tecnicamente detiene l’autorità suprema nel regno dell’isola non si vedeva da nessuna parte. Una delle ultime riprese dell’episodio è stata quella di Míriel (Cynthia Addai-Robinson) salendo i gradini di una torre per conferire con suo padre, ma anche allora il pubblico non poteva vederlo né ascoltarlo.
Allora chi dovrebbe essere? E perché Míriel si sta consultando con lui

Bene, se sei mai stato interessato a leggere elenchi enciclopedici di re e linee temporali di un universo immaginario, ho una sorpresa per te: dai un’occhiata all’Appendice B de Il Signore degli Anelli . Tutti i nomi e le date che potresti immaginare sono lì (così come un intero gruppo che non potresti). Ma una delle cose che questo indice aiuta a capire è la discendenza dei re di Númenor e come l’isola sia passata dal governo del terribile Elros Tar-Minyatur a Míriel e oltre.

In che modo Númenor è stato diviso?

Ma ciò che offrono gli scritti estesi di Tolkien, oltre a tutto il resto, è che conosciamo già almeno in parte la risposta al mistero del padre di Míriel, il re tecnico: il suo nome è Tar Palantir, o Palantir, in breve. Dipende da quanto lo conosci bene. Il suo significato ha molto a che fare con lo sviluppo storico di Númenor nel suo insieme, poiché il suo esilio è il risultato del modo in cui si trovava in relazione ai suoi antenati.

Tar Palantir è il 24° re di Númenor, ed è arrivato a quella posizione a causa di stranezze storiche insolite: il primo re di Númenor era il fratello di Elrond, Elros Tar-Minyatur , e la successione è stata abbastanza regolare e regolare fino al diciottesimo re, Tar-Calmacil. Ciò che accadde più tardi nella storia di Númenorean fu che la vita politica dell’isola fu divisa tra il partito di maggioranza degli “Uomini del Re”, che iniziò a risentirsi per l’immortalità degli Elfi e le restrizioni loro imposte dai Valar, e il partito di minoranza , “I Fedeli”, che confidavano nei Valar e mantenevano rapporti con gli Elfi.

Ciò che rendeva Tar-Calmacil così significativo a questo proposito era che divenne il primo re Númenoreano a prendere un nome diverso. Tutti i nomi dei re prima di lui erano stati ufficialmente in Quenya, la lingua degli Elfi. Ma Tar-Calmacil prese invece un secondo nome in Adunaic (una lingua specificamente númenoreana). Era conosciuto come Ar-Belzagar dalla gente del suo tempo, sebbene il suo nome fosse ancora ufficialmente in Quenya. Il suo successore seguì l’esempio, con il nome Quenya di Tar-Ardamin e il nome Adunaico di Ar-Abattârik.

Chi è Palantir, il 24° re di Númenor?

Il punto di rottura arrivò con il ventesimo re: il figlio di Ar-Abattârik, Ar-Adûnakhôr. Egli mise fuori legge la lingua del Quenya e prese solo un nome adunaico (sebbene un nome Quenya fosse segretamente inserito per lui nel rotolo dei re). Questo cambiamento non era di buon auspicio per i Fedeli, e andò solo peggio: il pronipote di Ar-Adûnakhôr era Ar-Gimilzôr, che perseguitò attivamente i Fedeli e li tenne sotto sorveglianza, considerandoli spie degli Elfi a causa della loro fedeltà.

Ironia della sorte, però, fu attraverso Ar-Gimilzôr che un raggio di luce tornò finalmente a Númenor e una speranza di redenzione iniziò a radicarsi: il re sposò una bella donna di nome Inzilbêth che era anche una discendente di Tar-Calmacil; quello che scoprì in seguito fu che anche lei era un membro dei Fedeli. La coppia finì per avere due figli, il maggiore dei quali si chiamava Inziladûn e il minore di nome Gimilkhâd. Gimilkhâd prese da suo padre, ma Inziladûn era molto più simile a sua madre e sostenne anche i Fedeli. Mentre Ar-Gimilzôr avrebbe preferito che il figlio minore gli succedesse (e il figlio di Gimilkhâd, Pharazon, avrebbe causato molti problemi futuri), la legge stabiliva che il figlio maggiore avrebbe ereditato il trono, e così Inziladûn divenne re alla morte di suo padre ,

A causa delle sue simpatie per i Fedeli, non furono più perseguitati e iniziò a far rivivere le antiche tradizioni spezzate nelle generazioni precedenti. Osservò i tradizionali riti religiosi dei Númenoreani e si occupò di nuovo dell’Albero di Númenor, a differenza di suo padre, a causa del suo dono peculiare. “Palantir” significa “lungimetro”, e sembra che avesse il dono della preveggenza. Di conseguenza, arrivò a comprendere una profezia secondo cui la stirpe dei Re sarebbe finita se l’Albero Bianco fosse mai morto.

Il nome di Palantir non è effettivamente collegato alle pietre della vista di Palantir

Nonostante i suoi migliori sforzi, tuttavia, non riuscì a conquistare la sua stessa gente. Diffidavano ancora dei fedeli e cominciarono a risentirsi del proprio re a causa del suo sostegno per loro. Di conseguenza, fu lentamente costretto a ritirarsi dalla sua autorità, ritirandosi nella torre di Tar-Minastir nell’ovest del suo regno e cedendo gradualmente l’autorità a sua figlia, Míriel. In particolare, tuttavia, mentre le pietre veggenti conosciute come Palantir (viste ne Il Signore degli Anellifilm) erano tenuti dai Númenoreani all’epoca, Tar-Palantir non li creò; né ha preso il nome da loro. Le pietre veggenti, secondo la tradizione, furono realizzate dal signore degli elfi Fëanor, che creò anche i Silmaril della Prima Era. Sebbene Tar-Palantir abbia probabilmente utilizzato le pietre al servizio della sua profezia, il nome simile deriva da un dono simile: sia le pietre che l’uomo potevano vedere a grande distanza, nel tempo e nello spazio, e mentre Tar-Palantir non è riuscito a riscattare il suo popolo, la speranza di redenzione vacillava brevemente sotto il governo di sua figlia Míriel.

Il che porta, opportunamente, alla scena alla fine dell’Episodio 3 . Di cosa parlano Palantir e Míriel? È probabile che alla fine lo scopriremo, ma Míriel menziona il fatto che è successo qualcosa di inquietante: un elfo è arrivato sulle loro coste. Anche se non è chiaro cosa significhi, il modo in cui Míriel ne parla sembra suggerire che questo evento sia un presagio previsto dalle profezie di suo padre: cosa significhi per loro deve ancora essere rivelato, ma considerando il tono di la scena e la storia di Númenor, probabilmente non fa ben sperare per il loro futuro.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial