mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeAmazon Prime VideoGli anelli del potere: cos'è il Mithril?

Gli anelli del potere: cos’è il Mithril?

Gli anelli del potere , il principe Durin IV ( Owain Arthur ) ha nascosto qualcosa e l’episodio 4, “La grande onda”, ha finalmente rivelato la verità. Il principe Durin ha estratto segretamente mithril dalle profondità di Khazad-dûm.

L’idea di estrarre un minerale non è rivoluzionaria, ma il mithril ha una storia significativa nella Terra di Mezzo. Una storia che è appena iniziata nella serie The Rings of Power e avrà un forte impatto sul futuro della Terra di Mezzo.

Mithril minerario

Nell’episodio, Elrond ( Robert Aramayo ) viene a sapere che Durin si sta intrufolando in un vecchio tunnel minerario. Elrond segue il suo amico nel tunnel, costringendo Durin a spiegare. Sta estraendo una sostanza unica, ma il processo è pericoloso. In quanto tale, il re ha posto restrizioni al lavoro. Quando Elrond chiede di cosa si tratta, Durin lo chiama “grigio glitter”. Sebbene la sostanza non abbia nome nella lingua Elfica, Sindarin, Durin la approssima a “mith-raud”. Elrond lo corregge, traducendo il suo termine con la parola “mith” per grigio e “ril” come glitter, mettendoli insieme per formare mithril, un nome più familiare ai fan di Tolkien.

Durin dà a Elrond un frammento di mithril in segno di amicizia . Mentre Elrond e Durin discutono della sostanza, la miniera crolla, intrappolando quattro Nani. Sebbene riescano a salvare tutti e quattro senza vittime, il padre di Durin decide di chiudere l’operazione mineraria, con grande rabbia di Durin. Sembra improbabile che Durin lo lasci riposare per sempre, soprattutto vista la tradizione spiegata ne Il Signore degli Anelli .

Mithril in tutta la Terra di Mezzo

Il mithril è un metallo prezioso noto per essere leggero e resistente. Vale 10 volte il suo peso in oro e non si appanna. Poiché il mithril può essere trovato solo in una manciata di luoghi, è molto richiesto da tutte le persone della Terra di Mezzo. Khazad-dûm, più ampiamente conosciuta come Moria , è una delle poche località, insieme a Númenor . A causa della sua rarità, l’unica vena di mithril di Moria rese i Nani estremamente ricchi.

Sebbene più comunemente indicato con il suo nome elfico, il metallo era chiamato in molte cose. Gli uomini usavano il termine Moria-argento o vero-argento. E si dice che i Nani abbiano un nome segreto per questo.

La Terra di Mezzo vedeva il mithril come un segno di ricchezza e potere. Le guardie della Cittadella a Minas Tirith indossavano elmi di mithril che duravano per generazioni come residuo del loro antico splendore. Inoltre, uno degli anelli elfici del potere è stato forgiato dal mithril: l’anello è stato dato a Galadriel e probabilmente apparirà più avanti nella serie.

Il mithril può essere trovato anche nelle Porte di Durin sotto forma di una lega chiamata ithildin. Le porte sono state realizzate grazie alla collaborazione tra l’artigiano elfico, Celebrimbor ( Charles Edwards) e il nano, Narvi. Proteggono Moria dai nemici con l’enigma “parla, amico ed entra”. In La compagnia dell’anello , Frodo e i suoi compagni incontrano queste porte nel loro viaggio. La porta li blocca brevemente, ma Merry Brandybuck chiede a Gandalf la parola per amico. Quando Gandalf risponde “Mellon”, le porte si aprono e consentono al gruppo di entrare.

Sauron presumibilmente bramava il metallo, e gran parte del mithril estratto da Moria fu raccolto dagli Orchi, che glielo diedero come tributo. Quando Bilbo ei suoi amici iniziarono la loro avventura, l’unico modo per ottenere il mithril era ereditarlo o sciogliere qualcos’altro per riforgiarlo. Thorin Scudodiquercia ha regalato a Bilbo una piccola maglia di maglia fatta di mithril dal tesoro recuperato come ricompensa per il suo aiuto contro il drago Smaug. L’armatura è stata forgiata per un giovane principe elfo prima di entrare a far parte del tesoro del drago. Bilbo lo indossò durante la Battaglia dei Cinque Eserciti. La stessa armatura di mithril ha salvato la vita di Frodo nelle miniere di Moria quando ha deviato una pugnalata altrimenti letale dal troll delle caverne.

Il destino di Moria

Entro la Terza Era , Moria era l’unico luogo rimasto dove si poteva trovare il mithril. I Nani divennero avidi, e quando il mithril nelle loro miniere era esausto, scavarono più a fondo. Ma sono andati troppo oltre. Hanno disturbato un Balrog, un potente demone del fuoco. Questo Balrog divenne noto come Durin’s Bane dopo aver ucciso il re dei Nani e aver mandato in fuga il resto dei cittadini di Khazad-dûm. Le miniere furono abbandonate, ed è per questo che il luogo fu ribattezzato Moria, che significa “Fossa Nera”.

Moria divenne la dimora degli Orchi, ma anche loro evitarono le profondità dove soggiornavano i Balrog. Alla fine, i Nani tentarono di reclamare la loro casa ancestrale. Questo conflitto era noto come la Guerra dei Nani e degli Orchi. Sebbene i Nani vinsero, subirono pesanti perdite e, alla fine, non poterono rimanere a Khazad-dûm a causa del Balrog.

Alcuni anni dopo la sua avventura con Bilbo Baggins, Balin decise di reinsediare Khazad-dûm. La sua colonia riuscì a riprendersi le sale orientali. Durarono cinque anni prima che gli Orchi li massacrassero. I nani fuori Moria non sapevano della perdita, solo che avevano perso il contatto con Balin.

Quando la Compagnia viaggiò attraverso condizioni pericolose sulla montagna fuori Moria, Gimli suggerì una scorciatoia attraverso le miniere, poiché credeva che suo cugino Balin avesse il controllo di Moria. Ma la compagnia arrivò e trovò Balin e la sua colonia morti. Si avventurarono oltre e realizzarono che gli Orchi avevano infestato Moria ancora una volta. La Compagnia si fece strada attraverso Moria, ma la battaglia fece arrabbiare il Balrog. Gandalf ha cercato di portarli via, e il Balrog li ha inseguiti. Gandalf affrontò il Balrog, distruggendo un ponte e lasciandolo ricadere nelle profondità. Ma il Balrog ha trascinato Gandalf con esso. Con il sacrificio di Gandalf, la Compagnia riuscì a sfuggire a Moria. Gandalf cadde con i Balrog finché non atterrarono sulla cima di Celebdil. Lì, mago e demone hanno combattuto per due giorni e due notti prima che Gandalf sconfiggesse il Balrog.

Dopo la distruzione dell’anello e per buona parte della Quarta Era, un discendente della Casa di Durin riuscì finalmente a reclamare Moria. Con la morte dei Balrog, i Nani poterono tornare ancora una volta alla loro casa abbandonata da tempo.

Che cosa significa per “Anelli del potere”?

Mentre la distruzione di Moria sarebbe elettrizzante, questi eventi dovrebbero accadere centinaia di anni dopo. Anche se è vero che la serie ha già condensato la linea temporale, la caduta di Moria porterebbe la storia ben nella Terza Era della Terra di Mezzo, mentre The Rings of Power è ambientato principalmente nel mezzo della Seconda Era. Se aderisce strettamente al testo di Tolkien, il Balrog viene risvegliato durante il periodo del nipote di Durin IV. La serie ha già molta azione da coprire senza espandersi così lontano nel futuro della Terra di Mezzo. Anche se la distruzione rispecchierebbe magnificamente la trama di Númenor, sembra improbabile che The Rings of Powerarriverà alla fine di questa storia particolare. Tuttavia, molto probabilmente, lo spettacolo ritrarrà Durin che si arricchisce grazie al mithril e forse alluderà al futuro di Khazad-dûm.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial