lunedì, Novembre 28, 2022
HomeAmazon Prime VideoGli Anelli del Potere: il sesto episodio è finora il più emozionante

Gli Anelli del Potere: il sesto episodio è finora il più emozionante

Finora la serie tv del Signore degli Anelli ha creato un orologio drammaticamente avvincente, emotivamente forgiato e occasionalmente ricco di tradizioni. Tuttavia, lo spettacolo Prime Video è stato carente in alcune aree chiave, vale a dire nei dipartimenti dell’azione, del valore dello shock e del ritmo della trama.

Tutte queste critiche vengono spazzate via (e poi alcune) in Udûn, il sesto episodio della serie high fantasy in modo sorprendente e spettacolare. È una voce piena di scene divertenti e complesse, violenza gratuita di cui Il Trono di Spade sarebbe orgoglioso e un finale sbalorditivo che apre la strada a due allettanti episodi finali prima che la prima stagione volge al termine.

In sostanza, l’episodio 6 di The Rings of Power è la voce che definisce la serie necessaria per l’adattamento televisivo del Signore degli Anelli di Amazon – ed è uno che farà sedere anche il fan più critico di Tolkien e prenderne atto.

Una storia di tre trappole

Arrondir fissa l'elsa della spada malvagia mentre Bronwyn osserva nell'episodio 6 di The Rings of Power

In una prima volta per lo spettacolo, l’intero Udûn si svolge in un luogo, ovvero le Terre del Sud, e vede due trame chiave – gli archi Númenorean e Southlander – scontrarsi. È una decisione creativa altamente soddisfacente, con la narrativa singolare della sesta voce che fornisce un punto focale episodico che rende la storia più coesa ed elettrizzante.

Sotto la copertura dell’oscurità, Adar guida il suo esercito di orchi a Ostirith, la torre di guardia degli elfi dove hanno cercato rifugio gli oppositori del Sud. All’arrivo, però, le sue forze trovano l’avamposto abbandonato. Mentre cercano qualcuno che si nasconda, Arondir lancia un attacco a sorpresa, abbattendo alcuni orchi prima di far cadere la torre di guardia di Ostirith usando una freccia infuocata, che distrugge le corde che tengono insieme il punto di riferimento. La torre che crolla uccide molti nemici e manda gli altri a disperdersi, con grande gioia dei Southlanders, che osservano da una distanza di sicurezza.

Nel frattempo, sulle navi Númenoreane dirette verso la Terra di Mezzo per aiutare i Southlander, un irrequieto Isildur si imbatte in Galadriel sul ponte della nave dopo aver accudito il suo cavallo. I due si impegnano in una toccante conversazione che offre uno spaccato di come la morte della madre di Isildur lo abbia colpito. È un momento semplice ma delizioso che mostra come la fusione delle trame dell’episodio 6 potrebbe svolgersi in modo simile nelle stagioni future, consentendo a più personaggi di interagire con coloro che devono ancora incontrare. Tuttavia, l’arrivo di Elendil interrompe la conversazione della coppia e, quando Galadriel chiede come è morta la madre di Isildur dopo che Isildur si è congedato, Elendil risponde: “È annegata”. Almeno ora lo sappiamo.

Adar si rivolge al suo esercito di orchi alla luce del fuoco nell'episodio 6 di The Rings of Power

Raggruppandosi con Bronwyn e compagnia, Arondir, che tenta senza successo di distruggere la spada malvagia trovata da Theo, aiuta i difensori a preparare Tirharad per una seconda ondata di orchi. Prima dell’imminente attacco, Arondir e Bronwyn condividono un momento tranquillo e romantico incentrato sul significato dei semi di alfirin, che tradizionalmente gli elfi piantano alla vigilia della battaglia in modo che una nuova vita possa crescere “sfidando la morte”. È interessante notare che Adar ha condotto un rituale simile nella scena di apertura dell’episodio. È un segno che è potenzialmente riscattabile? O semplicemente che mantiene la sua vecchia eredità elfica nonostante il suo turno corrotto? A nostro avviso, certamente quest’ultimo.

Al calar della notte, Adar invia un’altra guarnigione ad attaccare i Southlanders, una scena adeguatamente alimentata dalla tensione che funge da mini-sequenza di Helm’s Deep (completa della colonna sonora strisciante di Bear McCreary) da Le due torri. A loro insaputa, gli umani hanno pianificato una seconda imboscata, rinchiudendo gli orchi nella piazza del villaggio con carri infuocati prima che Arondir guidi alcuni arcieri del Sud nell’abbattere i loro nemici con una raffica di frecce.

A differenza del loro primo attacco a sorpresa, però, il secondo piano dei Southlanders va rapidamente in pezzi. Gli orchi ribaltano la situazione sui difensori, uccidendone alcuni con la loro stessa risposta basata sulla freccia e sfondando la linea dei carri dei pompieri per dirigersi verso la taverna del villaggio, dove si riuniscono vecchi e giovani delle Terre del Sud.

Molteplici scaramucce scoppiano mentre i Southlander difendono le loro posizioni, con frenetici combattimenti ravvicinati che ne conseguono tra le due parti. Arrondir ingaggia un orco gigante, che rapidamente sopraffa l’elfo e, dopo aver inchiodato Arrondir insanguinato e disorientato al pozzo fuori dalla taverna, sembra destinato ad ucciderlo. Nemmeno un improvvisato pugnale di legno all’occhio ferma l’orco, il cui sangue nero e trasudante gocciola minaccioso sul viso di Arondir mentre si prepara a sferrare il colpo rivelatore usando la stessa arma di ripiego sull’elfo in difficoltà.

Fortunatamente, Bronwyn arriva e uccide l’orco bruto prima che possa finire Arondir, un momento simbolico che riflette come i cittadini sono sopravvissuti per la pelle dei loro denti.

Tuttavia, le loro celebrazioni sono di breve durata. Incredibilmente, è stato rivelato che molti degli “orchi” – travestiti da armature d’osso e mantelli sporchi – erano i Southlander che se ne andarono con il voltagabbana Waldreg per unirsi all’esercito di Adar nell’episodio 5, il che significa che Bronwyn e compagnia hanno appena ucciso i loro simili. È una scena straziante, ma Arrondir e i Southlanders non hanno il tempo di fare il punto su ciò che è appena successo.

Lanciando un’imboscata tutta loro, gli orchi di Adar uccidono molti abitanti del Sud con una raffica di frecce mentre feriscono gravemente altri, inclusi Bronwyn e Tredwill. Altri orchi si precipitano dal limite del bosco mentre i restanti abitanti del Sud (e Arrondir) si ritirano al sicuro nella taverna. All’interno, Tredwill soccombe alle ferite riportate, mentre Arondir e Theo usano i restanti semi di alfirin per sigillare le ferite di Bronwyn per impedirle di sanguinare. Il falso che ne risulta “Bronwyn è morto” è un po’ inutile, ma è una piccola critica che può essere trascurata nel contesto di una scena emotivamente di grande impatto.

Carica della brigata leggera

Galadriel e Halbrand guidano la cavalleria Númenoreana su una lussureggiante collina di Southlands nell'episodio 6 di The Rings of Power

Con poca resistenza, Adar e le sue forze fanno irruzione nella taverna, si impossessano di Arondir e Theo (in modo che non possano reagire) e chiedono agli abitanti del Sud di consegnare la spada malvagia. Arrondir rifiuta, portando Adar a comandare ai suoi orchi di iniziare a uccidere lentamente e brutalmente coloro che sono rimasti in vita. Rende la visione straziante e, in qualche modo, prende in giro gli oppositori che affermano che The Rings of Power non è uno spettacolo angosciante e gratuitamente violento a volte.

Non è fino a quando Bronwyn viene minacciato che Theo accetta di consegnare l’elsa, con grande sgomento di Arrondir. Chiedendo scusa all’elfo, Theo rivela il nascondiglio del manico della spada, da cui un emotivo Adar lo recupera. Simile alla natura dell’esca e del cambio dell’apparente morte di Bronwyn, è una scena un po’ curiosa, dato che Arondir ha detto a Bronwyn che sarebbe stato l’unico a sapere dove Arondir ha nascosto l’elsa. Vedere che Theo sa dove si trova, quindi, è un leggero passo falso narrativo. Ancora una volta, però, è un piccolo problema che può essere perdonato nel contesto dell’episodio.

L’episodio 6 è l’adattamento televisivo del Signore degli Anelli di Amazon necessario per definire la serie

Proprio mentre Adar si prepara a celebrare e consegna a Waldreg una nuova missione, le cose cambiano ancora.

Dopo aver corso a Tirharad, Galadriel e i Númenoreani attraversano il villaggio, spazzando via tutti davanti a loro. Rinvigorita dal suono degli zoccoli roboanti dei loro salvatori, la popolazione di Tirharad combatte all’interno della taverna, sopraffacendo gli oppressori degli orchi.

L’azione è combattuta, frenetica, energica e coreografata in modo soddisfacente. C’è da aspettarselo per uno spettacolo di questa portata e portata, ma non è meno emozionante e ricco di momenti straordinari. La semplice cavalcata in stile cosacco ucraino di Galadriel, Halbrand e Isildur che vengono in soccorso di Elendil e i sottili riferimenti, anche se su scala ridotta, alla carica di cavalleria di Helm Deep sono tre esempi così avvincenti. The Rings of Power si è preso il suo tempo per offrire un grande set di cui i fan si sarebbero meravigliati, quindi è fantastico vedere l’episodio 6 farlo in un modo così sorprendente.

Segue un breve incontro tra Galadriel e Arondir, con il primo (e Halbrand) che danno la caccia ad Adar dopo che Arondir lo ha avvisato dell’elsa della spada. Dopo una tesa sequenza di inseguimenti nella foresta, i due si uniscono per abbattere il cavallo di Adar e catturare l’ex elfo prigioniero. Bene, una volta che Galadriel ha impedito ad Halbrand di uccidere Adar dopo che quest’ultimo ha spinto il primo, comunque.

I Southlanders e i Númenoreans celebrano un lavoro ben fatto, con molti dei personaggi principali delle due trame che finalmente si mescolano con un effetto piacevole. Ciò include Galadriel e Adar, che si impegnano in una conversazione amara e piena di suspense sull’oscurità che ognuno porta dentro di sé; una scena superbamente accentuata dall’uso efficace della cinematografia tilt olandese da parte della regista Charlotte Brändström. Altrettanto intrigante è la rivelazione di Adar di essere quello che è conosciuto come un Uruk, un elfo della Prima Era che fu rapito e torturato da Morgoth, il maestro di Sauron, prima che Adar aiutasse a creare gli orchi. È un intrigante riferimento all’Uruk-Hai della trilogia de Il Signore degli Anelli, e probabilmente un riferimento a cui i fan di Tolkien di lunga data potrebbero irrigidirsi.

Ad ogni modo, Adar rivela che Sauron aveva pianificato di dedicarsi alla guarigione della Terra di Mezzo, con il signore oscuro che voleva “unire” tutte le razze sotto il suo governo tirannico. Sauron ha sperimentato sugli orchi un tipo invisibile di magia oscura, ma non è riuscito a fare un passo avanti. Anche così, le innumerevoli vite degli orchi che ha buttato via per perseguire i suoi obiettivi hanno alienato Adar, che dice di aver ucciso Sauron – certo, ti crediamo, Adar – e ha portato i suoi seguaci di Orchi nelle Terre del Sud per farne la loro nuova casa.

In un’inversione di ruolo rispetto a prima, Halbrand appare prima che un Galadriel sempre più irascibile si muova per uccidere Adar per le sue continue provocazioni. I due si dirigono verso un ruscello vicino e si impegnano in un cuore a cuore; uno apparentemente grondante di tensione sessuale prima che vengano interrotti da un soldato númenoreano.

Sorge una nuova regione

Isildur ed Elendil sembrano preoccupati mentre i tremori iniziano a scoppiare nelle Southlands nell'episodio 6 di The Rings of Power

Al campo, un’amabile prima conversazione tra la regina Míriel e Bronwyn lascia il posto ad Halbrand che rivela la sua vera identità ai Southlander, che esultano per il ritorno in ritardo del loro re in attesa.

Ma c’è un’ultima puntura nella coda. Dopo una chiacchierata in stile padre-figlio tra Arondir e Theo, il primo dà l’elsa della spada al secondo. Arondir dice a Theo che l’unico modo in cui sarà libero dalla sua influenza è se lo dà ai Númenoreani per farlo cadere sul fondo dell’oceano quando tornano a casa.

Tuttavia, quando Theo scarta la coperta in cui è avvolto il manico, è sorpreso di vedere che è stata sostituita da una normale ascia. Oh, Adar, cane furbo.

Il teso avanti e indietro verbale di Galadriel e Adar è accentuato dall’uso efficace della cinematografia inclinata olandese da parte della regista Charlotte Brändström

Saliamo su Waldreg – un divertente pezzo di giustapposizione, data la scena precedente che coinvolgeva Theo, che brandiva anche la spada e quasi soccombette al suo potere – vediamo il traditore di Southland usare il suo sangue per creare una nuova lama dal manico della spada. Lo fa precipitare nel terreno – ricordi all’inizio dell’episodio quando Adar vide la formazione rocciosa della spada e dell’elmo di Sauron? Sì, qui è significativo – e la gira come una chiave, aprendo parte della diga di Ostilith che domina le Southlands.

L’acqua scorre attraverso la valle, interrompendo una commovente chiacchierata tra Isildur ed Elendil mentre lo fa. I terremoti iniziano a scuotere le Southlands mentre l’acqua zampillante viaggia attraverso i tunnel scavati dagli orchi verso le montagne, dove incontra una colossale pozza di lava all’interno di un vulcano dormiente. La pressione concentrata del vapore fa eruttare il vulcano, vomitando rocce infuocate che piovono sui Númenorean e sui Southlander. Coloro che non vengono uccisi dal debriefing che cade sono costretti a cercare rifugio, o presto inghiottiti dalla nuvola di cenere che si avvicina rapidamente e alimentata dalla tempesta.

A parte Galadriel, cioè. Paralizzato dallo shock, il comandante elfico rimane semplicemente sul posto mentre la nuvola di cenere si avvicina, sopraffacendo lei (e la telecamera) mentre la telecamera diventa nera. Benvenuti a Mordor, a tutti.

Il nostro verdetto

Galadriel si alza in piedi e fissa scioccata la nuvola di cenere in avvicinamento dal Monte Fato appena creato nell'episodio 6 di The Rings of Power

L’episodio 6 di The Rings of Power è la puntata più elettrizzante, trionfante e tortuosa della serie. Dopo cinque settimane di attesa, il programma televisivo Il Signore degli Anelli di Amazon offre una serie di set visivamente spettacolari, ognuno dei quali ti farà rizzare i peli sulla nuca.

Udûn sposa sapientemente queste sequenze con il dramma avvincente e i momenti più intimi che ci si aspetta anche dal franchise, mentre ogni giocatore importante ha la possibilità di brillare, sia nell’azione che nelle capacità verbali. Messo insieme, crea un equilibrio molto piacevole in tutti gli aspetti della sua narrativa e della produzione complessiva.

Il suo finale sarà sicuramente divisivo – le interpretazioni precedentemente sciolte dell’iconico materiale originale di Tolkien sono state così tra i fan irriducibili – ma, francamente, chi se ne frega? È un evento importante per la trama generale dello show e per la storia della Terra di Mezzo, e uno che avrà grandi ripercussioni in futuro.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial