mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieGli oceani inquinati con 26.000 tonnellate di mascherine: lo studio shock

Gli oceani inquinati con 26.000 tonnellate di mascherine: lo studio shock

Un rapporto pubblicato lunedì sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences afferma che 193 paesi hanno creato otto milioni di tonnellate di rifiuti durante la pandemia di coronavirus – 25.900 tonnellate delle quali erano “rifiuti di plastica associati alla pandemia” che si sono infiltrati negli oceani del mondo e finisce su spiagge e fondali.

“La pandemia di COVID-19 ha portato a un aumento della domanda di plastica monouso che intensifica la pressione su un problema globale dei rifiuti di plastica già fuori controllo”, hanno affermato gli autori Yiming Peng, Peipei Wu, Amina T. Schartup e Yanxu Zhang. in un articolo di ricerca intitolato ” Grandezza e impatto dei rifiuti di plastica associati alla pandemia “, pubblicato da PNAS.

I ricercatori provengono dalla School of Atmospheric Sciences della Nanjing University di Nanjing, in Cina, e dalla Scripps Institution of Oceanography dell’Università della California, San Diego a La Jolla, in California,

I ricercatori stimano che circa l’87% dei rifiuti provenga dagli ospedali, non dagli individui, e che i paesi non siano in grado di gestire ed elaborare in modo efficiente l’enorme quantità di rifiuti di plastica e “la maggior parte degli scarichi globali proviene dall’Asia (72%). ” Nello specifico, la plastica proviene dai fiumi; 10 fiumi rappresentano il 79% degli scarichi di plastica legati alla pandemia, secondo i ricercatori. I primi tre sono Shatt al Arab, Indo, fiume Yangtze.

“La pandemia di COVID-19 ha portato a un aumento della domanda di plastica monouso che intensifica la pressione su un problema globale dei rifiuti di plastica già fuori controllo”, spiegano i ricercatori in astratto.

L’articolo diceva anche che la plastica è conveniente per la produzione di dispositivi di protezione individuale e imballaggi perché è “resistente e poco costosa”. Ma questa plastica mette in pericolo la vita marina e minaccia problemi a lungo termine per l’ambiente costiero e l’ecosistema, secondo il rapporto.

“Anche se si sospetta che sia grande, l’entità e il destino di questi rifiuti di plastica mal gestiti associati alla pandemia sono sconosciuti”, afferma il rapporto.

Un altro rapporto approssima che 1,56 milioni di maschere facciali hanno trovato la loro strada verso l’oceano durante il 2020.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial