parlare con le balene

Immagina di essere una balena. No, non una persona che detiene grandi quantità di criptovaluta. Una vera balena che nuota nell’oceano. Puoi pensarlo come un esperimento di leadership o di pensiero creativo se aiuta.

Stai nuotando e chiacchierando con il tuo branco mentre fai cose con le balene. Tutto è più o meno come è stato per circa 45 milioni di anni.

E poi improvvisamente un robot inizia a parlarti nella tua lingua. Probabilmente non sai che è un robot. Voglio dire, non è che tu sappia cos’è l’intelligenza artificiale o come funzionano gli altoparlanti subacquei.

Un team di ricercatori del Progetto CETI (Cetacean Translation Initiative) ha recentemente iniziato a lavorare sulla decifrazione del linguaggio dei capodogli.

Secondo un articolo su Hakai Magazine , l’obiettivo finale del progetto è addestrare un’intelligenza artificiale a parlare con loro nella propria lingua:

I clic dei capodogli sono candidati ideali per tentare di decodificare i loro significati, non solo perché, a differenza dei suoni continui prodotti da altre specie di balene, sono facili da tradurre in uno e zero. Gli animali si immergono nelle profondità oceaniche più profonde e comunicano a grandi distanze, quindi non possono usare il linguaggio del corpo e le espressioni facciali, che sono importanti mezzi di comunicazione per gli altri animali.

La grande idea sarebbe quella di addestrare una rete neurale per interpretare il discorso della balena in modo tale da poter, essenzialmente, salutare.

LEGGI  La Finlandia rende divertenti le tasse con un sito web in stile Netflix

Ci sono enormi implicazioni per questo e la maggior parte di loro non riguarda davvero il diventare i migliori amici delle balene. Non stiamo parlando di un paradigma in cui, un giorno, potremmo ottenere bollettini meteorologici marini da balene giganti che indossano elmetti di traduzione o qualcosa del genere.

È più simile a: più comprendiamo il linguaggio degli animali e il modo in cui le varie creature si avvicinano alla comunicazione, meglio comprendiamo il mondo che ci circonda. Una marea crescente solleva tutte le navi.

Gli scienziati potrebbero scoprire nuove idee sul linguaggio umano confrontando il modo in cui comunichiamo con il modo in cui fanno le balene. Ma tale conoscenza richiederebbe di formulare una sorta di Stele di Rosetta per il linguaggio delle balene.

In questo momento, i ricercatori del CETI stanno appena iniziando a lavorare sul problema di identificare i diversi ticchettii emessi dai capodogli e capire come addestrare un’intelligenza artificiale a riconoscerli. Nel tempo, il team dovrà etichettare manualmente i propri dati attraverso l’osservazione del comportamento delle balene.

LEGGI  Gli scienziati hanno capito perché i giorni della settimana sembrano diversi

Fondamentalmente, registreremo le balene e poi urleremo loro cose nella loro lingua e vedremo come reagiscono. Questo è piuttosto interessante e, per essere onesti, facciamo alcune cose piuttosto selvagge ai ratti e ad altri mammiferi in nome della scienza. Perché non le balene?

Ma, voglio dire, come interpreteranno questo le balene? I capodogli si tuffano in profondità dove non possono vedersi. Comunicano con un linguaggio complesso perché sapere dove si trovano il cibo, le minacce e gli altri è fondamentale per la loro sopravvivenza.

E ovviamente non stanno navigando vicino a punti di riferimento quando sono troppo lontani dalla superficie perché la luce del sole possa penetrare o è buio.

Cosa succede quando iniziamo ad aggiungere rumore alla loro lingua? Forse le balene riconosceranno immediatamente la voce aberrante come qualcosa di diverso da loro e la ignoreranno. Ma cosa succede se ci credono?

E se gli scienziati fossero là fuori a gridare cose a caso che sono abbastanza sicuri che sia bello, ma le balene stanno ascoltando una retorica di fine giornata che dice loro che tutto è perduto ed è ora di nuotare nell’abisso?

LEGGI  20 designer troppo creativi per questo mondo

Non sono un esperto di balene. E, ad essere onesti, penso che valga la pena rischiare. Perché è super inverosimile pensare che un paradigma di intelligenza artificiale possa indurre le balene a tuffarsi in un vulcano sottomarino o qualcosa del genere.

È molto più credibile immaginare che il CETI sarà in grado di usarlo per la conservazione delle balene che per le conversazioni sulle balene   E questa è la speculazione in cui dovremmo impegnarci.

Tuttavia, vale la pena notare che Mark Zuckerberg non ha chiesto il permesso a nessuno quando la sua azienda, Facebook, ha condotto esperimenti psicologici su larga scala sugli esseri umani usando l’intelligenza artificiale.

Elon Musk non ha chiesto al pubblico di accettare alcun termine di servizio quando ha scatenato i suoi esperimenti di intelligenza artificiale su di noi.

Senza regolamentazione, i ricercatori e gli imprenditori di intelligenza artificiale sono praticamente liberi di fare quello che vogliono. Quindi alla fine non importa se sei un essere umano o una balena. Probabilmente dovrebbe.