domenica, Ottobre 2, 2022
HomeAppGli utenti cinesi pagano fino a 65 euro per un invito a...

Gli utenti cinesi pagano fino a 65 euro per un invito a Clubhouse

I cittadini cinesi stanno facendo offerte per l’accesso a Clubhouse, l’app per riunioni pubbliche online che sta rapidamente diventando popolare in tutto il mondo. L’accesso all’app è gratuito: devi solo essere invitato da un utente già all’interno. Ma i cittadini cinesi offrono fino a 65 euro per uno di questi inviti .

Come riportato dal Financial Times , gli utenti Internet cinesi vogliono accedere a questa piattaforma dove credono di poter discutere di questioni delicate come la situazione della minoranza uigura nel Sinkiang o le ultime notizie da Hong Kong, senza essere oggetto di censura da parte del governo cinese. .

Gli inviti di Clubhouse si esauriscono velocemente sulle piattaforme di e-commerce del Paese asiatico, dove compaiono ad un prezzo medio di 500 yuan, circa 77 dollari o circa 65 euro a seconda del cambio. Clubhouse è diventato popolare in quanto celebrità come il CEO di Tesla Elon Musk o Mark Zuckerberg di Facebook hanno ospitato queste chat room con perfetti sconosciuti.

L’app è nata nella Silicon Valley a metà dello scorso anno ed è appena arrivata in Cina. Taobao, uno dei principali portali di e-commerce del paese di proprietà di Alibaba, ha più di 200 venditori che offrono inviti alla piattaforma. Alcuni hanno spiegato al Financial Times di aver avuto migliaia di clienti.

Fang Kecheng, professore di comunicazione presso l’Università cinese di Hong Kong, ha sottolineato che molte persone “vogliono sapere cosa è successo nel Sinkiang o ad Hong Kong”. Nella prima provincia è stata denunciata la prigionia di migliaia di uiguri, che gli Usa hanno definito “genocidio”. Ad Hong Kong le proteste contro il governo cinese proseguono da mesi.

David Li è uno degli uomini d’affari che hanno venduto gli inviti alla Clubhouse. Nello specifico, ne ha offerti più di 50, e ha sottolineato, anche in dichiarazioni ai media britannici, che si tratta “dell’ultima mania delle app”. “È diverso da qualsiasi piattaforma cinese là fuori.”

In Cina, per il momento, non è soggetta alla regolamentazione governativa a cui sono soggette piattaforme come WeChat, l’alternativa di Tencent a WhatsApp.

WeChat per esempio, al fine di conformarsi alle normative cinesi, blocca e censura i contenuti “illegali” . Facebook o Twitter, ad esempio, vengono bloccati direttamente su tutto il territorio nazionale cinese.

Domenica scorsa, secondo il Financial Times , un incontro pubblico al Clubhouse ha ospitato più di 700 persone che si sono identificate come cittadini cinesi o taiwanesi. La discussione si è incentrata sul confronto del sistema politico dei due stati: molti cittadini hanno mostrato la loro simpatia per l’autogoverno dell’isola e la loro preoccupazione per il governo monopartitico della Cina .

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial