google inaffidabile

Le tue ricerche su Google per le ultime notizie possono ora produrre un risultato sorprendente: un avvertimento che i tuoi risultati potrebbero essere inaffidabili.

La società ha iniziato a mostrare notifiche per le ricerche su argomenti emergenti, il che suggerisce che gli utenti tornino più tardi quando sono disponibili maggiori informazioni.

L’avviso rappresenta gli ultimi sforzi di Google per mitigare la disinformazione nei risultati di ricerca per le ultime notizie. In un post sul blog,  Danny Sullivan, referente pubblico per la ricerca presso Google, ha affermato che a volte le informazioni affidabili non sono online nel momento in cui gli utenti effettuano la ricerca:

Per aiutare con questo, abbiamo addestrato i nostri sistemi a rilevare quando un argomento è in rapida evoluzione e una serie di fonti non è ancora stata valutata. Ora mostreremo un avviso che indica che potrebbe essere meglio controllare più tardi quando più potrebbero essere disponibili informazioni da una gamma più ampia di fonti.

La funzione è stata individuata per la prima volta dalla ricercatrice dell’Osservatorio Internet di Stanford Renee DiResta, che l’ha descritta come un “passo positivo”.

 

Google è stata a lungo criticata per aver consentito a fonti inaffidabili e teorie del complotto di raggiungere la vetta dei risultati di ricerca per le storie in rapida evoluzione.

Twitter e Facebook hanno affrontato accuse simili. Karen North, esperta di social media presso la University of Southern California, ha dichiarato al New York Times nel 2018 che gli utenti possono giocare ad algoritmi di ranking in queste situazioni:

Prima che fonti affidabili pubblichino storie, è un po’ un tutti contro tutti. Le persone che si occupano di pubblicare opinioni sensazionali sulle notizie hanno appreso che prima pubblicano i loro materiali, più è probabile che il loro contenuto venga trovato da un pubblico.

Gli avvertimenti possono aiutare ad arginare l’ondata di disinformazione, ma potrebbero anche esacerbare le preoccupazioni sulla censura da parte di Google dei  media alternativi.

LEGGI  "Che cos'è Google Meet?": guida al servizio di chat video di Google