sabato, Giugno 22, 2024

Google Bard aggiornato per rispondere meglio a domande di matematica e logica

Ad oggi, Bard ha utilizzato LaMDA (Language Model for Dialogue Applications), che si concentra sul dialogo conversazionale, e Google sta ora incorporando PaLM (Pathways Language Model) per migliorare le capacità matematiche e logiche, con “la codifica in arrivo”.

Nel 2022, Google ha affermato che PaLM è in grado di fare: “Risposta alle domande, analisi semantica, proverbi, aritmetica, completamento del codice, conoscenza generale, comprensione della lettura, riepilogo, catene di inferenza logica, ragionamento di senso comune, riconoscimento di modelli, traduzione, dialogo, scherzo Spiegazioni, QA di fisica e comprensione del linguaggio.

Questo perché è alimentato da un’architettura AI di nuova generazione chiamata Pathways che può “addestrare un singolo modello a fare migliaia o milioni di cose” rispetto all’attuale approccio individualizzato.

Ecco alcuni degli esempi che Google ha condiviso lo scorso anno di PaLM in azione:

 

Esempi di codifica PaLM dal 2022:

 

Di conseguenza, dice Google Bard “comprenderà e risponderà meglio alle tue richieste per problemi di parole e matematica in più passaggi”. In precedenza, il chatbot di Google restituiva risposte casuali perché non stava realmente cercando di risolvere la tua query.

Nel frattempo, poiché Google aggiorna i modelli di Bard in background, non ci sono indicatori rivolti all’utente (ad esempio, numeri di versione).

Quando Bard è stato lanciato, le persone si sono affrettate a sottolineare come non avesse la stessa capacità di codifica di ChatGPT. Google afferma oggi che la codifica arriverà presto, con la società che si dice aggiungerà l’intelligenza artificiale generativa ad Android Studio per lo sviluppo di app nel prossimo futuro.

In un colloquio con il New York Times rilasciato oggi, il CEO Sundar Pichai ha affermato che Google “ha chiaramente (ha) modelli più capaci” e che ha scelto di proposito una “versione leggera ed efficiente di LaMDA” per iniziare e per vedere che tipo di query avrebbe ricevuto Bard.

E per me era importante non mettere un modello più capace prima di poter essere completamente sicuri di poterlo gestire bene. Siamo tutti in fasi molto, molto iniziali. Avremo modelli ancora più capaci da collegare nel tempo. Ma non voglio che sia solo chi arriva per primo, ma farlo bene è molto importante per noi.

L’azienda stava cercando di concentrarsi su “query collaborative creative”, ma le persone hanno subito iniziato a confrontarle con ciò che era disponibile sul mercato.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: