giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeGoogleGoogle Doc integrerà app di terze parti nei documenti

Google Doc integrerà app di terze parti nei documenti

Google continua a investire per rendere Workspace una piattaforma più connessa e potente, ma apre anche Documenti a sviluppatori di terze parti in grande stile. In futuro, tutto ciò che devi digitare è “@” e il nome di un file o di un’app che stai cercando e potrai vederlo e modificarlo da Google Docs.

La funzione si chiama “chip intelligenti” e si riferisce essenzialmente all’incorporamento di altre app in Google Docs. L’API che fa tutto questo lavoro è nuova: Google l’ha annunciato alla conferenza Cloud Next insieme a una manciata di partner. Gli utenti di Asana potranno gestire le proprie attività tramite un incorporamento in Docs; sarai in grado di vedere le anteprime visive delle schede Miro e Figma, anche se non c’è ancora il potere di modifica in-Docs lì; e potrai vedere l’analisi degli aggiornamenti in tempo reale tramite Tableau.

Il cambiamento di fondo qui è enorme e Google in realtà è in ritardo. Notion, Coda e altre app sono diventate popolari evolvendo i documenti digitali in costruttori di siti Web a basso codice. Puoi incorporare video di YouTube e file PDF, lavorare con i tuoi fogli di calcolo e gestire una bacheca kanban, il tutto in un unico “documento”. Google Docs, nel frattempo, è stato a lungo bloccato emulando un pezzo di carta 8,5 x 11.

(Una nota è che questo non è esattamente correlato all’annuncio di YouTube di ieri secondo cui tutti i creatori riceveranno @ handle in futuro, ma è interessante vedere l’azienda puntare tutto sul simbolo come indicatore di identità su Internet. Ovviamente, Google’s anche incredibilmente in ritardo rispetto a questa tendenza.)

Ma attraverso il concetto di “tela intelligente” di Google , l’azienda sta cercando di recuperare rapidamente. Molti dei concetti che alimentano l’idea, come una pagina senza bordi e tutti questi incorporamenti di app di terze parti, alla fine arriveranno anche a strumenti come Presentazioni e Fogli, ma Documenti è ovviamente un punto di partenza utile.

Utenti che lavorano su un documento Figma all'interno di una chiamata Meet. Immagine: Google

Tramite l’API Meet, potrai utilizzare altre app in una chiamata Meet.

Google consente inoltre agli sviluppatori un maggiore accesso a Meet, il suo altro strumento di lavoro più importante. Gli sviluppatori saranno in grado di incorporare i controlli di base delle riunioni – avvio, pianificazione, quel genere di cose – nelle loro app, ma saranno anche in grado di incorporare la loro tecnologia all’interno dell’app Meet stessa più o meno allo stesso modo di Documenti. Puoi modificare insieme un documento Figma dall’interno della chiamata Meet, ad esempio, senza bisogno di due finestre o di molti cambi di scheda. Google sta anche aggiungendo funzionalità simili per Chat e Spaces mentre cerca disperatamente di mettersi al passo con Slack e Microsoft Teams.

I nuovi chip sono ora disponibili per gli sviluppatori e arriveranno agli utenti a gennaio. Aparna Pappu, il nuovo capo di Google Workspace, ha dichiarato a The Verge che diventare una piattaforma è una parte fondamentale del futuro del prodotto. In generale, gli strumenti di lavoro stanno diventando sempre più connessi e integrati man mano che diventano più digitali e Google deve recuperare un po’ di ritardo se vuole fare di Documenti il ​​centro dell’universo lavorativo dei dipendenti. Se Google riesce a convincere gli sviluppatori a salire a bordo, potrebbe conquistare e riconquistare alcuni utenti di quella nuova generazione di editor ultra potenti.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial